Fiorentina: è finito il sogno? Forse la benzina

Fiorentina: è finito il sogno? Forse la benzina

Il commento dopo una deludente prestazione della Fiorentina contro un volitivo Sassuolo

di Saverio Pestuggia, @s_pestuggia

E’ finita la benzina, oppure la scintilla che si era accesa in tutto il gruppo dopo la scomparsa di Astori non genera più l’intensità di gioco di quella Fiorentina? Il pareggio con la Spal ha rotto l’incantesimo che si è definitivamente spezzato oggi con una brutta Fiorentina che ha perso contro un Sassuolo che non era certo irresistibile (in attacco) come la Lazio che abbiamo visto al Franchi. E adesso con un punto nelle ultime tre partite la rincorsa verso un’insperata Europa diventa maledettamente complicata.
Ma qual’è il vero valore della rosa che ha in mano Pioli? Forse come sempre la verità sta nel mezzo: non bella come quella tornata in pompa magna da Roma, ma neanche decisamente mediocre quella uscita male oggi a Reggio Emilia. Certo che qualche giocatore non riesce proprio ad avere un ruolo, ed anche un peso specifico, che possano farli confermare in una squadra che vuole, e deve, tornare a giocarsi l’Europa (LEGGI LE PAROLE DI ANDREA DELLA VALLE). Oggi sono andati tutti male, perfino Chiesa e Veretout hanno giocato a scartamento ridotto e anche Milenkovic ha commesso errori banali in fase di appoggio. Ma stiamo parlando di chi ha tirato la carretta, e anche bene, per tutta la stagione e di un giovane che è entrato da subito come un gladiatore e non aveva mai fallito un colpo.
Difficile capire come potranno essere mantenuti a Firenze invece giocatori come Falcinelli, Dias, Olivera che anche oggi non hanno dato un apporto sufficiente. Per non parlare di Gaspar ricomparso misteriosamente al posto di Chiesa (ma a cosa porta questo cambio avrebbe detto Mario Ciuffi). Benassi continua a non convincere e alla lunga i 10 milioni pagati al Torino per un giovane che era stato messo un po’ in disparte da Mihajlovic, forse sono da considerare decisamente troppi. E Dragowski? In qualche situazione oggi è stato bravo ma mi pare sempre troppo fermo sulle gambe e con la tendenza a mettersi a sedere (tiro di Matri finito di poco a lato) che è mortifera per un portiere e ad uscire sempre con molte incertezze.
Adesso rifiatiamo tutti 8 giorni prima dell’arrivo al Franchi di un Napoli che solo domani sera sapremo se avrà ancora speranze di fregiarsi di un titolo da troppo in bianconero o se lo scontro diretto di domani sera ce lo consegnerà arreso e mazziato.
**************************************
LEGGI ANCHE:
– 51 punti in 34 gare: la Fiorentina di Pioli è la peggiore degli ultimi 6 anni
– Primavera 1 – Fiorentina saldamente in zona play off. La classifica aggiornata
– Il calendario viola: le date aggiornate con gli anticipi e i posticipi
**************************************


3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robin.b_737 - 4 settimane fa

    La partita con la Lazio è stata dispendiosa sotto tutti i punti di vista. Poi ci fanno giocare al sabato e tre giorni, dopo quella partita in particolare, non sono bastati a recuperare mentalmente oltre che fisicamente. Lo si è capito dai passaggi sbagliati, dai tiri sballati di Chiesa, dagli zero passaggi in area a Falcinelli, dal rifiatare di Veretout e dalla difesa traballante priva della sua guida. Poi il problema, annoso, dei sostituti non all’altezza. E su questo bisognerà intervenire al pari di qualche titolare di maggior spessore. Contro il Napoli sarà un’altra Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pino.guastell_344 - 4 settimane fa

    Per illuderci, no? Ma lasciamo perdere. In otto giorni la vivace squadra delle sei partite vinte consecutivamente si è sciolta come neve al sole. Non abbiamo speranza alcuna di entrare tra le squadre che giocheranno in Europa. I nostri giocatori sono quelli che abbiamo visto oggi contro il Sassuolo: una banda di sciagurati, incapaci di impensierire Consigli, il che è tutto dire. E poi, fino a quando la squadra sarà allenata da Pioli non ci sarà roseo futuro. Guardate il giovane allenatore del Benevento di cosa è stato capace a San Siro. Questi sono allenatori che sanno trasmettere il fuoco ai suoi giocatori. Il nostro mister se ne sta 90 minuti con le braccia conserte, ogni tanto urla a qualcuno di andare avanti, sbaglia sistematicamente le formazioni e le sostituzioni e come tutti i falsi maghi del calcio fa degli esperimenti che si rivelano disastrosi. Nonostante tutti gli opinionisti e i tifosi gli avessero detto di non far più giocare Falcinetti, il signor Pioli ha lasciato in panchina Simeone e ha schierato dal primo minuto l’inutile e irrilevante Falcinetti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Babbo Viola - 4 settimane fa

    intanto il Milan ha perso.
    continuare a sostenere questo gruppo.
    comunque vada.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy