VIDEO – Nostalgia canaglia: Ilicic-Kalinic, che spettacolo la lezione di calcio alla Sampdoria

L’8 novembre 2015 la Fiorentina di Sousa batteva per 2-0 la Sampdoria a Marassi. Fu una lezione di calcio. Insieme al 4-1 inflitto all’Inter a San Siro, quella vittoria è stato il punto più alto raggiunto dalla squadra viola nella stagione 2015-16

Bella, spettacolare, solida. Ma, soprattutto, prima. Furono lodi su lodi all’indomani di quell’otto novembre 2015. Giusto, normale perché la domenica sera precedente la Fiorentina diede una lezione di calcio alla Sampdoria al “Ferraris”, non certo uno degli stadi più facili da espugnare.

Vittoria per 2-0 al termine di una partita perfetta, giocata dai ragazzi di Paulo Sousa con qualità, personalità e consapevolezza nei propri mezzi. La squadra blucerchiata, alla prima sconfitta stagionale in casa, non ci capì nulla. Troppa la differenza di valori in campo.

A segnare, impossibile dimenticare, furono Ilicic su rigore al decimo minuto del primo tempo e Kalinic al tredicesimo della ripresa al termine di un’azione da manuale del calcio. E pensare che il croato avrebbe potuto segnare già nella frazione iniziale, se non fosse stato per l’errore a tu per tu con l’ex Viviano.

Grazie a quella vittoria la Fiorentina si riportò in testa alla classifica a braccetto con l’Inter. La sconfitta, invece, costò caro a Zenga, esonerato il 10 novembre. Al suo posto arrivò Vincenzo Montella.

Insieme al 4-1 inflitto all’Inter a settembre a San Siro, quel 2-0 è stato il punto più alto raggiunto dalla squadra di Sousa nella stagione 2015-16. Ilicic e Kalinic si presero giustamente la scena, ma anche Bernardeschi, schierato sulla fascia, non fu da meno. Il giorno dopo la vittoria, Violanews.com gli dedicò un articolo intitolato “‘Il ragazzo si farà’. E non ha le spalle strette”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy