Tutti aspettano il vero Muriel: l’attaccante colombiano non segna in campionato da due mesi

E’ un caso che la discesa verticale della Fiorentina sia andata di pari passo con il digiuno da gol di Muriel? No, troppo importanti le sue reti

di Redazione VN

Focus su Luis Muriel all’interno dell’edizione odierna di Stadio. Il quotidiano sottolinea lo score in viola del colombiano: 9 gol e 2 assist in 20 partite,un riferimento numerico più che eloquente per definire l’impatto di Muriel sulla Fiorentina in quattro mesi. Non a caso la società ha già deciso di esercitare l’opzione a proprio favore per riscattarlo a fine stagione, portando così a quasi 15 milioni complessivi l’investimento economico per tenerlo a Firenze.

Nonostante questo Muriel non segna in campionato da due mesi esatti, da Fiorentina-Lazio dello scorso 10 marzo, mentre l’ultima marcatura in coppa Italia risale alla semifinale di ritorno in casa dell’Atalanta. Muriel quasi da solo ha cercato di tenere in piedi la baracca, forte di una classe che non è comune e di un senso del gol men che mai ad uso e consumo di molti. E’ un caso che la discesa verticale della Fiorentina sia andata di pari passo con il digiuno da gol di Muriel, ferma restando l’assoluzione da responsabilità personali? No. Troppo importanti le reti dell’attaccante sudamericano. MURIEL, IDEE CHIARE SUL FUTURO: L’INDIZIO SUL SUO RISCATTO

Violanews consiglia

Muriel e Piatek, Fiorentina-Milan è (anche) caccia al gol perduto

FOTO VN – Muriel, visita familiare: il padre al centro sportivo

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13899791 - 2 anni fa

    Non è possibile dare colpa a lui, non segna perchè non ha nessuno che lo sostiene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-2073653 - 2 anni fa

    Mi raccomando riscattiamolo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maël - 2 anni fa

    Non lo ricomprerò. È meglio ricostruire la squadra con giocatori italiani. Ai lati, c’è Lazzari, Verdi, Berardi, Orsolini da prendere. È necessario mettere Chiesa in asse come secondo attaccante, con la stessa libertà sul terreno che un Messi. È fondamentale rafforzare il centrocampo con giocatori qualitativi come Sensi, Baselli, Gagliardini, Mandragora, Tonali. In difesa, o tieni Milenkovic o devi investire in un grande difensore come Izzo. Per i lati, penso che Biraghi e Laurini non abbiano il livello. È imperativo cambiarli con giovani giocatori con un forte potenziale come Depaoli, Pezzella, Pellegrini, Barecca, Di Lorenzo. Per il posto del portiere abbiamo due grandi giovane con Lafont e Dragowski, ma mi chiedo se l’acquisto Cragno non sarebbe più saggio riempire le casse con la cessione dei primi due. Riposare il post dell’attaccante da modificare. Simeone ci rende un Pjaca psicologico. Sarebbe meglio provare Vlahovic. O troverà il miglior giocatore possibile, il che non è ovvio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy