Ingaggi, stop alle follie ma la Fiorentina sale: è settima. E spende molto più dell’Atalanta…

Lo studio Gazzetta

di Redazione VN

La Gazzetta dello Sport di oggi sottolinea come in Serie A la tendenza sia quella di risparmiare e tagliare sul monte ingaggi, come ha fatto la Juventus (58 milioni in meno), ma come non hanno fatto alcune squadre, l’Inter su tutti. Tra queste, c’è anche la Fiorentina, che ha aggiunto 5 milioni al suo computo totale, portandolo a 55 milioni all’anno di stipendi, ben 13 in più rispetto alla capolista Atalanta, che pure ha aumentato anch’essa le spese. Ribery (4) e Callejon (2,2) sono gli unici multimilionari in rosa, mentre esuberi come Eysseric e Saponara guadagnano rispettivamente 1 e 0,8 milioni a stagione.

PULGAR, IL CALVARIO E’ FINITO. E ANCHE AMRABAT SORRIDE…

FLORENCE, ITALY – SEPTEMBER 19: Franck Ribery of ACF Fiorentina looks on during the Serie A match between ACF Fiorentina and Torino FC at Stadio Artemio Franchi on September 19, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SPIRITO VIOLA - 1 settimana fa

    So di parlare ad un popolo che riesce ad avere tre opinioni diverse essendo in due a discutere, ma non capisco a cosa serve criticare ora Dirigenza Allenatore e giocatori.
    Ammettiamo che Iachini non sia l’allenatore più adatto, che Pradè abbia sbagliato e che i giocatori siano tutti scarsi e fuori ruolo.
    Pensate che se fossero vere tutte queste cose per l’ambiente sarebbe più facile avere gli avvoltoi sulla spalliera li pronti ad aspettare il cadavere per dire io l’avevo detto.
    Una cosa che non ha l’Atalanta sono i Fiorentini altrimenti sarebbero fritti altro che 1 in classifica.SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. andrea_fi - 1 settimana fa

    Pioli non andava bene. Montella non andava bene. Iachini non va bene. Il prossimo SICURAMENTE non andrà bene. Ma è sempre colpa dell’allenatore. Come se in campo ci andasse l’allenatore. Come se fosse stato iachini a sbagliare il 2-4 contro l’Inter a Milano in un calcio di rigore in movimento. La fortuna degli allenatori la fanno i giocatori in campo. Non è colpa di iachini se la società non ha comprato la punta. Però continuate a illudervi su l’allenatore. E infamare iachini. Per esempio Ranieri un genio un anno in Inghilterra. Oggi a Firenze verrebbe snobbato. Testa di tifosi buona solo per portare cappello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mcweb - 1 settimana fa

    Poi quando uno dice che al di là delle buone anzi ottime intenzioni, non esiste un.progetto sportivo da competenti e non esiste neanche un allenatore in grado di portare avanti il progetto, i soliti brodi si arrabbiano e i bimbiminkia si divertono a mettere lo stupido pollicino giu.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ivo - 1 settimana fa

    E’ un peccato perchè in questi due anni si stanno buttando via un sacco di soldi per niente. Non c’è ancora alcuna programmazione. Non c’è una rete di osservatori, non c’è una logica sul mercato, non c’è un allenatore con cui costruire qualcosa. Ennesimo anno di transizione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bottegaio - 1 settimana fa

    Io non ho letto l’articolo, posto un commento che ci può stare con l’argomento.
    Ho sempre pensato che il gap, lo spread vs una società che ti sta sopra in qualche modo lo paghi. Vuoi ingaggiare una figura di alto livello? quel gap lo paghi. Vuoi un giocatore, ma non fai le competizioni europee (che sono le uniche che contano e portano risorse), beh quel gap lo paghi. Non hai strutture durevoli come immobili ecc? Vai a chiedere un finanziamento e poi vedi se non lo paghi in termini di interessi e garanzie. Sono cose normali, comuni a tutti. Dalle grandi corporation all’ultimo dei cittadini. Tutti noi abbiamo uno spread vs il credito/debito. La nostra Viola a oggi ha quello che vediamo in campo e un terreno che al momento non ha niente di valore aggiunto sopra.
    Con il tempo e con il valore aggiunto del CS e Stadio di proprietà i costi di finanziamento caleranno in termini di interesse.
    Io leggo commenti su alcune società per l’alto debito, ma dovete rendervi conto che si, c’è un alto debito ma sono anche altamente patrimonializzate. C’è bisogno di correttivi dopo di che il debito è sostenibile, insomma è un discorso complesso, ma Commisso ci porterà a quei livelli e torneremo competitivi.Ora c’è da spendere per investire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dallapadella - 1 settimana fa

    L’Atalanta, come il Siviglia o il Lipsia, rappresentano la classica ciliegina che capita una volta ogni tanto.
    Come dice giustamente Jack inutile rapportarsi con piazze come Bergamo, Verona e Parma dove sono molto più umili del tifoso fiorentino medio.
    Andando su piazze più “calde” a me basterebbe seguire l’esempio del Napoli che, a parte i personalismi di ADL, vende senza isterie i migliori ma sa reinvestire subito. O della Lazio che compra spesso bene all’estero e mantiene un progetto tattico stabile da anni. Delle loro coppette Italia me ne frega il giusto ma quello che invidio è il gioco che hanno saputo sviluppare per anni consecutivi.
    Con i DV avevamo avuto 2 cicli come i loro, con la sfiga che a quel tempo entravano meno squadre in CL. Riusciremo a ripeterlo, nel giro di 2-3 anni?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ghibellino viola - 1 settimana fa

    Però sulla programmazione mica sono tanto d’accordo con quelli che scrivono qui sotto. Negli ultimi anni abbiamo visto salire dalla primavera chiesa bernardeschi mancini piccini babacar zaniolo gollini dalle mura sottil venuti vlahovic… e qualcuno dimentico di sicuro. Cioè il settore giovanile ha lavorato bene. Il problema è il passaggio tra primavera e prima squadra che è andato male. Per tanti motivi, sicuramente anche l’incompetenza delle varie direzioni sportive che si sono succedute, qualcosa è andato storto. Di sicuro un problema è il monte ingaggi e in generale l’attrattiva della Fiorentina paragonata alle altre (l’Atalanta è l’eccezione, come lo è stata l’udinese dieci anni fa o il Chievo). Per questo sono convinto della bontà delle idee di Rocco su centro sportivo e stadio. Rispetto ad altre realtà tipo la nostra (Atalanta, Lazio, Napoli) però ci è mancato soprattutto l’acquisto a prezzi medi (5/10 milioni) di giocatori che hanno reso molto di più. Vedi ilicic Luis alberto allan koulibaly ecc. da noi i vari simeone pulgar benassi Cutrone per ora hanno pesantemente deluso. Altri invece sono riusciti a tenere i prodotti del vivaio e costruirci la squadra intorno (Napoli con insigne).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 1 settimana fa

      Guarda che quei giovani che sono usciti dalla Primavera avevano dei dirigenti che oggi non ci sono più.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ghibellino viola - 1 settimana fa

      È vero. Ovviamente la maggior parte degli errori sono stati fatti dai della valle, meno da commisso (anche solo per la differenza di anni). Ma io preferisco parlare di Fiorentina non di chi è la proprietà. Per me la Fiorentina è la Fiorentina non importa chi è il presidente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 1 settimana fa

        Sono d’accordo ma facevo per dirti che questa dirigenza è totalmente fallace in quanto a organizzazione sia per la prima squadra che per il settore giovanile. Quando lo ritrovi uno come Vergine? Il problema di fondo che nella Fiorentina non ci sono dirigenti capaci di fare la parte tecnica come è stata fatta da altre parti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. 29agosto1926 - 1 settimana fa

    Il problema non è aumentare il monte ingaggi, il problema è raggiungere i risultati che il monte ingaggi dovrebbe assicurarti ed invece questo non accade da anni. Se non programmiamo il nostro futuro con un allenatore a lunga scadenza ed un settore tecnico capace continueremo a navigare al buio per molto tempo ancora. Rocco dovrebbe affidarsi ad un “Gestore” che sapesse dove mettere le mani perché purtroppo abbiamo visto cosa significa non avere persone all’altezza della situazione. Inutile mettere soldi se poi non vengono spesi come dovrebbe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 1 settimana fa

      Sottoscrivo l’ultima frase che va di pari passi alla visione congiunta tra DS e allenatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Nicco - 1 settimana fa

    Avete rotto le pelotas con questa Atalanta nn ci possiamo paragonare a loro, sono anni che programmano, noi abbiamo iniziato adesso, certo con un allenatore diverso saremmo sicuramente un passo avanti da come siamo adesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. I' Mastica - 1 settimana fa

      …purtroppo noi, con l’attuale comparto tecnico… non abbiamo ancora iniziato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. jackfi1 - 1 settimana fa

    Basta fare paragoni con l’Atalanta. Loro hanno una programmazione che parte anni e anni indietro che noi al momento non possiamo avere ma che, con scarsi risultati ad oggi (bisogna ammetterlo), stiamo provando a costruire. Inoltre all’atalanta c’è una stampa e un atteggiamento dei tifosi più incline a far crescere i giovani. Qui vengono messi in croce da stampa e specialmente dai tifosi sui social al primo errore. I tifosi dell’Atalanta sono consapevoli di essere un trampolino verso società più forti, quelli della fiorentina vedono la fiorentina come punto d’arrivo. Magari un giorno lo saremo ma oggi sicuramente no e vedere le offese (quelle per chiesa più che meritate viste le dichiarazioni di 3-4 anni fa) su una buona fetta di giocatori che lasciano Firenze ne é la riprova

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 1 settimana fa

      Hai dimenticato di dire che l’Atalanta ha un settore tecnico con fondamenta solidissime e non c’è un uomo solo al comando come alla Fiorentina dal 2005 a questa parte con Corvino e poi Pradé e poi ancora Corvino e poi ancora Pradé. Mi dispiace molto che a Pradé in conferenza stampa non è stato chiesto se avesse da fare qualche autocritica visto che ha ceduto la maggior parte dei calciatori che egli stesso aveva portato alla Fiorentina negli ultimi 15 mesi. Questi sono fatti, è Pradé stesso con i suoi atti che ha giudicato largamente insufficiente il suo operato. Io continuo a pensare che Rocco Commesso non sia scemo e se la squadra nei prossimi due mesi non viaggia a ritmo decente Pradé prende la porta entro Natale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 1 settimana fa

        Perfettamente d’accordo. In altri articoli infatti avevo commentato dicendo che nonostante la rivoluzione tanti degli acquisti di Pradè erano finiti per fare le riserve ai giocatori della precedente gestione. Con la sampdoria avevamo in campo 7 giocatori provenienti dalla vecchia gestione e solo 4 comprati da Pradè. Però mi sono preso di leccavalle per averlo fatto notare. ahahah

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Zinigata - 1 settimana fa

      Sono d’accordo su tutto ma aggiungo che su Chiesa, pur essendo lui colpevole di un bel po’ di errori, abbiamo veramente passato il limite e noi tifosi/fiorentini ci siamo messi dalla parte del torto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 1 settimana fa

        indubbiamente. FInchè ci limitiamo al sarcasmo pungente dei fiorentini ok. Le offese al fratellino e al padre sono squallidi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mauro65 - 1 settimana fa

      Bravo Jack…tutto giusto. La pazienza non è il nostro forte e certi giornalai fanno a gara a alimentare polemiche, portandosi dietro tanti eroi della tastiera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy