Franchi, parte il conto alla rovescia. Il Ministero ha 90 giorni per rispondere ad ACF

La richiesta è stata inviata

di Redazione VN

La richiesta di indicare formalmente quali elementi siano da preservare in occasione dell’intervento sullo stadio Franchi. E una lettera di Nardella, che ribadisce come il Comune lavori al fianco della Fiorentina. Questo il contenuto della raccomandata che sarà spedita oggi a Roma, dopo una riunione telematica di alcuni giorni fa tra ACF, Comune di Firenze e Ministero dei Beni Culturali in merito alla questione nuovo impianto. Commisso, scrive il Corriere Fiorentino, non vuole imbarcarsi nel progetto senza sapere nel dettaglio cosa può e non può fare, perché un “non va bene” può costargli milioni di euro. L’incontro online ha dato buoni esiti, ed è stata riscontrata un’apertura al dialogo. Da qui l’invio della lettera, che contiene le indicazioni del nuovo progetto Casamonti; la risposta sarà importante per capire come muoversi e decidere se finalmente ci saranno gli estremi per farlo. La legge assegna 90 giorni di tempo al Ministero per rispondere, ma da Roma fanno l’occhiolino e assicurano che ne sapremo qualcosa molto prima.

BARONE: “PRANDELLI E’ D’ACCORDO, LA STAGIONE NON E’ COMPROMESSA”

FLORENCE, ITALY – JULY 19: General view during the Serie A match between ACF Fiorentina and Torino FC at Stadio Artemio Franchi on July 19, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Glover - 1 settimana fa

    Andiamo a Campi Bisenzio e non se ne parla più… 37 ettari liberi, pronti all’uso… un gran bello Stadio tipo Gelsenkirken o Bilbao, un paio di grattacieli che ospiteranno l’Hotel con vista sul campo e il centro commerciale con Museo e uffici… E gente che arriverà da tutta la Toscana e regioni limitrofe con le famiglie, come ai Gigli… Nessuno ci fermerà più… il mondo tremera`… si tingera di Viola, per sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Parpol - 1 settimana fa

    La cosa più logica sarebbe risistemare il vecchio Franchi con le nuove esigenze, salvando il salvabile… in una città dove sono state buttate giù le mura Michelangiolesche per allargare il tessuto urbano, accapigliarsi su 20 gradoni in freddo cemento armato mi sembra ridicolo… Manteniamo le peculiarità e rifacciamo il resto. Leggo che ci sono promotori di riportare il Franchi ai “fasti” pre Italia 90… mi domando a volte se l’accoppiata inquinamento-Covid non produca strascichi nella mente umana…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CIRANO - 7 giorni fa

      Mura Michelangiolesche?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. mannishboy - 7 giorni fa

        Beh, più o meno. Michelangelo scapitozzò le torri e rimaneggiò qua e là delle mura che avevano già quasi 200 anni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. CIRANO - 7 giorni fa

          Si ma oltrarno, Zona S.Miniato/Belvedere, allo scopo di aumentare le difese per il famoso assedio immortalato nel quadro in Palazzo Vecchio. Mica si parla di quelle demolite per far posto ai Viali.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabio1926 - 1 settimana fa

    Non se ne farà nulla per un semplice motivo: siamo un paese politicamente inetto. Non mettetevi a farne una questione di schieramenti destra sinistra, il punto è la decadenza civile e culturale che ormai ci ha completamente sommerso. Tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marco pennaviola - 1 settimana fa

    90 + 30 eventuali se non ci capiscono nulla…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy