Stadio, è guerra aperta. Così si infrange il sogno della grande Firenze

Stadio, è guerra aperta. Così si infrange il sogno della grande Firenze

E’ bagarre tra Nardella e Fossi per il nuovo stadio della Fiorentina. L’analisi di Repubblica

di Redazione VN

E’ un muro contro muro quello che si aggiunge alla storia dei rapporti tra Firenze e la Piana per ‘colpa’ del nuovo stadio della Fiorentina. Una dichiarazione di guerra quella di ieri Nardella nei confronti del sindaco di Campi Fossi (che ha risposto per le rime), che ha raggiunto livelli maggiori anche rispetto alla questione aeroporto o inceneritore. Come si legge su Repubblica Fossi, approfittando delle difficoltà di Firenze, ha candidato trenta ettari del proprio territorio come si trattasse di un’asta urbanistica. “E se è comprensibile che il tema dello stadio sollevi posizioni viscerali che richiamano lo spirito del tifoso, non è giustificabile che lo sviluppo del cuore della Toscana venga tradotto in un braccio di ferro tra principati confinanti e sovranisti” scrive Massimo Vanni. Lo stadio è oggi l’emblema di un rapporto non risolto, quello tra la Firenze egemonica e celebrata nel mondo e i Comuni considerati vassalli.

Mettetevi nei panni di Rocco Commisso: a New York racconterebbe che il nuovo stadio della Fiorentina nasce a Campi o a Firenze? Davanti allo scenario internazionale, fatto di città che contengono la popolazione di quattro o cinque Toscane, il futuro di Firenze non può essere pensato entro i suoi confini comunali. Lo stadio potrebbe essere l’occasione per guardare più in grande, per risolvere i rapporti oggi conflittuali su un livello diverso: la prospettiva di dar vita alla Grande Firenze.

Pres. Mercafir: “Due anni per il trasferimento”

37 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Julinho - 1 mese fa

    L’evidenza dell’incapacità dei politici odierni è sotto gli occhi di tutti. Renzi, Nardella, Lotti….. lo stadio se va bene lo andiamo a fare a Poggibonsi.
    Che tristezza, nemmeno sulle cose che ci dovrebbero unire aldilà delle opinioni politiche si riesce a fare sintesi… del resto dal nulla cose volete che nasca? Che vadano un po’ a lavorare davvero, alla catena di montaggio e poi tante pippe svanirebbero da sole!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rudy - 1 mese fa

    Tutti a fare il tifo per Commisso solo perché vuole investire per fare uno stadio nuovo. Allora che dovrebbe dire l’imprenditore argentino che ha pronti 500 mln. da investire su Firenze da anni e il Sindaco di Campi, insieme a quello di Sesto, gli hanno messo tutti i bastoni tra le ruote possibili. Se Fossi e Falchi, anziché cavalcare fake news ambientaliste e correre dietro a sprovveduti Comitati, non avessero ostacolato lo sviluppo aeroportuale di Firenze oggi la diatriba non si porrebbe. Magari di negativo c’è che avremmo ancora i DV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Valter - 1 mese fa

    Renzi non è mai stato di sinistra.
    Ti sembra che abbia mai fatto cose fa sinistra?
    la sinistra se lo è tenuto per i voti che portava.. per poi essere danneggiata dai disastri fatti, e ancora non siamo alla fine.
    Renzi non si fermerà finché non avrà distrutto la sinistra..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Valter - 1 mese fa

    Perché non si riesce a fare niente a Firenze?
    Perché Firenze è una piccola città anzi più che città è un paese con strade piccole. Siamo talmente compressi che qualsiasi nuovo progetto che prevede l’aggiunta di qualsiasi struttura grande diventa un problema senza soluzione.. e qui comincia la giostra degli accordi/dei compromessi da dover accordare tra le parti coinvolte per accontentare tutti e.. non si arriva mai alla soluzione.
    Questo giochetto senza fine tiene a galla/consente al sindaco e/o chi ne vuole approfittare di promettere e non arrivare mai alla fine grazie alla colpa che è sempre di qualcun altro e mai di chi ha scelto una via irrealizzabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Schicchi - 1 mese fa

    Qualunque sia la decisione di Commisso va appoggiata.
    E’ un imprenditore che desidera investire sulla nostra città metropolitana, e vuole vedere le sue opere realizzate prima possibile.
    Questo significa tanto di quel lavoro e indotto mai visto negli ultimi trent’anni nel nostro territorio.

    Non puoi stare sulla corsia di sorpasso in autostrada a 70 km l’ora, se vuoi andare a quella velocità, ti sposti nella corsia apposita e lasci la libertà agli altri di sorpassare nei limiti di legge.

    La situzione è chiara: dopo tutto il tempo trascorso a parlare con i Della Valle, se Nardella non ce la fa a far fare a Commisso lo stadio alla Mercafir negli stessi tempi con cui si farebbe a Campi Bisenzio, si deve…’spostare’.
    Commisso Senatore, Barone Sindaco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vannucci.alessandr_606 - 1 mese fa

      La situazione è proprio chiara per fare lo stadio a Campi i tempi sarebbero minori, ma per poter usufruire dello stadio c’è bisogno di poterci arrivare, e dove si trova il terreno di cui parla Fossi non è proprio semplice. L a ferrovia mi sembra lontana un 4 Km, la tramvia non è stata ancora finanziata e comunque il progetto non la fa passare li vicino (allo stato dei fatti ci vorranno 4-5 anni). Il risultato è che dovunque lo facciano a Firenze una volta fatto lo stadio è pienamente usufruibile, ergo i tempi son inferiori a farlo a Firenze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Schicchi - 1 mese fa

        Eppure sono tantissimi quelli che vanno in auto o in moto all’Artemio Franchi, neanche lì ci hanno fatto arrivare la tramvia, per ora.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Barsineee - 1 mese fa

    Interessante trovare un dibattito politico sugli interessi collettivi vs gli interessi del singolo in un sito sportivo. Il sindaco fa un lavoro complicato. L’unico suo obiettivo è quello di migliorare il comune e i suoi “clienti” sono la popolazione (fisica e societaria) del comune stesso. Non esiste una grande firenze, una piccola firenze. Esistono una serie di comuni che hanno un sindaco interessato al proprio elettorato. I cittadini di un altro comune non partecipano all’elezione a sindaco! Io non sono un elettore di Nardella perché non abito più a Firenze da 30 anni ma mi chiedo: se lo stadio si realizza in un altro comune, chi si accolla i costi delle infrastrutture per raggiungere lo stadio? Le strade? La tramvia? Gli svincoli? I parcheggi scambiatori? Gli accordi con Trenitalia per chiedere una stazione vicina? Chi si accolla l’onere della gestione del traffico su tutto il territorio interessato? Se la Fiorentina si trasferisce in un altro comune senza nessun accordo economico a monte, non perde Nardella, perde il comune di Firenze, che si ritroverà a non incassare i soldi dalla Fiorentina e a dover sostenere costi importanti per mettere in condizione gli abitanti del comune di Firenze a recarsi allo stadio. A quanto ammonta il mancato incasso annuo di uno stadio fuori dal territorio di Firenze? Chi lo paga questo mancato incasso? I cittadini del comune di Firenze. Quando si crea una grande opera (il prossimo stadio non sarà costruito perchè tra 50/60 anni forse il calcio non esisterà più), si deve lavorare tutti assieme per il bene comune del territorio. Quando si parla di fast fast fast, ci si dimentica che negli Stati Uniti i permessi si ottengono in pochi giorni perché le regole sono chiare e gli imprenditori vanno in carcere se le infrangono. Quando si parla di stadio fuori dal territorio di Firenze, bisognerebbe chiedersi anche se quel territorio è in grado di gestire un’opera di questa entità. Tutti i comuni circostanti che subiscono l’opera dovrebbero solo sostenere i costi e avere nessun beneficio? Se l’intenzione del sindaco di Campi è questa, prepariamoci all’ennesima guerra di trincea che ci farà stare al Franchi per i prossimi mille mila anni. Ahhhh il sindaco di Campi ha negli anni dimostrato come è possibile rinviare un’opera pubblica fatta in un altro comune facendo questa guerra di trincea. Spero che non sia così sciocco da non comprendere che qualsiasi sindaco di Firenze, si opporrà con tutte le sue forze a realizzare un spazio fuori dai confini di Firenze senza riceverne i dovuti rientri. E’ proprio questo il dramma dell’Italia. Incapacità di contrattare e pensare di fare sempre tutti da soli! Nimby but also NiYby!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Schicchi - 1 mese fa

      Se vuoi fare da mediatore con il presidente della Mercafir per accelerare i tempi e risolvere i problemi di Nardella, ti facciamo Sindaco.
      Perché è quello che un sindaco di Firenze dovrebbe fare adesso, e alla svelta, visti i tempi trascorsi con Della Valle a traccheggiare in questioni burocratiche.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fornamas63 - 1 mese fa

      Discorso equilibrato e ben argomentato, da cittadino di Firenze e tifoso mi chiedo però se l’amministrazione comunale non sia esente da critiche sui ritardi nella gestione dell’area Mercafir. E’ da Renzi Sindaco che è passato il Piano di sviluppo cittadino com’è che ancora lo spostamento della Mercafir (di cui il comune detiene la maggiornaza della proprietà se non sbaglio) è in attesa di uno straccio di orientamento concreto? Senza fare dietrologia vedo dietro alcuni errori di valutazione nel progetto complessivo di sviluppo di quell’area e di quelle intorno (vedi pista dell’aereoporto ed oneri di trasferimento della Mercafir) che hanno compromesso la fattibilità dello stadio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Larry_Smith - 1 mese fa

    Il problema è malposto. Se la Fiorentina va a giocare a Campi non significa che vada a giocare fuori Firenze. Significa che Campi è diventata parte di Firenze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. dallapadella - 1 mese fa

    Scusate, da Piazza Duomo all’area di Campi dove sorgerebbe sono suppergiù 12 km. Sono andato a calcolare quanto dista l’Allianz Arena dal centro di monaco: sempre 12 km. In entrambi i casi, vicini a svncoli autostradali e, se ci arriverà la tramvia, ai mezzi pubblici. Di che stiamo parlando?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iG - 1 mese fa

      Appunto, piuttosto la capra di Nardelals i preoccupi di potenziare i mezzi pubblici da Firenze a Campi che ci vuole a portare 2 TRAM?! Ma vedrete cominceranno le guerre e le gelosie tra esponenti dello stesso partito ma in concorrenza. RIDICOLI

      Comunque COMISSO e’ Americano e abituato alla scaltrezza e non ai giochini di palazzo e giustamente se ne frega delle piccolezze del Bottegone. Andra’ dritto come un treno in corsa per dove sara’ piu’ veloce farlo e dove piu’ conveniente per le sue tasche. E fa bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Sonoio - 1 mese fa

    È SOLO INTERESSE PERSONALE.
    A QUESTO INCAPACE DI PULCINELLA NON INTERESSA NULLA.. NÉ DELLA FIORENTINA NÉ DÌ FIRENZE.
    PENSA SOLO ALLA SUA CARRIERA E POLTRONA POLITICA.
    SE SOLO AVESSE UN PO’ DI RISPETTO PER LA CITTÀ CHE LO HA ACCOLTO (E’ NAPURIELLO) E PER QUEI COGL…NI CHE LO HANNO VOTATO DIREBBE SOLO INA COSA: NEL COMUNE NON C’È POSTO, TRASFERIRE LA METCAFIR È UN CASINO INFERNALE, LUNGO E COSTOSO, ROCCO VAI A CAMPI.
    E INVECE NO DICHIARA GUERRA SL SINDACO FI CAMPI, MA CARO INSIGNIFICANTE PULCINELLA AVRSI TUTTA la città contro. Stai attento!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. gildo - 1 mese fa

    Situazione ridicola. In mezzo ad una marea di persone che chiaccherano tanto e fanno poco. Abbiamo trovato un presidente che ha deciso di fare invece che parlare. Ai tifosi, che lo stadio sia dentro o fuori di qualche km il comune di Firenze, cosa gli importa ? E una questione solo politica che penso a tutti quelli che tifano viola non frega niente .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. maliseti - 1 mese fa

    Mettere insieme stadio, aeroporto e inceneritore poteva aver senso quando le tre opere vedevano un coinvolgimento diretto della pubblica amministrazione, con il comune che avrebbe messo a disposizione il terreno mantenendo la proprietá dello stadio e dando alla Fiorentina il solo diritto di superfice (dellavalle style).

    Lo scenario odierno è mooolto diverso: c’è un privato disposto a spendere i suoi soldi per avere un suo terreno e un suo stadio, la.pubblica amministrazione non c’entra piú nulla se non nella misura delle relative autorizzazioni da rilasciarsi cmq in presenza dei requisiti di legge.

    Ci credo che al Comune di Firenze gli bruci il culo, dopo tot anni il Franchi da fonte di in troiti diventerebbe un costo e un relitto.

    Problema, questo, non della Fiorentina.
    Allora la metto cosí: chi oggi si preoccupa degli interessi del comune e spera prevalgano quelli, sia diaposto a continuare a vedere le partite in un impianto vetusto, scomodo al freddo, al caldo, sotto l’acqua e il solleone.
    Chi invece guarda alla sua passione di sportivo, al piacere di vivere il calcio in uno stadio moderno, al bene della Fiorentina, dovrebbe sostenere caldamente l’ipotesi Campi.
    Tra le proposte raffazzonate di Nardella e quella di Fossi, vince il Campigiano 6-0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. cosimo90-fi_492 - 1 mese fa

    Signori la questione a me pare semplice, Commisso è un uomo che vuole fare e se a Firenze entro un lasso di tempo brevissimo e senza fregature, tipo pagare il trasloco, glielo fanno fare lo fa sennò va dove non ci sono beghe. Campi alla fine è come Scandicci sesto bagno a Ripoli lastra a Signa e Signa, ovviamente anche Fiesole e Impruneta ma sono comuni collinari, è Firenze è la grande Firenze e io sono di Firenze Sud quindi figurati per arrivare a campi è un viaggio con il traffico che c è però se questa è la soluzione più rapida e meno complicata si fa lì e fine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. alexz - 1 mese fa

    … sono sempre più convinto che le dicvhiarazioni di Nardella a non voler pro-seguire l’avventura con renzi, sia strategica alla distruzione del pd. Nardella avrà la responsabilità della prima estinzione di massa della (sedicente) sx fiorentina!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iG - 1 mese fa

      la SX? Fiorentina?
      Perche’ RENZI e’di SX?
      Non esiste piu’ DX e SX ma la divisione va fatta tra competenti ladri incompetenti quaraquaqua caporali e upmini ( sempre piu’ rari e NARDELLA, come del resto RENZI non appartiene a quest’ ultima categoria ).
      Se la gente cominciasse a votare con la TESTA e non con le pezze al C di quanto faceva nonno UGO sto paese andrebbe meglio e anche FIRENZE

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Sergio S - 1 mese fa

    Molti mi pare ragionino come se la Fiorentina fosse cosa riservata solo agli abitanti del centro cittadino. Rimanendo pervicamente attaccati ad un pensiero VECCHIO di Firenze. Ma non siamo più nel medioevo, eh. Se si vuole che l’immagine della squadra (ma anche della città!) cresca e si valorizzi, aumentando il numero di tifosi sparso nel mondo, non si possono ancora avere atteggiamenti da signorotti col contado. Per molti fiorentini e per pressochè tutti quelli di fuori (tifosi o meno), Firenze è una cosa sola con Campi, Sesto, Scandicci. Forse c’è qualcuno che vorrebbe l’IKEA in piazza Santa Croce o va all’Osmannoro senza problemi?! Io credo che uno stadio nuovo, comodo, magari più bello di quello dei gobbi sarebbe una soddisfazione immensa ed un vanto per tutti. Forza Rocco e un bel vaffa ai politici e ai loro interessi di bottega!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. CippoViola - 1 mese fa

    Tutti all’Asmanaaaaaa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Paob - 1 mese fa

    Ha perso Nardella ( indipendentemente ove si faccia lo stadio), sta perdendo TUTTA la politica fiorentina ( vedrete alle regionali). Spero solo che Rocco non si sfavi…l unico modo di andare avanti qua è ” a spallate tanto non metti d accordo nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Bottegaio - 1 mese fa

    È interessante il “silenzio” (volutamente virgolettato) degli assenti. Quelli che veramente hanno “potere” politico su Firenze, Renzi e Lotti.
    Troppi interessi in gioco e uomini potenti coinvolti, Commisso stesso è uomo di relazioni e potere, non di certo lo sprovveduto zio d’america che torna dopo aver fatto fortuna.
    Di certo c’è che Commisso ha sparigliato le carte e preso il banco del tavolo da gioco, infilandosi nella debolezza del sistema politico/burocratico italiano, ma è anche consapevole che non può forzare la mano a chi ha il potere di rendergli la vita imprenditoriale un inferno.
    Un compromesso si troverà… Un compromesso all’italiana.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dal greto dell'Arno - 1 mese fa

      Lotti non parla in quanto mi pare abbia problemi più urgenti a cui pensare, mi pare sia indagato per qualche cosuccia.
      Renzi non parla in quanto impegnato in trattative per tornare come presidente del consiglio bypassando il voto degli italiani. Quando dovrebbero trovarlo il tempo di pensare allo stadio nuovo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bottegaio - 1 mese fa

        Guarda, te lo dice uno che il renzismo lo vede come il fumo negli occhi.
        Questa gente qua, le beghe che citi, le mette in conto. Più potere hai, più attacchi ricevi.
        Possiamo stare certi che loro la notte dormono tranquilli, rispetto a noi se abbiamo sul groppone una gabella protestata da 50 euro

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. dallapadella - 1 mese fa

    Situazione complessa ma che, vista dall’estero, appare come una misera bega di quartiere.
    Il segnale che Commisso ha dato con il Centro Sportivo è importantissimo, adesso devono sapere che la decisione non può più essere rimandata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. SoloBorja - 1 mese fa

    Quello esposto con questa enfasi, mi sembra veramente un non problema. Io non sono toscano, ma mi sembra che si stia enfatizzando in maniera veramente esagerata una di quelle questioni di campanili tipiche dell’Italia, e a quanto vedo a maggior ragione della Toscana.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Giovanni - 1 mese fa

    Com’è logico la Fiorentina vorrebbe lo stadio di proprietà. Ci sono terreni
    adatti da comprare nel comune di Firenze? E’ possibile giocare quattro anni minimo in uno stadio in completa ristrutturazione (se la fanno fare) ?
    E’ mai possibile ragionare nel 2020 di confini comunali: per me Scandicci Campi Sesto Fiorentino Bagno a Ripoli sono Firenze. (Lo dice uno che è nato nel Viale Fanti e va allo stadio dal 1955).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Frank - 1 mese fa

    Quando si parla di aeroporto e inceneritore però non frega niente a nessuno della grande Firenze e della città metropolitana… Bisognerebbe essere costruttivi e ragionevoli su tutti gli argomenti e da entrambe le parti. Comunque alla fine decide Rocco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paolohendri_11578369 - 1 mese fa

      Quando si parla di salute si parteggia per quello che non ci fa morire. Vorrei vedere tutti gli splendidi che sono pro inceneritore se glielo facessero accanto a casa. Fate gli splendidi col sedere degli altri e se toccano il vostro orticello però…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Frank - 1 mese fa

        Quando si parla di salute ci si affida alla scienza e alla tecnologia. Provi a passare in provincia di Bolzano e provi a dimostrare se la loro salute e qualità della vita sono impattate dall’ inceneritore che è uno dei più avanzati in Europa. Come vede ci sono i presupposti per fare delle scelte serie per il bene di tutti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. paolohendri_11578369 - 1 mese fa

          Codeste sono le novelle che raccontano agli ingenui. Provi ad andare attorno a Bolzano all’inceneritore e scoprirà tante cose. Vedrà che se si parla Co. Cognizione di causa si fa più figura. Mi dia retta.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. jibox - 1 mese fa

    io non ho nessun problema personale con Campi, ma se lo stadio della squadra della mia città me lo fanno a più di 20 km da casa mia e se, per vedere una partita devo fare più di 40 km e 2 ore di viaggio, forse l’abbonamento non lo rifaccio. Scusate, ma ho una certa età. Comunque, a parte i casi personali che contano poco, se l’intento della fiorentina, come dichiarato dallo stesso Rocco, è quello di trarre risorse economiche dallo stadio, facendone anche un possibile luogo di attrazione per i milioni di turisti che passano da Firenze ogni anno, forse farlo a Campi non mi sembra sia una soluzione turisticamente praticabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cosimo de' Medici - 1 mese fa

      Sei comodo di nulla!
      Se lo stadio lo fanno a 20 km da casa tua, ma ti fanno il tram che in 20 minuti ci arriva, o ci metto o bus funzionali, te non fai l’abbonamento, ma altri 10 sì.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Nicco - 1 mese fa

      Scusami ma quelli che ne fanno 100 di km tutte le domeniche per vedere la Fiorentina di tutte le età dal bambino al signore di 80 anni, io fossi in te chiederei se possono giocare nel tuo salotto . Dai per favore scriviamo commenti sensati senza sparare cazzate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. mops - 1 mese fa

      WEEEE Bello! Io tutte le volte che voglio vedere la Viola. (6-7 volte all’anno) di Km ne devo fare 220……. ma questo è il meno che mi da fastidio! Quello che mi rode è dover entrare in Città (Firenze) cercare il parcheggio poi uscire adalla città e dover fare il percorso inverso! Media di multe per soste, almeno due all’anno! Non sara’ mica per le multe che il comune vuole lo stadio per accaparrarsi chissà quanti € per questo motivo!!!!!! sfv’57

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Valdemaro - 1 mese fa

    Bella supercazzola per dire che comunque lo stadio deve essere fatto a Campi.
    Anche perchè a Firenze sarà impossibile farlo, troppe bocche da sfamare…
    Avanti Rocco!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy