Stadio: Colpite pure la Fiorentina, non reagisce

Stadio: Colpite pure la Fiorentina, non reagisce

La fragilità della Fiorentina in due dati: quando va sotto perde sempre. E dopo il primo schiaffo, spesso ne prende subito un altro

di Redazione VN

«La vita è per il 10% cosa ti accade e per il 90% come reagisci». La frase di paternità anonima potrebbe, forse, essere appesa sulla porta dello spogliatoio viola al centro sportivo. Perché – sottolinea il Corriere dello Sport-Stadio ogni volta che la Fiorentina è andata in svantaggio, non ha mai sovvertito il risultato. E’ accaduto con Inter, Sampdoria, Juventus, Crotone e Roma. A Verona contro il Chievo, invece, pur essendo andata in vantaggio la Fiorentina ha poi perso facendosi rimontare da avversari tutt’altro che blasonati a causa della doppietta di Castro. Non solo, perchè c’è un altro dato che fa emergere la fragilità della squadra viola che per ben 3 volte ha subito due reti in pochissimi minuti. Esattamente nove quelli trascorsi contro l’Inter, fra il gol di Icardi che ha sbloccato e quello di Perisic che ha raddoppiato; centottanta secondi fra quello di Caprari e Quagliarella al Franchi contro la Samp e infine a Crotone appena due minuti fra quello di Budimir e l’ultimo di Trotta.

LEGGI ANCHE:
– Sentite Neto: “La cosa più divertente della mia carriera accadde a Firenze…”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 2 anni fa

    Si raccoglie semplicemente ciò che (NON) si è seminato.
    Punto e a capo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. unial5_466 - 2 anni fa

    Può darsi che a qualcuno che conta prima dell’inizio del torneo sia venuto in mente di dire la verità di come stavano realmente le cose. Una genialata pazzesca! Così si possono spiegare la parole di Astori, quando dice che si “è in linea con il valore reale della squadra e che più di così, i giocatori di questa rosa, non possono dare”. In sostanza si corre, ci si sbatte, ma poi non avendo elevati valori tecnici si può anche perdere, senza che nessuno possa dire nulla. Il loro dovere l’hanno fatto. Inizialmente, per vendere tutti quelli che avevano un monte ingaggi sopra il milione senza dubbio due conti se li sono fatti. Tre squadre peggiori della Fiorentina erano individuabili, quindi salvezza certa, poi per il resto “fate vobis”. Ora in questo contesto parlare dei tifosi mi sembrerebbe un discorso fuori luogo, Perchè non sono proprio considerati, salvo qualche “furbata” come quella delle maglie dei quartieri. E’ sparita perfino la parola “ci divertiremo”, che seguì quella più falsa della storia viola, “vinceremo”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 2 anni fa

      Però troviamoci d’accordo. Se uno è sincero non va bene perché deprime; se uno esalta non va bene perché poi non mantiene. Praticamente uno sbaglia a prescindere

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy