Sottil, che inizio! E’ un punto fermo del Cagliari, il calcio offensivo di Di Francesco lo esalta

Inizio di stagione importante per l’esterno della Fiorentina in prestito in terra sarda

di Redazione VN
Riccardo-Sottil

Dopo una stagione in sordina a Firenze, ci ha messo poco tempo Riccardo Sottil a diventare un punto fermo a disposizione di Eusebio Di Francesco. Il tecnico, dopo averne apprezzato la duttilità e la sua grande voglia di mettersi a sua disposizione, lo ha lanciato da subito titolare e domenica ne ha potuto apprezzare il primo timbro nella massima categoria. Secondo il Corriere dello Sport, è il calcio offensivo predicato dall’allenatore abruzzese ad esaltare le qualità dell’ex viola. E questo viene ribadito dallo stesso Riccardo, che a termine della sfida col Crotone, commenta così: “Il mister mi sta dando tanto. Mi sta insegnando dei movimenti che prima non sapevo di poter fare. Lui applica un calcio offensivo e in questo quadro uno con le mie caratteristiche può trovare giocate importanti e anche occasioni da gol, migliorando sempre di più”. Adesso Sottil dovrà proseguire nel suo percorso di crescita per confermare tutta la sua forza

“Magic moment” Sottil, Pedro un cecchino. Rasumssen, che gioia! – Tutte gli aggiornamenti sui “prestiti” viola

GERMOGLI PH: 12 LUGLIO 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS VERONA NELLA FOTO SOTTIL
9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. I' Mastica - 1 mese fa

    Quello di Peppo invece?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 29agosto1926 - 1 mese fa

    Passata è la tempesta odo…….. Questo è quello che si respira adesso a Firenze, sembra tutto passato, sembra che i tre punti abbiano spazzato via tutte le incongruenze, le incapacità, gli errori che sono stati fatti e che, stando così le cose, si ripeteranno anche in un prossimo futuro. Domani battiamo il PODEROSO Padova e la serenità sarà ritrovata. Commisso ci dirà che non manderà via Iachini (e guai gli opinionisti a criticarlo, guai i giornalisti a dire che è uno sbaglio perché avrà SEMPRE RAGIONE LUI, IN FONDO E’LUI CHE CI METTE I SOLDI.) e andremo avanti a vedere questo splendido gioco fino alla fine del campionato (se va bene, perché se arriviamo dalla parte sinistra della classifica abbiamo raggiunto l’obiettivo stagionale e magari Iachini viene riconfermato).
    Ma….. dovete stare zitti, non criticare perché era tanto che non avevamo un Presidente così e se va via lui…….
    Io voglio vedere giocare al calcio, voglio vedere le partite che vedevamo con Montella, con Prandelli, dove non vincevamo niente ma ci permettevamo di urlare “Il pallone è quello giallo”. Voglio vedere pressare gli avversari fin dalla loro area di rigore (come faceva l’Udinese domenica, come fa il Verona o il Sassuolo), voglio vedere le sovrapposizioni sulle fasce e qualche cross, voglio vedere qualcuno che accompagna la manovra degli attaccanti con inserimenti che permettono il dialogo, lo scambio, voglio vedere l’uno contro uno e, ogni tanto una superiorità numerica che ci faccia andare in gol, insomma voglio vedere calcio e non Dragowsky che calcia lungo o Caceres che libera al vento oppure Biraghi che torna sempre indietro o cinquanta passaggi sulla linea di centrocampo.
    Ma…… non si può dire, tutti zitti, come vuole Rocco perché i soldi ce li mette lui. Ma qualcuno si è chiesto che soldi ha messo? Ha fatto i conti? Allora fateli e vedrete che Rocco, da tutti, io compreso, ritenuto un mecenate, un Medici, è un gran uomo d’affari per prima cosa e poi è uno che mette mano a tasca.
    Ma….. non si può dire, occorre sempre e comunque dire che tutto va bene. Capito Cecchi?, Capito Bocci, Capito Pestuggia? Dovete stare zitti e non criticare perché le critiche non sono accettate.
    Se criticate, magari a ragion veduta siete solo e comunque dei Leccavalle e basta, ricordatevelo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. damci - 1 mese fa

    La vicenda Sottil,se continua così, dovrebbe farci riflettere:innanzitutto noi tifosi,che troppo presto condanniamo un giocatore,specialmente i giovani e,poi, ci ritroviamo a rimpiangerli(Simeone,Ilicic e Biraghi per fare gli ultimi esempi;poi,sarebbe fondamentale che i dirigenti viola sapessero meglio giudicare prospettive immediate e future dei giovani(Zaniolo,Mancini,ma anche Petriccione,Empereur e più in là nel tempo D’ambrosio);infine, elemento essenziale l’allenatore,anche se non fosse Gasperini,dovrebbe essere in grado di giudicare la qualità potenziale,il ruolo più giusto ed ovviamente migliorare educandolo il giovane sotto il profilo umano e tecnico.Ho usato spesso il condizionale,perchè sarebbe un miracolo ed a Firenze ne siamo molto lontani su tutti i fronti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ritornodifiamna - 1 mese fa

    Lasciatelo dov’è!
    Eccoli i tifosi volubili!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. stentereski - 1 mese fa

    di questa cosa non si parla abbastanza. Come mai tanti arrivano da noi comprati da fenomeni e diventano brodi, e tanti che noi mandiamo via da brodi diventan forti?

    da parte Sottil, Simeone, Pedro, Agudelo
    da quell’altra Lirola, Pulgar, Amrabat, Duncan
    ma questi solo quest’anno, ma è da tanto che c’è questa dinamica.
    Sarà perché li mettiamo fuori ruolo? Mi chiedo anche come mai di questo problema sistemico non si parla mai nel pentasport

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. devdel - 1 mese fa

    Anche Agudelo mandato via a calci ha già fatto 2 gol con ottime prestazioni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. nacchero - 1 mese fa

    Diciamo che la frase “Il mister mi sta dando tanto. Mi sta insegnando dei movimenti che prima non sapevo di poter fare. ” Parla da sola. . . un giovane va fatto crescere e gli va insegnato calcio, purtroppo a Firenze non avviene più, noi ci s’ha il gioca gioca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. CippoViola - 1 mese fa

    Prima o poi un gol lo doveva segnare. Il problema non sarà quanto farà bene a Cagliari ma piuttosto in caso chi troverà ad aspettarlo a Firenze quando lo riporteranno qua.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. AndrIsse73 - 1 mese fa

    Bene noi ci s’ha BEPPONE e gli altri MUTIIII

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy