Prandelli ha rimotivato la Fiorentina. E anche i singoli stanno crescendo

Il tecnico viola ha saputo dare la svolta sperata. Adesso serve confermarsi e dare continuità alle prestazioni

di Redazione VN

Nonostante il pari subito a pochi minuti dalla fine e il fatto di aver finito in nove, per Cesare Prandelli a Torino gli indicatori positivi sono stati molti. Come scrive La Nazione, il tecnico sta cercando di guadagnarsi la stima della proprietà e per riuscirci, dopo la scrematura degli scontenti sta iniziando a dimostrare di saper rimotivare un gruppo che era precipitato a fondo. Contro i granata – scrive il quotidiano – la Fiorentina ha fatto passi avanti e soprattutto ha dimostrato di saper affrontare le difficoltà senza deprimersi. Anche sul piano del gioco la situazione è migliorata, sia collettivamente che individualmente: Bonaventura e Ribery adesso hanno trovato la loro posizione e riescono a supportare Vlahovic, Martinez Quarta sta mostrando la sua esplosività e Amrabat si trova a suo agio da perno centrale.

Milenkovic
GERMOGLI PH: 23 GENNAIO 2021 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS CROTONE NELLA FOTO MILENKOVIC
23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violaceo - 1 mese fa

    Quando si vuole parlare bene di un allenatore per forza…..ottima persona sono d accordo.
    I risultati son quelli li guardiamoci da quando è subentrato vedo che tanti altri allenatori hanno fatto meglio se poi ci si deve esaltare x aver vinto con crotone e pareggiato a Torino con il crotone che è cm giocare contro un di B facciamolo va bene….è poi ditemi quando ha espresso un buon gioco..
    Cmq forza Viola!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dallapadella - 1 mese fa

    Prima o poi il valore di certi giocatori doveva emergere e, non per scusare Iachini che era troppo contropiedista, ma a inizio stagione ci sono stati problemi di spogliatoio da risolvere.
    Siamo a metà dell’opera perchè la difesa non è affatto sistemata: dalle incursioni di Lyanco nel rigore reclamato dal Toro, di Zaza che prende la traversa. l’espulsione di Castrovilli perchè doveva esserci lui come ultimo uomo? Le belle statuine contro il Napoli o la Lazio, il gol di Simy, tutti esempi di gente che arriva a calciare indisturbata a pochi metri dalla nostra porta con i nostri piazzati sistematicamente male.
    Tralascio le corsie esterne perchè li ci sono dei problemi di lungo corso che la partenza di Chiesa ha acuito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. MAXgobbomai - 1 mese fa

    Diamoci subito una calmata! La prossima é con l’Inter, abbiamo 2 giocatori importanti squalificati e non vorrei si prendesse una rimestata come col Napoli. Calmi e si lavora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gasgas - 1 mese fa

    Io ci andrei piano. Siamo passati dall’essere licenziato se non batteva il crotone a questi elogi…
    Serve equilibrio e aspettare ancora un po’ per fare valutazioni… Innanzitutto c’è da ricostruire la società come primo passo fondamentale, altrimenti siamo alle solite… Nuovo dg e scelta dell’allenatore chiunque esso sia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bati - 1 mese fa

    Prandelli è stata una delle poche fortune di questi ultimi due anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ottone - 1 mese fa

    Solite esagerazioni. Dalle stelle alle stalle e viceversa. Solo due settimane fa il Napoli, non il Real Madrid, ci ha preso a pallonate sul muso e umiliato. Bene la reazione, bravi tutti perché non era scontato. Ma…calma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lore1697 - 1 mese fa

      Concordo, quelli che vogliono rinnovare a Prandelli sono gli stessi che fino a 2 giorni fa infamavano Ribery e volevano che andasse via da Firenze a calci in culo e ora lo osannano come se avesse fatto 30 gol e 50 assist in stagione. Spero che in società abbiano imparato la lezione, se no un rischio Iachini bis non è molto remoto questa estate. Insomma, cerchiamo di essere ponderati nei giudizi, abbiamo fatto a fatica 4 punti con le due squadre più disastrate del campionato giocando meglio, ma non troppo! La strada è ancora lunga e può succedere di tutto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. claudio.godiol_884 - 1 mese fa

    Sono contento per Cesare, persona sincera e veramente affezionato a Firenze. In tutti i contesti, ogni persona ha un proprio ambiente dove si esprime al meglio e questo vale anche per giocatori,dirigenti ed allenatori. Solo se si riesce ad unire questi parametri si troverà l’alchimia giusta per progetti vincenti. Non è necessario che ci siano i migliori ma l’unione di intenti vale molto di più di ogni altra cosa per raggiungere gli obiettivi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-15194401 - 1 mese fa

    Prandelli quando è arrivato ha trovato una situazione drammatica. Con un po’ di tempo ( nemmeno tanto) ha dato equilibrio e ordine alla squadra, ha motivato giocatori che erano diventati irriconoscibili ( no Callejon per ora) e adesso si vede finalmente giocare a calcio la squadra. Grazie mister! Chi meglio di lui a Firenze al momento? Sarri e compagnia bella vogliono investimenti che noi non faremo mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. fierin_3299913 - 1 mese fa

    L’ho detto e lo ribadisco.
    Di Cesare ci possiamo fidare, sempre.
    Gli hanno dato di bollito, di ex tecnico, dimostrando un’ingratitudine sconfinata per un uomo che sarebbe tornato gratis, solo per sentimento.
    Non si sbagliavano solo nella forma, ma anche nel contenuto, perché Prandelli sa ancora il fatto suo, ne sono certo e le prestazioni iniziano a suggerire qualcosa in tal senso.
    Allargo la digressione.
    La Rosea stamani titola: “Ranieri a sorpresa: complimenti ai miei e… all’arbitro”. Ma quale sorpresa? La gara è stata ben condotta e l’allenatore romano si è sentito di ringraziare il direttore di gara, nonostante la sconfitta patita contro la Juventus.
    Ranieri non è certo nuovo a gesti di ormai dimenticata signorilità, lo racconta ampiamente la sua carriera. Prandelli è un’altra persona certamente meritevole di menzione.
    Quando pensi a questi valori umani, il pensiero corre veloce a esempi meno edificanti.
    Si pensi ad Antonio Conte: spesso indisponente, protestatore seriale, del tutto ignaro del comune senso di accettazione della sconfitta, come dimostrano gli ultimi episodi e non solo.
    Non lo conosco personalmente e non propugno certo la dottrina cattolica, ma ad occhio e croce almeno quattro (superbia, invidia, ira e gola) dei sette vizi capitali gli appartengono d’ufficio.
    Ecco, sarò un nostalgico, un riduzionista, un perdente potrebbe dire qualcuno, ma io preferirei retrocedere 10 volte con uomini come Ranieri e Prandelli in panchina che vincere un titolo con tecnici tanto all’onore delle cronache, vincenti sul campo, discutibili esempi di vita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mediacom Corporation - 1 mese fa

      Il tuo messaggio e’ bello fino alle ultime righe. Poi scadi nel sentimentalismo da libro Cuore, retrocedere è un dramma sportivo io preferisco vijcere con conte in panchina o perfino con Pablo Escobar.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fierin_3299913 - 1 mese fa

        Non sono mai stato machiavelliano, preferisco che la forma sia corretta, a discapito del risultato finale.
        Probabilmente sbaglio io.
        I drammi sportivi mi toccano relativamente, confrontati a quelli veri.
        Poi c’è l’esame di realtà: Conte a Firenze, trofei a Firenze… roba da collezionismo raro (e qui perdo forse un po’ del sentimentalismo che dicevi).
        Un saluto!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. jameslabriexxx - 1 mese fa

    E ora andiamo a battere lInter…sorpresona!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 1 mese fa

      Caro James, un commento come il tuo purtroppo è fuori luogo. Venerdì arriva una squadra lanciatissima nella corsa scudetto con un organico di tutt’altra categoria rispetto alla Fiorentina. Il campionato non è la coppa Italia a livello di motivazioni e l’Inter viene a Firenze per vincere assolutamente. Io non mi aspetto punti, vorrei che comunque la Fiorentina risultasse un osso duro da battere e certamente non vorrei vedere un’imbarcata come a Napoli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. vecchio briga - 1 mese fa

    Questa squadra non sarà da prime posizioni, ma non poteva nemmeno essere da zona retrocessione. Con Prandelli dall’inizio avremmo forse una classifica molto differente. Pensate che a giugno possa venire un allenatore migliore di lui a Firenze? Personalmente no e quindi lo riconfermerei e gli farei costruire una rosa adeguata alle sue idee.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicco - 1 mese fa

      Io sono d’accordo, almeno che nn si abbia la forza di prendere Sarri e spendere 100 mln sul mercato per fargli la squadra io terrei Cesare tutta la vita prima di avventurarmi in un qualsiasi allenatore Juric compreso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SPIRITO VIOLA - 1 mese fa

        Logicamente non si possono fare i conti prima del tempo ma dando per scontato che la Juve riscatta Chiesa (60 Mln anche se nel 2022) e Milenkovic che dovrebbe portare una cifra vicina ai 40 Mln più gli eventuali riscatti dei prestiti che abbiamo (Simeone,Lirola etc etc), o la possibilità di rivenderli se non vengono riscattati, potremmo contare su una buona cifra perdendo solo 1 titolare.
        Quindi volendo lo spazio di manovra ci potrebbe anche stare.
        SFV

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. antonio capo d'orlando - 1 mese fa

      Confermo! Per i nostri parametri, nessuno meglio di Cesare. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vecchio briga - 1 mese fa

        Il pregio di Prandelli è che oltre a essere un ottimo allenatore, è un ottimo allenatore per Firenze e i fiorentini. Sa tenere unito l’ambiente e questa cosa qui conta come un bomber

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. giusetex7_9905901 - 1 mese fa

      Io le valutazioni le farei a metà girone di ritorno. Dimentichiamo da tifosi sempre molto in fretta. Due giornate fa quindi non una vita fa, ne abbiamo presi 6. Col Crotone ultimo in classifica abbiamo vinto meritando ma di misura e con un Toro derelitto probabilmente avremmo vinto senza l’ultima espulsione ma loro avevano colpito due traverse e c’è un rigore a mio avviso evidente per loro già nel primo tempo. Siamo sulle montagne russe. Dire che abbiamo trovato la quadra non corrisponde a verità. Nell’arco della partita si intravedono sprazzi di gioco e molti dipendono come sempre dalla giornata positiva o meno di ribery. A me Prandelli piace più di iachini ma da qui a dire che si possa iniziare un ciclo vincente con lui secondo me è azzardato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vecchio briga - 1 mese fa

        Il ciclo vincente dipende da Commisso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Tagliagobbi - 1 mese fa

      Anch’io confermerei Prandelli. Sta lavorando molto bene e si vede che ha tanta voglia e delle motivazioni enormi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Violaceo - 1 mese fa

      Io gli allenatori gli giudico dai risultati e dal gioco e Prandelli per ora non li ha fatti questi punti li facevamo anche senza allenatore…..
      Voi gli trovate mille attenuanti x quello che ha fatto anni fa anch io li riconosco ma il presente è un altra cosa

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy