Montella e Prandelli, quando l’illusione del rilancio diventa un incubo: ora rischiano di bruciarsi

Montella e Prandelli, quando l’illusione del rilancio diventa un incubo: ora rischiano di bruciarsi

Uno dei due tecnici può finire in Serie B. A Firenze c’è diffidenza e senso di sfascio, anche la valutazione di Chiesa può venire intaccata

di Redazione VN

All’interno delle pagine sportiva dell’edizione nazionale de La Repubblica si parla di “nuvole fantozziane” sulle testa di Vincenzo Montella e Cesare Prandelli. Fiorentina-Genoa all’ultima giornata sarà una finalissima alla rovescia, una sorta di Champions League della salvezza (o della retrocessione in B). I due tecnici sono capitati nel posto sbagliato al momento sbagliato, come spesso gli è capitato negli ultimi affannati anni della loro carriera in cui hanno inseguito il rilancio. La Fiorentina, dopo il benservito a Pioli, va di male in peggio.

Montella aveva un bel ricordo di Firenze, adesso è un incubo: un pareggio iniziale col Bologna e poi solo sconfitte, un solo gol fatto nonostante Chiesa, il miglior giovane italiano su piazza. Almeno fino a ieri: i 100 milioni di quotazione saranno precipitati pure quelli. Il pubblico contesta, attacca i Della Valle, li accusa di aver fatto solo la politica delle plusvalenze. A Firenze c’è un grande senso di sfascio e soprattutto di diffidenza: la possibilità di tornare brutalmente a 17 anni fa, quando la Fiorentina precipitò in B, è reale. E Montella (così come Prandelli) rischia di bruciarsi brutalmente. CONTRO IL GENOA SARA’ SPAREGGIO. E I GIOCATORI PIANGONO

Violanews consiglia

Montella: “Sembra una stagione maledetta, ma dobbiamo finirla in A. Non dobbiamo fare le vittime”

Spenta e abulica: ora la Fiorentina trema davvero

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy