Milenkovic-Vlahovic, settimana da incubo: ora rischiano la multa della Procura

Milenkovic e Vlahovic hanno violato la bolla: ora dovranno confrontarsi con lo spogliatoio: metà degli altri convocati hanno scelto di rispettare le regole imposte dall’As

di Redazione VN

La Nazione si concentra su Nikola Milenkovic e Dusan Vlahovic. Per loro sono stati quattro giorni da incubo, iniziati con una denuncia (per entrambi la prima della loro carriera) e culminati con l’eliminazione ai rigori contro la Scozia. Non solo: al rientro dalla Nazionale i due giocatori dovranno fare i conti con il resto dello spogliatoio (oltre la metà dei convocati, dando il buon esempio, ha scelto di rispettare le regole imposte dall’Asl e di non violare la bolla). Oltre che con la possibile multa in arrivo dalla Procura. In tal senso bisognerà aspettare qualche settimana, anche se non è escluso che – come avvenuto nel caso di CR7 – in mancanza di uniformità sia a livello di politica sportiva (la Uefa ha dato ragione alla Serbia) che di autorità sanitaria la vicenda dei due possa concludersi con un nulla di fatto. La brutta figura, in ogni caso, rimane.

Vlahovic-Milenkovic-Pezzella
GERMOGLI PH: 25 OTTOBRE2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI CAMPIONATO SERIE A TIM FIORENTINA VS UDINESE NELLA FOTO GOL ESULTANZA MILENKOVIC
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. MixViola - 2 settimane fa

    Ma brutta figura di che? Finiamola con la storia che le brave persone sono contente di stare in isolamento e che i cattivi sono quelli che vogliono vivere normalmente, godendo di normalissimi diritti civili. Questa ‘emergenza’, ipocrito teatrino, ha stufato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bianco - 2 settimane fa

    Ieri titolo su quarta serata da incubo stamani su Milenkovic e Vlahovic settimana da incubo avete una varietà di titoli impressionante siete proprio bravi !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SoloViola - 2 settimane fa

    Speriamo, e che sia bella tosta la multa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy