Milenkovic e i suoi fratelli: quando il gol della Fiorentina arriva a tempo scaduto

Una carrellata di emozioni

di Redazione VN

Il gol di Milenkovic a tempo ampiamente scaduto contro il Genoa è solo l’ultimo di una lunga e avvincente serie che La Nazione ricorda sulle proprie colonne. Nel 1970-’71 la Fiorentina evitò la Serie B con un guizzo al 90′ di Brizi, uno che non si sganciava mai dalla posizione di libero: Inter raggiunta sul 2-2 e boato del Franchi a sottolineare lo scampato pericolo. Avanti verso il ’77-’78, serviva una vittoria a Pescara per salvarsi ancora, e la vittoria arrivò, ma solo all’89’ e solo dopo un rigore sbagliato da Antognoni. Galdiolo batté una punizione sbilenca che trovò i piedi di Ezio Sella e venne corretta in rete. Nel 1980 Alessio Tendi, da terzino, piazzò la palla all’incrocio contro il Cagliari al secondo minuto di recupero. E poi ci sono i gol all’ultimo respiro contro la Juventus, come quello di Borgonovo nel 1989 (2-1 per i viola) o quello molto più recente di Osvaldo su cross di Papa Waigo, nel 2008. E la Fiorentina lo ha fatto anche in Europa, un anno dopo, nel tempio di Anfield, con quella mitica zampata di Gilardino.

Sconcerti: “Su Ribery non conto più. L’attaccante? Credo e spero che arrivi Caicedo” 

GERMOGLI PH: 7 DICEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS GENOA NELLA FOTO GOL ESULTANZA MILENKOVIC
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy