Martinez Quarta, mi manda Passarella. I grandi argentini hanno parole al miele per lui

Iachini pronto ad accogliere il Chino

di Redazione VN
Quarta

Il soprannome è lo stesso di Alvaro Recoba, mitico ex giocatore dell’Inter: Chino, per quei tratti vagamente orientali. Ma l’idolo di Lucas Martinez Quarta è europeo e si chiama Sergio Ramos, imitato nello stile e nelle movenze. Il paragone è ingombrante, scrive La Nazione, però i pareri positivi si affastellano velocemente, soprattutto da parte di argentini che qui in Italia hanno fatto più che discretamente. Daniel Passarella avrebbe sussurrato ad Antognoni “Prendere Quarta, sarà il mio erede”, Javier Zanetti a marzo parlava di “uno dei giocatori più interessanti del calcio argentino”. Colonna del River Plate sin dal 2016, quando aveva 20 anni, Quarta è cresciuto come calciatore e come uomo, come dimostrano le belle parole che ha dedicato al suo vecchio club al momento dei saluti (LEGGI). Iachini lo aspetta dopo l’impegno dell’Argentina con la Bolivia nella notte tra il 13 e il 14 ottobre.

BUENOS AIRES, ARGENTINA – FEBRUARY 16: Lucas Martinez Quarta of River Plate fights for the ball with Junior Arias of Banfield during a match between River Plate and Banfield as part of Superliga 2019/20 at Antonio Vespucio Liberti Stadium on February 16, 2020 in Buenos Aires, Argentina. (Photo by Marcelo Endelli/Getty Images)

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TOBIA - 3 settimane fa

    Riguardo a Passarella c’era chi rimpiangeva Galbiati…..Poveri noi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tiz973 - 3 settimane fa

    Questo sembra un ottimo acquisto, 24 anni giocatore già formato con una discreta esperienza alle spalle.
    Se fosse arrivato un allenatore ed un 9 vero potevamo già lottare per tornare tra le prime 7

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gianni69 - 3 settimane fa

    Bravo ragazzo… Però non andare anche tu alla Juve. Ti prego

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Violapersempre - 3 settimane fa

    Magari non sarà subito leader e avrà bisogno di qualche tempo, ma le premesse sono ottime, un ragazzo di vent’anni poco più che è già im nazionale, si farà valere. Son veramente contento del suo arrivo e dell’investimento fatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. federic_3552710 - 3 settimane fa

    Il caudillo arrivò nell’estate del 1982 dal River come questo ragazzo, non ricordo che ebbe bisogno di tempo per capire il calcio italiano. Arrivò, giocò e fu subito leader!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 3 settimane fa

      Veramente I primi mesi fu un po’ incerto.. Poi un mito

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy