Le telefonate prima della nota e l’intento della Fiorentina: la ricostruzione di Repubblica sul comunicato di ieri

Le telefonate prima della nota e l’intento della Fiorentina: la ricostruzione di Repubblica sul comunicato di ieri

Eusebio Di Francesco, in ogni caso, è nella rosa del possibili sostituti di Pioli: insieme a lui anche Giampaolo, De Zerbi e Semplici

di Redazione VN

Sulle pagine sportive dell’edizione locale de La Repubblica si ricostruisce la giornata di ieri, con la nota della Fiorentina a smentire le voci sul futuro della panchina viola: il comunicato ufficiale è arrivato al termine di un giro di telefonate all’interno della società. Il riferimento è ai rumors di mercato che riguardano l’eventuale sostituto di Stefano Pioli, nella settimana del botta e risposta tra l’attuale tecnico e il presidente esecutivo Cognigni. Dopo le dichiarazioni incrociate, il senso di unità che il club sta cercando di diffondere in vista degli ultimi due mesi di stagione. Nessun incontro tra società e Di Francesco, insomma.

Tutti i discorsi sul futuro allenatore verranno valutati e affrontati a fine maggio. Anche per questo motivo il comunicato ufficiale della Fiorentina, oltre a smentire quanto emerso sull’ipotizzato vertice tra i viola e l’ex tecnico della Roma, ha il duplice intento di sgombrare qualsiasi nuvola dalla testa di Pioli. Di Francesco, in ogni caso, è nella rosa del possibili sostituti: insieme a lui anche Giampaolo, De Zerbi e Semplici. Profili che piacciono per motivi differenti: dal lavoro coi giovani allo stile di gioco, dalla valorizzazione della fase offensiva alla gestione del gruppo. Adesso però è il momento dell’unità. E non potrebbe essere altrimenti. MA IL CORSPORT INSISTE: “DI FRANCESCO A FIRENZE SOLO UN CASO? NO, LA FIORENTINA LAVORA FORTE”

Violanews consiglia

Ceccherini ci crede: “Col Torino per riaprire la corsa Europa. Vi dico la mia su Pioli e Chiesa”. E scatta il fioretto per la c. Italia…

L’opinione: “Chiesa andrà via di sicuro, ma non alla Juve. La Fiorentina sarà smontata”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iG - 7 mesi fa

    Gia’ il fatto che aeeiva un CHIUNQUE al posto di PIOLI mi apparirebbe positivo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. filippo999 - 7 mesi fa

    “…Profili che piacciono per motivi differenti: dal lavoro coi giovani allo stile di gioco, dalla valorizzazione della fase offensiva alla gestione del gruppo….”….questa è l’ennesima balla che salta fuori , che mi ricorda
    esattamente la stessa frase o molto simile , che lessi quando arrivò Pioli…
    la traduzione è : quelli bravi , costano troppo , quindi , prendiamo
    uno dei tanti allenatori di squadre provinciali che guadagnano poco e
    non pretendono nulla….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 7 mesi fa

      Ma…… scusa di cosa te ne fai degli allenatori bravi se poi i giocatori sono quelli che sono.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy