La Fiorentina ha gli argomenti per convincere Sarri, ma tiene vive le alternative

Il rientro in Italia di Commisso a fine marzo darà un giro di vite alla faccenda

di Redazione VN

La Gazzetta dello Sport in edicola oggi fa un passo indietro nel tempo e torna a dopo l’esonero di Beppe Iachini, a inizio novembre. Il primo nome che venne in mente alla dirigenza viola fu quello di Maurizio Sarri, ma il tecnico non gradiva la possibilità di subentrare a campionato in corso e non era convinto di rinunciare al suo contratto ancora in essere con la Juventus. Diversamente da Spalletti, però, Sarri non chiuse le porte per giugno 2021. Il Viola Park, la struttura dei sogni per chiunque, gioca un ruolo fondamentale nella vicenda, assieme al progetto triennale che Commisso sembra essere in grado di proporre.

Commisso

Incognite e alternative

Eppure, la rosa avrebbe bisogno di una rivoluzione profonda, e nel frattempo potrebbe comunque arrivare a Sarri una proposta indecente da club più attrezzati. La Rosea ricorda che ormai l’allenatore toscano ha fatto il callo a vincere trofei… Per questo sono al vaglio anche le alternative: i nomi sono noti, da Gattuso a Italiano a De Zerbi, con Marcelino dell’Athletic Bilbao che piace ancora. Tramontato, invece, Ivan Juric dopo la scorsa estate.

SEVILLE, SPAIN – MAY 25: Head coach Marcelino Garcia Toral of Valencia CF looks on during the Spanish Copa del Rey match between Barcelona and Valencia at Estadio Benito Villamarin on May 25, 2019 in Seville, . (Photo by Alex Caparros/Getty Images)
2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alessandro - 2 mesi fa

    Pensare al presente, al campo. A non retrocedere. Non dare retta ai giornali: un giorno per la panchina viola è pronto Sarri, un giorno Guardiola, un giorno Oronzo Canà. O magari tutti insieme.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco 2 - 2 mesi fa

    Chiacchiere. A Sarri interessano solo i soldi, dieci milioni lordi l’anno di ingaggio, oltre tutto il resto per assemblare una squadra competitiva, e per farlo, occorrono ancora soldi, altro che le strutture dei sogni. I soldi, ragazzi, non i sogni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy