La crisi di Vlahovic, dalle coccole agli insulti social. Firenze ha perso la pazienza

Il numero 9 nel tunnel, come uscirne?

di Redazione VN

Da coccolato a insultato, e adesso? Il rischio è che Dusan Vlahovic entri in un tunnel di dubbi che lo porti a rinchiudersi in se stesso. Ma sostanzialmente, scrive il Corriere Fiorentino, la convinzione di trovarsi di fronte al centravanti del futuro si è frantumata. Tutto d’un tratto Firenze ha perso la pazienza di attendere la crescita del serbo, che di risposta ha cancellato tutti i post dal profilo Instagram che nella serata di sabato si era riempito di malumori accesi.

La scelta di indossare una maglia pesante come la numero 9 sembra non aver pagato, ma – si legge sul quotidiano – Vlahovic paga un equivoco di fondo: sbarcato a Firenze appena diciottenne, veste la maglia viola da tempo ma forse ci si dimentica che ha solo 20 anni e ancora bisogno di crescere. E’ uscito dal campo di San Siro per ultimo, distrutto e caracollando verso gli spogliatoi. Iachini lo ha difeso (parzialmente), ma rispetto a Montella l’attuale tecnico viola sembra aver fretta di trovarsi davanti un giocatore fatto e finito.

Dal lockdown in poi la sua crescita si è interrotta, e nei primi giorni di mercato si era fatta largo l’idea di mandarlo a giocare in prestito. Quando si è capito che la Fiorentina difficilmente sarebbe arrivata ad un attaccante di livello superiore la strategia è cambiata. Adesso però siamo di fronte ad un bivio: cambiare aria per eliminare le scorie e la crisi degli ultimi mesi, oppure restare. Solo con la tutela della società e la convinzione dell’allenatore.

-> CALCIOMERCATO: TUTTE LE OPERAZIONI CONCLUSE IN SERIE A
-> Clicca qui per restare aggiornato su tutto il mercato della Fiorentina

 

FUTURO FUORICLASSE O POTENZIALE PROBLEMA? I DUBBI SU VLAHOVIC

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cosimo de' Medici - 1 mese fa

    Vlahovic o sputa sangue già contro la Sampdoria, o ha 2 strade: finire come Ilicic, o come Bojinov. In ogni caso lontano da Firenze.
    Ad ogni modo, non capisco perché non si possa criticarlo (non dico offenderlo): ha 20 anni, ok, ma gioca a calcio e questo è il prezzo da pagare, troppo facile accettare solo gli elogi.
    Ha pure la fortuna che, con gli stadi vuoti, non sente neanche la pressione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. batigol222 - 1 mese fa

    Bene tutto ma è palese che deve andare in prestito, anche per il suo bene. Non si può far crescere i primavera in prima squadra, solo casi molto rari come chiesa posso farlo, ma anche perchè giocando esterno non ha un ruolo nodale. 9 e portiere non possono farsi le ossa in prima squadra con oltre 50 mila persone a guardarli e a fare pressione, com’è normale che sia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-2073653 - 1 mese fa

    Chi lo insulta andrebbe preso e bannato da ogni social possibile ed immaginabile. Ciò non toglie che è un’errore madornale caricare tutto sulle sue spalle, andava mandato altrove a giocare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vecchio briga - 1 mese fa

    Gli insulti sui social sono una piaga da eliminare, opera spesso di analfabeti funzionali, vigliacchi che se te li ritrovi davanti abbassano lo sguardo. Non li citerei nemmeno. Parliamo di altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fornamas63 - 1 mese fa

    Si stanno commettendo errori già compiuti in passato, o si crede in Vlahovic e gli diamo fiducia oppure lo si manda a farsi le ossa in qualche altra squadra. Riconosco i limiti caratteriali del ragazzo che se vorrà fare carriera deve pensare più da Batistuta che da Babacar, ma così rischiamo di perderlo. E’ un patrimonio della Fiorentina, infamarlo non serve a niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pino.guastell_9534945 - 1 mese fa

    Bravo Ottone. Anch’io ho criticato Vlahovic per aver sbagliato il gol a due metri da Handanovic, ma vedendo ieri sera Dzeko calciare fuori il pallone a distanza di due metri dalla porta della Juventus ho capito di avere scritto un post infelice. Mi sono reso conto che sotto porta anche i cecchini sbagliano e che Vlahovic va confermato nell’organico della Fiorentina. Semmai il problema è dello staff tecnico che durante la settimana non allena giocatori a calciare il pallone. E non mi riferisco solo a Vlahovic ma anche a Kouame’ che nel primo tempo ha sbagliato due gol per avere dimestichezza con il pallone. E se non fosse stato per Bonaventura che lo ha messo davanti a una porta sguarnita stava per sbagliare anche il primo goal della Fiorentina. Resettiamo tutto e diamo tempo a Vlahovic e Kouame’ di crescere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 1 mese fa

      D’accordissimo su Kouame’, davanti alla porta si smarrisce. Però almeno dava l’idea di impegnarsi e di correre con la squarda, Vlahovic nanche quello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. claudio.viola - 1 mese fa

      Finalmente si ragiona con un po’ di calma e senza rabbia addosso… Il centravanti che non sbaglia goal non esiste (o comunque sono rarissimi e costosissimi). Dzeko ieri sera ma lo stesso Lukaku sabato sera hanno dimostrato di saper sbagliare anche loro goal relativamente semplici. Il problema casomai è l’atteggiamento, e su questo Vlahovic è purtroppo mancato. E’ dalla partita con la Lazio di giugno-luglio che non c’è più con la testa (il giorno dell’espulsione per la gomitata). E credo che il problema sia stato proprio il mercato di gennaio. Una cosa sarebbe stata comprare un centravanti avanti con l’età per gestire l’attualità, un’altra comprare due centravanti giovani come Kouamé e Cutrone (fra l’altro pagandoli anche parecchio). Questo è stato un messaggio chiaro di mancata fiducia e lui, da giovanissimo qual è, l’ha percepito.
      Il giocatore che ci sarebbe servito, a gennaio e anche oggi, sarebbe stato un Caputo. Un mestierante dell’area di rigore con qualità ed esperienza. Non Cutrone. Uno dal quale Vlahovic avrebbe potuto imparare il ruolo. Invece come spesso succede, abbiamo preso inutili doppioni (e neanche più forti). Il giocatore che avrebbe davvero fatto al caso nostro in questo mercato sarebbe stato Luis Suarez. Pagando solo lo stipendio, con il cartellino gratis, sarebbe costato perfino meno di Cutrone (tra cartellino e stipendio). E Vlahovic sarebbe cresciuto vedendolo giocare e vedendo la grinta che ci mette su tutti i palloni. Purtroppo però la Fiorentina oggi non è appetibile per questi giocatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Stefano - 1 mese fa

    Vlahovic è un talento da tutelare. Nel bene, vedi le prestazioni dello scorso anno, e nel male come sabato a Milano. L’errore più grosso sarebbe scaricarlo. Serve un buon lavoro di ripresa sopratutto psicologica. Forza Viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Sblinda - 1 mese fa

    La soluzione più logica sarebbe stata quella di mandarlo in prestito, si è deciso di tenerlo, e va bene, ma non si può avere un attacco di scommesse, intanto perché uno dei tre sicuramente perde un anno con le panchine e poi perchè se nessuno dei tre rende cosa facciamo? Diamo la colpa a loro? Lo scorso anno gli attaccanti, come numeri, hanno fatto ridere e ci ripresentiamo con la stessa idea. Peraltro Vlahovic va rinnovato, perchè se fa un anno bene poi ci ritroviamo con l’ennesimo tormentone e un procuratore difficile.
    Oltre a questo Cutrone, che tra ingaggio e riscatto costerà un delirio, sembra essere il terzo gerarchicamente. Direi che qualcosa di sbagliato c’è.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. andrea_fi - 1 mese fa

    Ad un bivio si trova anche tutto l’ambiente viola. Compreso informazione e tifo. Se la pretesa è quella di vincere a Milano contro la più forte squadra di serie A allora Vlaovich non va bene. Ci vuole l’attaccante da 40 milioni e il regista da 30 milioni. Senza vendere Chiesa. Altrimenti finiamola con gli insulti e le polemiche. Questo vale anche per gli opinionisti e giornalisti. Non solo basta insulti e polemiche per Vlaovich ma anche per iachini e la società. L’equivoco che ha sempre accompagnato la Fiorentina riguarda l’aspettativa dei tifosi e di tutto l’ambiente sulla Fiorentina, rispetto al reale valore della squadra. Come sempre a Firenze si guarda il bicchiere mezzo vuoto. Anzi tutto vuoto. Invece dovremmo essere tutti felici per la prestazione a Milano contro l’Inter seppur nella sconfitta. Commisso è stato chiaro. La Fiorentina è una squadra che deve accontentarsi di stare nella parte sinistra della classifica. Perciò perdere a Milano è normale. Anzi direi scontato. Cosa non vi è chiaro?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sblinda - 1 mese fa

      Comunque le critiche a Vlahovic sono per l’atteggiamento che ha avuto da quando è entrato. Un supponenza nei movimenti che mi ha ricordato Balotelli. Non deve mai più risuccedere, i gol sbagliati si perdonano ad un ragazzo di 20anni, ma la strafottenza no. Inoltre deve rinnovare e non lo sta facendo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. pino.guastell_9534945 - 1 mese fa

    Anch’io, dopo avergli visto sbagliare il gol a due metri da Handanovic, ho scritto in un posto che non e’ Vlahovic l’attaccante ideale per la Fiorentina e ho criticato il presidente Commisso per non autorizzato l’acquisto di un centravanti di valore e comunque di un realizzatore alla Batistuta o di Gullit per fare degli esempi. Ma ieri sera ho capito di avere espresso un errato giudizio. Guardando la partita Roma-Juventus ho visto Dzeko che nella stessa identica posizione di Vlahovic ha sbagliato un gol

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fornamas63 - 1 mese fa

      Magari Van Basten, Gullit era un centrocampista, segnava anche ma non quanto il centravanti, che ahimè avremmo preso se i Pontello non avessero cacciato Nassi che li faceva spendere troppo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Sblinda - 1 mese fa

      Ma hai visto quanto ha corso Dzeko? E ha visto com’è entrato in campo Dusan contro l’inter? Non è mai rientrato e camminava…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ottone - 1 mese fa

    Ma il vero problema è Iachini, se non si vuole vivacchiare. Se invece si vuole vivacchiare, che c’entra Vlahovic? A Kuamé è permesso ciò che a Vlahovic non è permesso? Un gol colossale mangiato sull’1-0 per noi. Altri TRE col Toro. E che ne dite di Dzeco? Ieri sera ha graziato la sua mancata sposa…Ma di che si parla? E’ che Iachini capisce di attacco come io di astrologia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy