Il retroscena: duro discorso di Pradè alla squadra

Il retroscena: duro discorso di Pradè alla squadra

Il dirigente viola ha preso la parola nello spogliatoio per strigliare i giocatori. E il futuro di Montella sarà altrove

di Redazione VN

La Gazzetta dello Sport rivela un retroscena relativo alla mattinata di ieri al centro sportivo della Fiorentina. Daniele Pradè, responsabile dell’area tecnica, ha parlato alla squadra. Un intervento duro, chiuso con un messaggio che può essere riassunto così: Rocco e la società si aspettano molto di più. Niente provvedimenti drastici ma un invito ai giocatori a cambiare passo. Quanto a Montella per ora resta al suo posto, ma il prossimo anno difficilmente sarà ancora lui in panchina. ECCO I NOMI DEI POSSIBILI SOSTITUTI

Caricamento sondaggio...

 

La panchina di Montella traballa? Ecco tutti gli allenatori disponibili e pronti a subentrare

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. i'campigiano - 7 giorni fa

    Disse il maiale parlando della su’ moglie: l’è maiala! FORZA VIOLA SEMPRE!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Up The Violets - 7 giorni fa

    A parte che Pradè che fa un discorso duro alla squadra la vedo probabile come Vlahovic che segna una tripletta in rovesciata o Badelj che si dà all’atletica vincendo i 100 metri, segnalerei la chiusa dell’articolo:

    “Quanto a Montella per ora resta al suo posto, ma il prossimo anno difficilmente sarà ancora lui in panchina”.

    Ecco, si continua pericolosamente a parlare di “prossimo anno”. I disastri dellavalliani della scorsa stagione dovrebbero consigliare di pensare prima di tutto A QUESTO ANNO, per non ripetere l’esperienza terrificante degli ultimi due mesi dello scorso campionato. Il problema è che di questi qui, all’epoca, non c’era nessuno. E tutto ricadrà sulla pelle di noi tifosi, che rischiamo di ritrovarci ancora una volta costretti ad aiutare una squadra che rischia di retrocedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. simuan - 7 giorni fa

      …concordo decisamente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mauro65 - 7 giorni fa

    Lo avevo sempre difeso e su lui ho sempre pensato come il Brova, ma quest’estate con quel mercato mi ha stranito. 2 terzini entrambi offensivi, un centravanti navigato che manca e un centrocampo con mancanze evidenti. In più le sue conferenze stampa hanno iniziato a essere delle supercazzole…! No Daniele trova il modo di rimediare altrimenti a marzo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Staffa - 7 giorni fa

    un ci credo nemmeno se lo vedo…con quella vocina sempre rotta, lo sguardo perso…intervento duro, ma x favore…tra te e montella fate a gara a chi canta meglio nelle voci bianche….e ci metterei anche il simpatico dainelli che non ho capito ancora a cosa serva.

    qui ci vuole qualcuno che faccia volare le sedie negli spogliatoi…purtroppo qui Commisso ha toppato alla grande, speriamo rimedi al piu presto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. gianni69 - 7 giorni fa

    Ovvia. E sembra fosse presente anche il giornalista della gazzetta. Gazzetta che una settimana fa titolo’chiesa rompe con la viola e chiama la Juve. Forza viola siamo nati per soffrire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Violentina - 7 giorni fa

    torna a udine, torna a udine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. fudo77 - 7 giorni fa

    il “DISCORSO DURO” avrebbe dovuto farlo Rocco e Pradè, sarebbe dovuto essere dall’altra parte, in compagnia della squadra che lui stesso ha CREATO !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. max59 - 7 giorni fa

    Come no, infatti oltre a Pradè e alla squadra c’era anche il giornalista della Gazzetta nello spogliatoio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. m - 7 giorni fa

    E un discorso duro, a Pradè, chi glielo fa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. claudio.viola - 7 giorni fa

    Bisognerebbe che si mettesse ad urlare anche davanti allo specchio visto che questa squadra inadeguata l’ha costruita lui spendendo un sacco di soldi e aumentando il monte ingaggi di 1/3. Le uniche cose buone fatte sono state i rinnovi dei giovani (in particolare di Castrovilli e, spero, di Sottil).
    Per il resto i soliti bidoni ex giocatori con contratti insostenibili… E non sto parlando di Ribery che nonostante tutto è ancora un campione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy