Il punto di Pedullà su Chiesa: Fede vuole l’addio, le possibili strade. E la Juventus…

Il punto di Pedullà su Chiesa: Fede vuole l’addio, le possibili strade. E la Juventus…

Il giocatore, per andare via, dovrà andare alla rottura. Ma la società bianconera è pronta per un investimento tanto pesante?

di Redazione VN
Chiesa

L’esperto di mercato Alfredo Pedullà affronta la vicenda Federico Chiesa nel suo pezzo sul Corriere dello Sport. L’accordo tra la Juventus ed il giocato c’è ormai da mesi, ma dopo il cambio di proprietà è tornato tutto in gioco. Anche perché i bianconeri non hanno mai parlato del possibile affare con la società viola (né con Della Valle né con Commisso) e per rendere il tutto operativo dovrebbero prima provvedere a una cessione illustre. A maggior ragione se consideriamo che in queste ore Paratici sta lavorando su De Ligt. Il contratto del giocatore, che scadrà nel 2022, non è breve, quindi Chiesa dovrebbe andare alla rottura per forzare la situazione. La Juve lo alletta, ma nello stesso tempo sa che la rotta di collisione con la nuova proprietà magari porterebbe a una valutazione del cartellino sempre più esasperata.

Quanto vale Federico oggi? Difficile dirlo, ma per la società bianconera il prezzo non è superiore ai 70 milioni. A Torino, Chiesa guadagnerebbe circa il doppio dei circa 2 milioni a stagione che attualmente percepisce a Firenze. Commisso potrebbe adeguargli il contratto, ma anche no e rimandare tutto a fine stagione. Tutto dipende dalla domanda posta in partenza: il ragazzo accetterà un discorso del genere o chiederà di andare via? Nel caso in cui il patron viola dovesse piegarsi alla volontà di Chiesa, la Juventus avrebbe bisogno di una cessione importante prima di affondare il colpo ed i tempi, inevitabilmente, si dilaterebbero. Anche per questo diventa fondamentale che Commisso e il suo entourage incontrino Chiesa il prima possibile. CHIESA, UN ALTRO TORMENTONE. E QUEL SILENZIO…

Commisso: “Parlerò con Chiesa, voglio tenerlo”. Bati ed i retroscena sull’acquisto della Fiorentina

De Rossi e Veretout, lunedì è il giorno decisivo. E il francese può andare a Moena

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Barsineee - 5 mesi fa

    per la società bianconera il prezzo non è superiore ai 70 milioni … il giocatore vuole andare a Torino per vincere … per la società viola il prezzo non è inferiore ai 90 milioni (tutti cash!). Soluzione? La Juventus paga 70 milioni cash alla Fiorentina, Chiesa che dovrebbe percepire uno stipendio di 5 milioni a stagioni per 4 stagioni (totale 20 milioni netti, quindi circa 38 milioni lordi) decide di abbattere il suo monte ingaggio di 6 milioni per ogni anno di contratto rimanente con la società viola e quindi da 38 milioni netti passa a 20 milioni netti (10 milioni netti per 4 anni … insomma sempre un bel guadagnare) e alla fine la fiorentina incassa 88 milioni tondi tondi (gli facciamo lo sconto di due milioncini perchè a noi i soldi non ci servono), la Juventus ha il suo giocatore avendolo pagato quello che loro ritengono il prezzo giusto. E soprattutto il giocatore va finalmente a giocare DOVE SOGNA e VINCE!!! Tutti contenti. Se firmi un contratto di 4 anni … o lo rispetti oppure PAGHI LA PENALE (come nel 99% delle aziende, quando firmi un contratto pluriennale, se lo interrompi prima per tua scelta devi pagare una penale!)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Max - 5 mesi fa

    Ma io dico, il presidente della fiorentina ha detto che ancora non ha parlato con la famiglia di Chiesa. Come cappero è possibile che tutti i giornalisti ogni giorno hanno una versione su cosa vuole fare Chiesa. Poi questo fatto che lui minaccerebbe di andare a scadenza….il contratto scade nel 2022, cioè tra tre anni. Quanto converrebbe a Chiesa autoimprigionarsi per tre anni?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bura_2831690 - 5 mesi fa

      Tutte balle, infatti, costruite su supposizioni. Oppure articoli interessati per fare pressione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. MASSIMO DUBAI - 5 mesi fa

    SE NON ABBIAMO BISOGNO DI LIQUIDITA’, LA SOCIETA’ PUO’ PRENDERSI TUTTO IL TEMPO CHE VUOLE. CHIESA HA UN CONTRATTO E DEVE RISPETTARLO. SE VUOLE ANDARSENE DOVRA’ TROVARE QUALCUNO PRONTO A METTERE UNA BELLA CIFRA SUL TAVOLO, CHE NON SONO I 70 MILIONI DI EURO CHE GIRANO MA MOLTO DI PIU’. QUELLO CHE HA FRETTA E’ CHIESA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 5 mesi fa

      Abbiamo bisogno di liquidità per il FPF

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy