Il grande limite Viola, prosegue la dipendenza da Ribery

Le sorti dell’attacco sulle spalle del francese, servono soluzioni alternative

di Redazione VN

Avere in organico uno come Franck Ribery è certamente un vantaggio, anche se il passaporto recita il numero 38 nella riga degli anni. Il campione francese, come riportato da La Nazione, è un talento assoluto capace di giocate strabilianti. La Fiorentina tuttavia, indebolita dalle numerose difficoltà, ne è diventata a suo malgrado dipendente. Quando l’estro di FR7 vola basso le soluzioni imprevedibili sono quasi nulle. Sia i centrocampisti che gli esterni non riescono ad incidere con i loro inserimenti, le idee sono poche e leggibili con largo anticipo. Le difese avversarie non devono sforzarsi più di tanto per arginare l’offensiva gigliata. Per migliorare la classifica sono necessarie soluzioni alternative. Prioritario trovare un modo, o un giocatore, capace di collegare con costanza centrocampo ed attacco. Il compito in cui si distingueva Federico Chiesa che proprio domani si scontrerà con gli ex compagni.

L’ex viola Serena: “La Fiorentina non merita questa classifica. Chiesa alla Juve farà bene”

GERMOGLI PH 19 DICEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI CAMPIONATO DI SERIE A FIORENTINA VS HELLAS VERONA NELLA FOTO

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Albe_Lucca - 1 mese fa

    Analisi più che corretta. Cesare deve avere il coraggio di lasciarlo in panchina e farlo entrare nel secondo tempo quando coi suoi strappi e le squadre più stanche può fare la differenza..
    Drago
    Mil Pezz Igor
    Lirola Ambra Quarta Biraghi
    Castro
    Vlaho Cutrone
    Io domani la giocherei così.. la partita la faranno i gobbi, noi dobbiamo fare diga a centrocampo e poi rilanciare lungo su Vlahovic che di sponda con Cutrone e li inserimenti di Castro possono far male. Nel secondo tempo poi butti dentro Frank e Callejon che in queste partite si esaltano e possono avere lo strappo giusto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy