Iachini, la notte più lunga: Commisso pensa al cambio. E Prandelli è pronto a subentrare

Il commento

di Redazione VN
Iachini

Stasera c’è Parma-Fiorentina, ne parla così La Nazione: “Iachini sa bene di essere al bivio più importante da quando è arrivato a Firenze – anche se per lui ce ne sono già stati tanti di ’bivi’ – perché per la prima volta Commisso sta seriamente valutando la posizione del timoniere in panchina. E la sosta di campionato sarebbe un assist per una società che non ha certezze a proposito della funzionalità del proprio allenatore. C’è fra l’altro già pronta una soluzione che avrebbe due pregi indiscutibili: trovare una soluzione fino a giugno e ritrovare armonia con una parte consistente dei tifosi. E questa soluzione ha il nome di Cesare Prandelli, l’allenatore che ha vinto più partite nella storia della Fiorentina”.

LEGGI ANCHE: Callejon positivo, tutta la Fiorentina in bolla e… un’opzione sfumata

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

    Ma Pradè lavora ancora in Società?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Viola-in-rete - 2 settimane fa

    E se Rocco e Beppe avessero un patto tra signori del tipo “Ok, ti do’ un’altra possibilità, ma se perdi anche contro il Parma non mi metti nella difficile posizione di doverti esonerare, dai tu le dimissioni”?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 2 settimane fa

      Balle, se perde non c’è nessun imbarazzo a esonerarlo. L’unico problema che c’è stato è che Rocco non aveva ancora capito che esonerare gli allenatori è la normale dinamica del calcio professionistico in Italia e in Europa e se deve essere fatto si fa senza tanti patemi d’animo e non lascia nemmeno troppo risentimento fra le parti. Tutti, dirigenti, allenatori, calciatori, e tifosi, sanno che queste sono le regole del gioco. Come diceva Trapattoni ci sono due categorie di allenatori quelli esonerati e quelli che lo saranno. Rocco dovrebbe impararle queste perle di saggezza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Viola-in-rete - 2 settimane fa

        Magari sbaglio, ma credo che un esonerato continua a ricevere lo stipendio, uno che da’ le dimissioni forse no…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ilRegistrato - 2 settimane fa

          Infatti e perché mai uno dovrebbe rinunciare allo stipendio? Tu l’hai mai fatto? Trump è stato defenestrato, per i prossimi quattro anni le idiozie non hanno cittadinanza.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Viola-in-rete - 2 settimane fa

            Alcuni allenatori danno le dimissioni quando riconoscono di non aver fatto un buon lavoro, e’ una questione di onesta’ intellettuale — e secondo me Beppe, per quanto possa averci deluso sul piano tecnico e dei risultati, rimane una persona per bene, o almeno io voglio sperare che sia cosi. Se credi nel tuo lavoro, puoi essere disposto a chiedere una proroga per poter dimostrare quel che vali, a costo di dover dare le dimissioni se fallisci. (P.s. Si, io ho dato le dimissioni in passato, per una questione di principio, e per quanto sia contento dell’esito delle elezioni Americane….nessuna delle due c’entra proprio un fico secco qui 🙂 )

            Mi piace Non mi piace
      2. Viola-in-rete - 2 settimane fa

        Magari sbaglio, ma credo che se un allenatore viene esonerato la società continua a pagargli lo stipendio, se da’ le dimissioni no…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Viola-in-rete - 2 settimane fa

          Ops, chiedo scusa, non avevo mai commentato e capisco solo adesso che passa un po’ di tempo da quando uno scrive un commento e quando il commento viene pubblicato. Mi scuso per il doppione! 🙂

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Elmauri - 2 settimane fa

    Iachini ha le sue responsabilità e non è certo un allenatore brillante e innovativo, ma se vi aspettate che con il buon Cesare questa squadra spicchi il volo vi sbagliate di grosso. I problemi di rosa sono notevoli, quindi è facile che un ritorno di Prandelli possa persino rovinare il meraviglioso ricordo che abbiamo di lui e della sua viola. Insomma, sarebbe l’ennesimo cavallo di ritorno sbagliato. Ma è possibile che intorno alla Fiorentina debbano ruotare sempre le stesse persone? Tornò Corvino, è tornato Pradé, è tornato Montella, ora torna Prandelli… Ma gente nuova no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

      Che gli altri si sbaglino di Grosso e che tu abbia ragione è tutto da dimostrare. O no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nicco - 2 settimane fa

    Nn deve esistere un bivio, come si fa a legare un destino di un allenatore ad un risultato di una singola partita? Ma in una partita ci sono mille variabili mille episodi, il tecnico si valuta mal lavoro quotidiano nel medio periodo, è 1 anno che abbiamo questo signore in panchina bisognerebbe conoscere pregi e difetti, io veramente nn riesco a capire come una società di calcio possa agire in questo modo, iachini è un tecnico mediocre la sua carriera parla chiaro, se dovesse vincere stasera e venisse confermato è solo rimandare il problema nn risolverlo tanto tra un mese siamo punto e a capo, la squadra è lo specchio di Iachini , triste, antica, senza entusiasmo, senza un idea , senza un gioco, io domando ai dirigenti della Fiorentina, per quanto dobbiamo ancora sopportare questo scempio, qui signori sono 4 anni che nn si vede una partita di calcio , ora basta ne abbiamo piene le scatole, poi smettiamola anche di farlo parlare il signor Iachini , è monotono nn fa altro che elogiare il suo lavoro , trovare scuse, dare alibi ai giocatori, BASTA siamo allo stremo , io nn dico che stasera tifo Parma perché nn ce la faccio, ma se perdessimo stasera sicuramente dormirei con meno giramento di scatole IACHINI OUT

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy