Gravina su Italia-Bosnia: “Non giocarla a Firenze sarebbe una sconfitta per il mondo dello sport”

Gravina su Italia-Bosnia: “Non giocarla a Firenze sarebbe una sconfitta per il mondo dello sport”

Le parole del presidente federale

di Redazione VN
Gravina

Il Covid continua a condizionare il calcio. Italia-Bosnia, esordio della nazionale di Mancini nella prossima Nations League sarebbe prevista per il 4 settembre a Firenze, ma ancora non ci sono certezze sul luogo della partita. Stando a quanto riportato dal Corriere dello Sport, il presidente Gravina nonostante del precedente scetticismo riguardo al disputarsi di questa gara in terra toscana, è apparso fiducioso. Queste le parole rilasciate dal presidente federale: “Si giocherà a Firenze? Penso di sì, perchè con il protocollo Uefa non possiamo non giocare a Firenze. Sarebbe una sconfitta per il mondo dello sport e per la politica del nostro Paese”.  Il nodo riguarda proprio l’arrivo a Firenze della squadra avversaria. Chi proviene dalla Bosnia, come da altri Paesi slavi, oggi all’arrivo in Italia dovrebbe infatti osservare un periodo di quarantena. Impossibile pensare di sottoporre a tale misura i convocati della nazionale bosniaca.

Fiorentina-Martedì tavolo di mercato, rebus attacco: due certezze, dubbio Cutrone-Vlahovic, Ghezzal

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy