Friedkin e Commisso, ma quali ricchi scemi? Lo scontro fra i paperoni d’America

Approcci diversi, stessa voglia di vincere

di Redazione VN
Commisso

Entrambi vogliono portare i loro club in una dimensione diversa, entrambi sono americani, ma il loro approccio è diverso e non ci saranno, domani, a sostenere i loro atleti allo Stadio Olimpico. La Gazzetta dello Sport sottolinea come non esistano più i “ricchi scemi”, cosa che i tifosi hanno imparato ad apprezzare. A Roma c’è Dan Friedkin, tycoon dell’automobilismo e dell’intrattenimento, che ha investito quasi 300 milioni in appena tre mesi e sta operando una rivoluzione silenziosa a livello societario, con la scelta del nuovo DS che ancora non è arrivata, segno della voglia di non sbagliare per troppa fretta. A Firenze Rocco Commisso, esuberante magnate della Tv via cavo che ha già speso circa 320 milioni e ha riportato il monte ingaggi viola tra i primi sette del campionato. Tutti e due hanno bisogno di nuovi impianti per moltiplicare i guadagni e arrivare ai risultati nella maniera più fast possibile. E domani saranno uno contro l’altro.

RIENTRA CAPITAN RIBERY, CHE NELLE TRASFERTE IMPORTANTI SI ESALTA

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy