Fiorentina, è allarme rosso per i gol segnati: solo una squadra ha fatto peggio

I 21 gol in altrettante gare disputate segnalano le enormi difficoltà offensive della Fiorentina di Prandelli

di Redazione VN
Vlahovic-Ribery

Non è una novità che la Fiorentina edizione 2020/21 faccia particolarmente fatica a trovare la porta, ma si tratta di un aspetto che più di molti altri è necessario rimarcare vista l’importanza. Lo fa tra i tanti anche l’edizione di oggi di Stadio, che dedica spazio alla classifica di Serie A per gol segnati. Il risultato? La Fiorentina è in piena zona retrocessione, penultima con appena 21 reti in altrettante partite disputate, meglio soltanto del Parma che a quota 14 sembra ormai spacciato. Meno, rispettivamente, di Crotone, Udinese, Cagliari, Benevento, Genoa, e così via. Un problema da risolvere quanto prima, e magari già a Genova contro la Sampdoria.

LEGGI ANCHE: A Vlahovic serve una mano: c’è bisogno di Kokorin e Kouamé

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luca50 - 2 settimane fa

    Ma per quei fini intenditori del settore tecnico (e mi spiace che anche Prandelli si sia accodato) non siamo a posto così? Guai a creare concorrenza a un ragazzo come Vlahovic. Se poi i difensori esperti se lo mangiano noi segneremo l’anno prossimo. Speriamo sempre in serie A. Ridicoli!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tiz973 - 2 settimane fa

    Visto i giocatori che abbiamo in rosa era prevedibile. Nessuno ha mai seganto più di 10 goal in un campionato.
    La cosa su cui vorrei riflettere però è un’altra, ci salveremo forse tranquillamente giocando con questo inguardabile 5-3-1-1, siamo sicuri che la salvezza non si sarebbe potuta ottenere impostando la squadra con un 4-4-2 o un 4-3-3?
    Il dato allarmante è che abbiamo vinto solo 5 partite su 21 disputate!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. m - 2 settimane fa

    “Abbiamo 5 attaccanti che danno certezze. Davanti siamo a posto cosi”

    Daniele Pradè, 10 settembre 2020

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy