Eriksson: “Firenze, ho un rimpianto. Montella faccia grande la Fiorentina”. Su Baggio e Borgonovo…

Le parole dell’allenatore: “Montella? Vincenzo era un grande attaccante, ma anche da allenatore ha dimostrato di avere grandi potenzialità”

di Redazione VN

A seguire vi riportiamo uno stralcio della lunga intervista rilasciata dall’ex tecnico della Fiorentina, Sven Goran Eriksson, a Il Corriere dello Sport: “Me la ricordo bene Firenze, la famiglia Pontello, i fiorentini, Roberto Baggio, Dunga, l’altro mio ‘figlioccio’ se n’è andato. Ho ancora davanti agli occhi i sorrisi di Borgonovo, luminosi e sinceri. Era un grande attaccante e un ragazzo meraviglioso. Certe volte la vita non è giusta, non si può morire così giovani, ho pianto quando mi hanno informato della sua scomparsa. Baggio? Che grande talento è stato, lo guardavi giocare e rimanevi incantato. Nonostante i suoi guai fisici, aveva voglia di diventare uno dei più grandi calciatori di sempre e c’è riuscito. Sono orgoglioso di averlo allenato.

Caso mai mi è dispiaciuto non aver avuto come calciatore alla Fiorentina Giancarlo Antognoni, andò via pochi mesi prima del mio arrivo. Montella? Vincenzo era un grande attaccante, se un difensore sbagliava in area, stai tranquillo che lui faceva gol. E anche da allenatore ha dimostrato di avere grandi potenzialità. Gli faccio un grosso in bocca al lupo. Gli mando un messaggio: mi raccomando Vincenzo, fai grande la mia Fiorentina. Domenica contro Mihajlovic? Li ho avuti insieme alla Sampdoria, sarà una bella sfida. Ho visto che Sinisa sta facendo molto bene al Bologna”. LE POSSIBILI SCELTE DI MONTELLA

Violanews consiglia

G. Rossi: “Montella grande allenatore, ecco chi mi ricorda”. Sulla strigliata per il 4-2 e su Chiesa…

Bucchioni: “Pioli-Fiorentina, dalla condivisione del dramma Astori alle carte bollate”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy