Montella, le scelte iniziano dal modulo: le due opzioni per la sua Fiorentina

Si parte da un punto fisso: la squadra di oggi è profondamente diversa da quella che Montella aveva allenato dal 2012 al 2015

di Redazione VN

La Repubblica s’interroga su come verrà schierata in campo la Fiorentina del Vincenzo Montella bis. Si parte da un punto fisso: la squadra di oggi è profondamente diversa da quella che Montella aveva allenato dal 2012 al 2015. La rosa è totalmente a disposizione, con alcuni dubbi legati alla forma di Edimilson Fernandes, che verrà valutato nei prossimi giorni. Due i moduli che Montella potrebbe applicare alla sua nuova Fiorentina: il 3-5-2 oppure il 4-3-3. Nel primo caso potrebbe schierare una difesa con Milenkovic sul centro-destra, Pezzella centrale e Hugo sul centro-sinistra. A centrocampo, in quel caso, spazio a Biraghi sulla fascia sinistra e a Chiesa che potrebbe ricoprire tutto il settore a destra. Nel mezzo sicuri di un posto Benassi e Veretout, con Gerson e Fernandes, che si giocherebbero la terza maglia. In attacco Muriel e Simeone.

Nel secondo caso, invece, blocco difensivo confermato nella sua interezza ( Milenkovic, Pezzella, Hugo e Biraghi), con Gerson che potrebbe ricoprire il ruolo di regista e Benassi e Veretout quello di mezz’ala. In attacco, nel tridente che tanto piace a Montella, tutta la carica offensiva di Chiesa, Muriel e Simeone. L’argentino è l’osservato speciale del tecnico, da sempre attento ai movimenti offensivi dei suoi. Per questo potrebbe chiedere a Simeone di pensare esclusivamente a rifinire ciò che Chiesa e Muriel proveranno a creare. MONTELLA STYLE? BIS COMPLICATO (PER ORA)

Violanews consiglia

Con Montella e la squadra, contro la società: i tifosi della Fiorentina prendono posizione

G. Rossi: “Montella grande allenatore, ecco chi mi ricorda”. Sulla strigliata per il 4-2 e su Chiesa…

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 29agosto1926 - 2 anni fa

    Facendo un mestiere che non è il mio, giocherei con un bel 3.5.1.1., dove nei 5 della linea di centrocampo metterei Chiesa e Biraghi sugli esterni, Benassi, Gerson (Edimilson) Veretout in mezzo e Muriel dietro a Simeone. In fase di possesso Chiesa potrebbe portarsi più avanti e di non possesso Biraghi sulla linea della difesa. Inoltre mi sembra che Muriel renda al meglio dietro ad una punta facendo da rifinitore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CippoViola - 2 anni fa

      Non ti seguo nella logica della frase: Chiesa e Biraghi sulle rispettive fasce?..OK
      In fase di non possesso Biraghi scende.. OK (lo “faceva” anche con Pioli)
      E dall’altro lato Chiesa che fa? scende anche lui o intendi che difendono in 4 e Milenkovic si allarga?
      Con Pioli era già asimmetrica riguardo ai due terzini Biraghi/Milekovic.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 2 anni fa

        E’ Chiaro che Chiesa si alza solo nella fase di possesso. Anche lui in fase di non possesso farà la fascia abbassandosi. Chiesa ha la capacità di fare tutta la fascia, ha fiato e muscoli. Chiaramente perde qualcosa in fase realizzativa ma, personalmente credo che partendo da lontano può essere ancora più devastante, specialmente con due giocatori di movimento come Muriel e Simeone.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy