Cor. Fio: Commisso, attacco pericoloso. Così strizza l’occhio a chi vive il calcio come una corrida

E il campo non porta risultati

di Redazione VN

Il Corriere Fiorentino torna sulle parole di Rocco Commisso e risponde a stoccata con stoccata: l’attacco del presidente al mondo dell’informazione, si legge, è pericoloso, perché scatena una caccia alle streghe non necessaria e perché alza polverone su un tema che, dopo anni di stucchevolezza, ha bisogno esattamente del contrario. Antonio Montanaro, autore del pezzo, analizza pregi e difetti della gestione americana, ottima all’inizio per pragmatismo, ma impantanata alla lunga nel gioco del ping pong delle responsabilità; Commisso ha strizzato l’occhio a chi vive il calcio come una corrida. E poi viene il campo. Di risultati se ne sono visti pochi a discapito dell’aumento del monte ingaggi, ben tre cambi di allenatore e un acquisto costosissimo a livello di salario – Ribery – che è stato decisivo pochissime volte. Il Covid certo non ha aiutato, ma il percorso per il centro sportivo di Bagno a Ripoli sembra poter concludersi. Sullo stadio, invece, le pressioni hanno portato ad una legge ad hoc, ma i toni del dialogo sono sempre stati inutilmente aspri, più distruttivi che costruttivi. Questo, conclude il quotidiano, hanno raccontato gli organi di stampa.

E DA ROMA FILTRA IRRITAZIONE PER LE SUE PAROLE

32 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bianco - 4 giorni fa

    Su un altro sito fiorentino ho letto un interessante articolo del giornalista Dovellini su repubblica che non attacca violentemente Commisso come altri colleghi anzi in un certo senso capisce lo sfogo di Rocco anche se pesante a me piacerebbe se il direttore Pestuggia riportasse anche questo articolo e non solo attacchi al presidente grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. N_q - 4 giorni fa

    E’ sacrosanto che Commisso sia allibito (e palesemente scocciato) da questi continui rimpalli. L’ostruzionismo italiano agli investitori e investimenti penso sia incomprensibile da chi viene da fuori.
    Tuttavia, le ultime uscite pubbliche portano inevitabilmente a uno scontro che potrebbe far peggiorare una situazione tragic(omic)a.
    Basterebbe pubblicizzare di più il progetto del Viola Park come garanzia che si voglia tenere la stessa identica linea per lo stadio: bello, innovativo, funzionale. Se si devono rispettare alcuni vincoli stilistici sul Franchi credo che i fior di architetti che si può permettere Rocco non avrebbero grossi problemi nel farlo, anzi. Se invece si parla di ‘intoccabilità’ di alcune parti, siamo al più completo delirio burocratico.
    Vorrei un Rocco più pragmatico e scafato, ecco. E’ pronto a fare uno stadio per Firenze e la Fiorentina, è sicuramente dalla parte della ragione, andare contro i mulini a vento non porta a niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BVLGARO - 4 giorni fa

    si ma anche basta. siete la rovina dell’ambiente Fiorentina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Calabriaviola - 4 giorni fa

    Appello al Direttore di violanews: la stragrande maggioranza dei tifosi della Fiorentina da giorni stanno esprimendo la propria opinione sulla vicenda/scontro giornalisti-Commisso (e quindi Fiorentina). Le chiedo con grande umiltà di proporre un suo editoriale in merito, i tifosi che seguono violanews, secondo me, apprezzerebbero. Il tutto sempre in nome dell’indipendenza del giornalismo e del sacrosanto diritto di cronaca.
    FORZA VIOLA Sempre e comunque!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giglioviola - 4 giorni fa

    Per me Rocco ha tutte le ragioni. Fin qui ha investito nel progetto Fiorentina seguendo logiche ineccepibili, mirando prima di tutto a creare le strutture mancanti che sono la base su cui poggiare l’obiettivo di crescita dei risultati, e poi cercando di rinforzare la squadra partendo dalla conferma dei giocatori migliori (ove possibile) e dall’acquisto di nuovi giocatori potenzialmente adatti allo scopo (Cutrone ad esempio non era mica l’ultimo arrivato, poi il campo dà le sue risposte ma l’acquisto era ambizioso). Nelle sue scelte Rocco ha spiegato che ha seguito e segue il principio della meritocrazia, tanto auspicato, e per questo ha dato una chance di conferma a Iachini che con i risultati sul campo se l’era meritata. Venuti meno i risultati ha deciso di cambiare. E su Montella che colpe gli dobbiamo dare? Se lo è trovato sotto contratto di ancora due anni regalato dai Della Valle: ha provato a sfruttare la risorsa prima di accantonarla, visto che in tempi passati aveva ottenuto risultati lusinghieri a Firenze. E’ andata male ma la scelta aveva la sua logica! Avrebbe sperato Rocco di avere supporto e compartecipazione dal comune di Firenze sugli investimenti in stadio e centro sportivo che aveva in programma di fare. Non li ha avuti (anzi si è visto offrire il terreno della mercafir a prezzi fuori mercato…) e allora ha precisato che se i soldi li mette lui decide lui come e dove fare gli investimenti. Ma ha trovato ostacolo anche in questo, la burocrazia locale e nazionale si è messa di traverso: pare che tutti vogliono dirgli cosa deve fare e come. In tutto ciò, molta parte della stampa, consapevole del fatto che sollevare critiche frutta molto di più che dispensare elogi, si è scagliata contro di lui accusandolo di non fare ciò che serve alla Fiorentina. Bene, il diritto di opinione è sacrosanto, ma anche il diritto di Rocco di respingere certe accuse e di criticare chi le fa lo è. E quindi dov’e’ lo scandalo? Tutto questo clamore, l’associazione dei giornalisti … Facciano pure il loro lavoro ma lascino a Rocco, se vuole, la libertà di contro criticare le loro teorie. Tutti noi tifosi dobbiamo essere coscienti che una squadra forte non si costruisce in una sessione di mercato: il solo spendere tanti soldi non garantisce il risultato, ce lo dimostrano ad esempio l’inter che negli anni ha sprecato vagonate di soldi senza mai raggiungere, o quasi, gli obiettivi prefissi, o l’atalanta che invece con una politica dei piccoli passi, ma attenta a tutte le componenti strutturali e tecniche della squadra, partendo dal settore giovanile, è arrivata ai traguardi odierni. Serve quindil’imprenditorialità che Rocco ha dimostrato di avere. Magari da buon calabrese sarà un pò permaloso, ma su di lui secondo me val la pena di puntare e sarebbe bello se tutti i vari interlocutori della Fiorentina lo aiutassero anzichè frapporre ostacoli come spesso sta invece accadendo …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio.godiol_884 - 4 giorni fa

      Supercondivisibile.!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. TOBIA - 4 giorni fa

    La stampa ridere, o la pensi come loro oppure…Peggio, molto peggio chi va dietro a questi figuri. Tristezza. Rocco, vai avanti per la tua strada e non ti fidare di tale marmaglia politica. Il partitone (pd) CHE MANOVRA IL TUTTO è lo stesso che criticava il reddito di cittadinanza, ed oggi governa con i 5S, ed è lo stesso che si sta accordando con il grande nemico Silvio Berlusconi. Che fine….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. claudio.godiol_884 - 4 giorni fa

    Spero vivamente in un intervento dell’Uefa che decreti inagibile il Franchi per tutte le competizioni (come già intimato per mancati parametri di sicurezza antisismici). Forse dopo…. qualcosa si muoverà, se non sarà troppo tardi. Per buona pace dei cari Ministri, Sindaci e giornal compiacenti contro le esternazioni di Commisso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. claudio - 4 giorni fa

    Addirittura ‘attacco pericoloso’!!! Questa affermazione è assai più minacciosa dei cartellini gialli e rossi per coloro che scrivono fake news, non certamente per chi critica costruttivamente. Inoltre tutte queste sparate sugli acquisti, prestazioni sul campo e allenatori rivolte al presidente, semmai, vanno ad indebolire la posizione del duo Barone/Pradè e di Antognomi in qualità di direttore tecnico e club manager, non certo la sua. Se ne renderanno conto? Hmmmmmm….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Ricky - 4 giorni fa

    Forse non avete le idee chiare… è Franceschini che deve aver paura…. se il franchi nonbuttano giù… il Comune dovrà spendere e aumentare le tasse in un contesto che non può permettersi…se fossi Rocco farei giocare la Fiorentina a Pistoia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Giglioviola - 4 giorni fa

    Osservo che buona parte della stampa ed alcuni gruppi di tifosi sono critici con Rocco ricordando le sue parole dette al suo arrivo e cioè che i soldi non sono un problema. Ma questi soggetti scordano che contestualmente Rocco ha detto “ datemi tempo “. Chi critica prende per riferimento per sostenere che si possono ottenere risultati anche senza spendere tanto le società di volta in volta che vanno bene. Cito l’Udinese l’Empoli in Cagliari l’anno scorso nel girone di andata e naturalmente l’Atalanta ma quest’ultima è il frutto di un percorso iniziato 8/9 anni fa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ric pt - 4 giorni fa

      Sai quelle è il problema? È che con queste parole Rocco va contro una parte politica e ai giornali schierati questo non va giù.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bianco - 4 giorni fa

    Ma questi giorna.. tutti uniti a scrivere contro Rocco lo sanno che tra due giorni gioca la Fiorentina ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. luomodelmonte - 4 giorni fa

      Perché si interessano di calcio ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Eziogòl - 4 giorni fa

    Articolo giusto che coglie nel segno. Gli sciocchi e gli allocchi si rovinano il fègato e continueranno a rovinarselo. Bòna giornata,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. bianco - 4 giorni fa

    Ho solo scritto che nessuno fino a questi giorni sapeva chi fossero de ponti e montanaro direttore e giornalista del corriere fiorentino e che cotesto giornale con queste polemiche venderà qualche copia in più e non vedo pubblicato il mio pensiero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Calabriaviola - 4 giorni fa

    I toni utilizzati da alcuni giornalisti e opinionisti, invece sono proprio costruttivi e sono fondamentali per la serenità di tutto l’ambiente. Credo che i tifosi viola debbano organizzarsi per far sentire la propria voce, in modo pacifico e civile, sul fatto che debbano cessare questi attacchi gratuiti alla Fiorentina e alla sua società. Non è più questione di diritto di cronaca o libertà d’opinione, qui si tratta oramai di azione premeditata finalizzata a recare danno anche alla squadra.
    FORZA VIOLA Sempre e comunque!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Eroe - 4 giorni fa

    Quando torneremo allo stadio bagnati con la vescica dolorante con i calcinacci che ti prendono in testa a vedere Fiorentina Gubbio 0 a 0 sapremo chi ringraziare.Lo Stadio Berta bello ed immobile a troneggiare sulle splendide cancellate e con migliaia di turisti ad ammirare le scale elicoidali

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. alex9000 - 4 giorni fa

    Questo è un paese per “omertosi” si può parlare di tutto ed il contrario di tutto a patto però che non si dica mai la verità. Quando qualcuno va un po’ vicino tutti rizzano il pelo, a cominciare da certi giornalisti, per finire a politici, ministri e a chi comanda.
    Va bene trattare Commisso da “Attila”, ma lui non si deve ribellare, deve fare quello che vogliono altri !
    Mi spiace per la Fiorentina, ma se perdiamo anche questo treno, andremo a fare le cronache ed a vedere le partite al … Poggioloni, tra qualche anno !

    PS – quanto manca alla delegittimazione dell’attuale allenatore ?
    Sousa, Pioli, Montella, Iachini, ….avanti il prossimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Barsineee - 4 giorni fa

    io non capisco quale sia il problema se qualcuno la pensa diversamente da tutti. Se non vi piace cosa scrivono i giornalisti, cosa vi impedisce di non leggere i loro pezzi? Se siete veramente questa incredibile pazzesca maggioranza dominante, i giornali che voi non comprerete saranno spazzati via dal mercato, chiuderanno e saranno aperti nuovi giornali che invece rispecchieranno la vostra idea di notizia e voi pagherete per leggere le notizie che vi piacciono tanto. Questa si chiama LIBERTA DI SCELTA. Nessuno ve la toglie e nessuno ha il diritto di toglierla. Se Commisso pensa che la stampa fiorentina sia una cosa da evitare, perché non smette di frequentarla?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bianco - 4 giorni fa

      Te Barsinee devi essere sicuramente un giornalista perché sono giorni che attacchi Rocco e difendi la categoria lo puoi dire chiaramente non ti devi vergognare dai

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 4 giorni fa

        Quanta pochezza di argomenti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. jackfi1 - 4 giorni fa

      Per giornale caro barsinee non si intende più il giornale cartaceo ormai. Quella è storia passata di ormai 20-30 anni e rappresenta forse il momento più alto del giornalismo. Come ho scritto anche ieri, e mi è stato confermato da uno che in quel mondo ci lavora, la stampa odierna si orienta quasi esclusivamente sul clickbait, non perchè i giornalisti siano cattivi ma perchè è l’unico modo di guadagnare qualcosa per far mangiare le famiglie. Il punto però è l’uso che uno fa del clickbait, che di base non sarebbe sbagliato come concetto. Però noi da veri italiani quando c’è una innovazione cerchiamo subito il modo di lucrarci il più possibile da quella innovazione, anche andando contro principi etici. Questa è una tendenza che ormai ha preso quasi tutta la stampa italiana, non solo quella fiorentina, e soprattutto (e questo è il punto che dovrebbe preoccupare i cittadini) in tutti gli ambiti tematici (non solo calcistici). Ieri mi chiedevi, ti abboneresti ad un servizio di qualità che parla della fiorentina. Io ti chiedo ti abboneresti (oltre a quelli che già hai) ad una testata giornalistica italiana? Io sinceramente forse solo al sole24h che è l’unico che è rimasto vagamente serio. Per il resto basta fare un giro sulle pagine fb delle testate giornalistiche nazionali (Repubblica su tutte) per rendersi conto dello squallore del servizio giornalistico odierno. Errori grammaticali, frasi sconnesse, introduzioni che poi sono l’opposto dell’articolo, titoli volutamente esagerati per invgogliare ad aprire l’articolo e cosa più grave di tutte il lucrare sulla morte delle persone facendo leva sui sentimenti umani.
      Poi scusami ma la frase se non vi piace non leggetelo pare tanto “se sei contro i della valle non venire allo stadio che stiamo più larghi”. Se per te la stampa odierna è perfetta e paragonabile a quella di 30 anni allora ok, non sono nessuno per giudicare.
      Infine Commisso per aver due giorni fa detto che non avrebbe invitato chi diffondeva fakenews (e ho detto fakenews, non chi va contro di lui come vuol far credere la stampa) è venuto fuori tutto il bordello di oggi. Quindi direi di no,direi che non può smettere di frequentarla. Però prova a ragionare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. jackfi1 - 4 giorni fa

      Per giornale caro barsinee non si intende più il giornale cartaceo ormai. Quella è storia passata di ormai 20-30 anni e rappresenta forse il momento più alto del giornalismo. Come ho scritto anche ieri, e mi è stato confermato da uno che in quel mondo ci lavora, la stampa odierna si orienta quasi esclusivamente sul clickbait, non perchè i giornalisti siano cattivi ma perchè è l’unico modo di guadagnare qualcosa per far mangiare le famiglie. Il punto però è l’uso che uno fa del clickbait, che di base non sarebbe sbagliato come concetto. Però noi da veri italiani quando c’è una innovazione cerchiamo subito il modo di lucrarci il più possibile da quella innovazione, anche andando contro principi etici. Questa è una tendenza che ormai ha preso quasi tutta la stampa italiana, non solo quella fiorentina, e soprattutto (e questo è il punto che dovrebbe preoccupare i cittadini) in tutti gli ambiti tematici (non solo calcistici). Ieri mi chiedevi, ti abboneresti ad un servizio di qualità che parla della fiorentina. Io ti chiedo ti abboneresti (oltre a quelli che già hai) ad una testata giornalistica italiana? Io sinceramente forse solo al sole24h che è l’unico che è rimasto vagamente serio. Per il resto basta fare un giro sulle pagine fb delle testate giornalistiche nazionali (Repubblica su tutte) per rendersi conto dello squallore del servizio giornalistico odierno. Errori grammaticali, frasi sconnesse, introduzioni che poi sono l’opposto dell’articolo, titoli volutamente esagerati per invgogliare ad aprire l’articolo e cosa più grave di tutte il lucrare sulla morte delle persone facendo leva sui sentimenti umani.
      Poi scusami ma la frase se non vi piace non leggetelo pare tanto “se sei contro i della valle non venire allo stadio che stiamo più larghi”. Se per te la stampa odierna è perfetta e paragonabile a quella di 30 anni allora ok, non sono nessuno per giudicare.
      Infine Commisso per aver due giorni fa detto che non avrebbe invitato chi diffondeva fakenews (e ho detto fakenews, non chi va contro di lui come vuol far credere la stampa) è venuto fuori tutto il bordello di oggi. Quindi direi di no,direi che non può smettere di frequentarla. Però prova a ragionare. Io non sono il primo fan di Commisso(spesso durante il calciomercato mi è capitato di criticarlo anche duramente) ma due giorni fa ha detto una cosa normalissima su cui poi la stampa con la coda di paglia ci ha ricamato sopra tutta la storia. Tutti nella vita normale tendiamo ad allontare “amici” che si inventano storie o bugie, però se lo dice Commisso apriti cielo. Allora mi viene da pensare che probabilmente uno ha la coscienza sporca se si sente tirato in ballo. Io fossi un giornalista che seppur criticando la società l’ho sempre fatto a seguito di ragionamenti logici e senza inventare fonti avrei dormito tranquillamente tra due cuscini dopo le dichiarazioni di due giorni fa perchè non avevo nulla da temere. Se reagisco come ha fatto ieri il direttore del corriere fiorentino evidentemente la coscienza pulita non la ho.
      Per chiudere, perchè è venuto già troppo lungo come post, siamo noi che alimentiamo queste fakenews perchè ci sono siti che giocano sui sentimenti di alcuni tifosi più ingenui alimentando false speranze di mercato ad esempio o finte vicende societarie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. coccobille - 4 giorni fa

      Purtroppo giornali radio e TV prendono contributi dallo stato e se ne fregano se vendono o no

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. jackfi1 - 4 giorni fa

    Non serve essere tifosi per vedere la deriva che sta prendendo la stampa, per il semplice fatto che tale deriva non avviene solo nel calcio ma anche in tutti gli altri ambiti. Andate a vedervi i siti fb delle principali testate. Sono pure arrivati a lucrare sulle morti pur di fare soldi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 4 giorni fa

      Vedi Jack, come scrivevo ieri, qui non si tratta di fare il processo ai giornalisti, alla loro professionalità più o meno rilevante e corretta perché sai benissimo che, come in tutti i campi, ci sono quelli che fanno bene e quelli che sbagliano. Ognuno di noi può avere il suo giudizio più o meno competente ma, certamente, da rispettare. Personalmente o giornalisti li considero petdonaggi che fanno della loro possibilità di influenzare i giudizi della gente un’arma troppo delicata nelle loro mani, insomma,…… Non mi stanno molto simpatici. Qui si tratta di un altro giudizio che giornalisti o no abbiamo il diritto di esprimere ed il giudizio è su quello che Commisso ha detto, DELLO SPECIFICO Argomento no. Delle “fake news” cone ogni tanto genericamente lui ama sottolineare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 4 giorni fa

        Ma infatti è giustissimo che ognuno la pensi come vuole ed è giustissimo che sia così. Siamo su un sito aperto con la possibilità di commentare e quindi è giusto che ognuno dica la sua che non deve essere obbligatoriamente uguale a quello che dico io. Come ho sottolineato anche a Barsinee io se fossi stato un giornalista che in questi tempi ha criticato la fiorentina ma lo ha fatto sempre nel rispetto delle fonti e dell’onestà intellettuale avrei dormito tra due cuscini. Poi si può esprimere dissenso in modo elegante come fatto ieri da Basile (e in tal caso dò ragione a lui, anche se probabilmente lui non rientrava nel senso del discorso di Commisso) oppure in modo arrogante come fatto ieri dal direttore del corriere fiorentino e in tal caso mi viene da pensare che per rispondere in quel modo probabilmente uno si sente colpito direttamente e che le notizie riportate dal corriere fiorentino nell’ultimo tempo non fossero limpidissime

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. A ndrea - 4 giorni fa

    Caro Corriere non è vero… Voi (e la maggior parte degli organi di stampa: Nazione, TG3 regionale…) avete fatto il tifo per la ristrutturazione del Franchi presentadola a Commisso come l’unica soluzione che desideravano i tifosi.
    Invece i tifosi volevano ben altro: uno stadio nuovo nell’area metropolitana.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. redellamaratona - 4 giorni fa

    È il momento di smetterla con queste minacce.Ore e ore di inutili trasmissioni,km di scritti inutili di pseudo giornalisti che tutto fanno tranne che parlare di calcio giocato.Basta con opinionisti che per un tozzo di pane creano polemiche ad arte.Se Rocco dopo aver ricevuto calci in bocca malgrado il suo impegno e i soldi sborsati si ribella,allora questa congrega di scribi incapaci,inizia il tam tam del ricatto.La critica giusta ed equilibrata è giustia ma qui si va oltre.Mesi a parlare dello sbaglio di Chiesa come se un presidente debba accettare supinamente le bizze e la scarsa professionalità di un giocatore e, invece di scrivere e parlare male di Chiesa, tutti a posteriori si scagliano contro Rocco.Per non parlare di Iachini molti a giugno scrivevano della bravura di Beppe nel salvarci e della necessità di dargli una possibilità,poi dopo i primi risultati negativi tutti addosso a Rocco perché non aveva dato retta a Prade.Molti presidenti sbagliano gli allenatori e li cambiano vedi De Laurentis,vedi Inter,vedi Milan ecc.ecc.ai primi risultati negativi questo fa parte del calcio.In definitiva le critiche giuste e misurate sono accettabili ma il continuo creare polemica è accusare di tutto senza mettere in risalto i pregi,senza concedere il diritto normale nel calcio di sbagliare è solo un pretesto per poter trovare argomenti e giustificare le innumerevoli pagine vuote di questi.Saverio anche tu devi intervenire e prendere posizioni,non solo riportare articoli pubblicati dagli altri.I tifosi sono esasperati dai giornalisti e non ne possono più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Michele - 4 giorni fa

    Hanno fatto una legge sullo stadio per non perdere i voti a Firenz,e che sennò il PD con Giani perdeva la Toscana. Ora però il Re è nudo! Vediamo di che pasta è fatto il PD e Franceschini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Staffa - 4 giorni fa

    ed ecco i permalosoni che partono con le critiche al presidente…

    fastidioso vero quando vi risponde per le rime???

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy