Confronto Chiesa-Barone dopo il nervosismo Juve. Quel silenzio durante Fio-Chivas…

Chiesa sogna di giocare con Ronaldo, guadagnare milioni e lottare per la Champions. Ma la proprietà viola ha già deciso: non verrà venduto

di Redazione VN

Ancora spazio alla vicenda Chiesa sul Corriere dello Sport-Stadio. Secondo il quotidiano, i tempi del coming out del giocatore non sono casuali: il cambio di strategia rispetto al silenzio dei giorni scorsi è arrivato dopo le notizie filtrate nei giorni scorsi sul nervosismo della Juventus, irritata con Chiesa perché non aveva ancora rotto ufficialmente con la Fiorentina. L’annuncio – nell’idea dei bianconeri – avrebbe rilanciato l’urgenza di vendere alle condizioni del club guidato da Andrea Agnelli, ma Federico si era limitato a postare su Instagram, nel giorno del raduno con la Fiorentina, una foto con il volto serio, vestito con la divisa della Nazionale.

Chiesa sogna di giocare con Ronaldo, guadagnare milioni e lottare per la Champions, il padre vede una svolta potente per il figlio e un ingaggio impensabile fino a un anno fa, ma questo nascondersi ha finito per allargare le distanze. Nel mezzo c’è stato il passaggio da una proprietà fredda e assente a una sentimentale. Chiesa ha scelto di parlare con Barone e non con Rocco, forse perché non voleva deludere Commisso. Il silenzio durante la partita di Chicago, osservata insieme dal Presidente e dal talento viola, è apparso irrispettoso. Commisso è rimasto deluso, ma non ne ha voluto parlare. A prescindere da questo Chiesa non verrà venduto. LA RICOSTRUZIONE DEL FACCIA A FACCIA TRA IL GIOCATORE ED IL BRACCIO DESTRO DI COMMISSO

Montella: “La squadra è stanca. Chiesa? Giovedì gioca”. Sul summit di mercato con Pradè e Barone…

Dragowski, c’è distanza sul rinnovo ma rimane. La Fiorentina aspetta che il polacco esca allo scoperto

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-2073653 - 2 anni fa

    Fossi io Rocco, gli direi che finisce il contratto alla Fiorentina, o che lo vende solo ad una squadra diversa dai gobbi e per una vagonata di quattrini, magari con la clausola per chi lo compra che se lo rivende ai gobbi prima di tre anni, paga. Questa storia delle pressioni sui giocatori di altre squadre deve finire, ed aggiungo che Chiesa sarà anche tifoso, ma non lo dimostra, perché se gli voglio pure concedere l’aspirazione di giocare per grossi traguardi con un’altra squadra, per lo meno potrebbe avere rispetto per la Viola chiedendo che venisse giustamente pagata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Johan Ingvarson - 2 anni fa

      Dimentichi un particolare: più una società paga di cartellino, meno stipendio il calciatore intasca. Quindi i calciatori hanno tutto l’interesse a farsi vendere a saldo, così che poi nella nuova società possano strappare un contratto più ricco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy