Caputo: “Derby molto sentito, vogliamo regalare una gioia ai tifosi”

Caputo: “Derby molto sentito, vogliamo regalare una gioia ai tifosi”

Ciccio Caputo è l’uomo del momento in casa Empoli, ma domenica baratterebbe un suo gol con un risultato positivo per l’Empoli

di Redazione VN
Caputo

In una lunga intervista al Tirreno, il bomber dell’Empoli Ciccio Caputo ha raccontato il suo momento d’oro, fatto di gol e… birra: “Ho raggiunto il mio equilibrio e arrivare in Serie A dopo i 30 anni può essere un vantaggio. Di sicuro non mi sento diverso da qualche mese fa, continuo a vivere il mio lavoro e la mia vita come sempre, allenandomi ogni giorno al massimo. Iachini dice che sono da Nazionale? Sono contento delle sue parole, perché è il mio allenatore e mi vede tutti i giorni. Ma la mia Nazionale ha la maglia azzurra e si chiama Empoli. Quanta birra vendo ora che sono uno dei calciatori del momento? Beh, in effetti gli ordini stanno lievitando”.

Sul match di domenica: “Un gol nel derby? Darò tutto per un risultato positivo, come sempre. Mi piacerebbe anche segnare, ma conta il risultato, e stavolta anche di più. I tifosi sentono molto questa partita e noi dobbiamo fare di tutto per regalare alla nostra gente la gioia che merita. Spero che vengano in tanti a darci una mano. Ne avremo bisogno. La Fiorentina è una grande squadra, c’è poco da dire, e merita tutto il nostro rispetto. Detto questo sappiamo di poter dire la nostra e cercheremo di farlo nel miglior modo possibile. Sicuramente vista l’attesa è una di quelle partite che si prepara da sola”. Dopo due errori dal dischetto, Caputo calcerebbe di nuovo un rigore importante? “Certo che sì, al primo posto c’è il mio nome. Finché sarà così mi farò sempre avanti, senza problemi”.

vnconsiglia1-e1510555251366

Anche in società si pensa di rispedire Pjaca alla Juve. E le prossime quattro gare saranno decisive

Pioli contro Iachini. Mareggini racconta: “Avrei scommesso su Stefano, mentre Beppe…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ale 1926 - 1 anno fa

    Anni fa, giocatori mediocri, di squadre mediocri, nn avrebbero fatto gli spavaldi prima di venire a giocare a Firenze. Dobbiamo ritrovare l’empatia tra società ed ambiente e riprendere a pensarla nello stesso modo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy