Addio Maraschi, il bomber dello scudetto che esaltava Indro Montanelli

L’aneddoto raccontato da La Gazzetta dello Sport, il ricordo dedicato ad un grande attaccante

di Redazione VN

Anche la Gazzetta dello Sport dedica spazio alla scomparsa di Mario Maraschi. L’ex viola ci ha lasciato ieri dopo una vita trascorsa sul campo da calcio segnando a raffica. Nell’ultimo scudetto gigliato, nel 1969, segnò ben 14 reti e fu grande protagonista. Il quotidiano racconta un aneddoto legato ad Indro Montanelli, grande tifoso viola. L’11 maggio 1969 il giornalista si trovava a Parigi per seguire le elezioni presidenziali francesi, ma si prese un’ora e mezzo di libertà e ascoltò la radiocronaca di Juventus-Fiorentina, partita decisiva per lo scudetto della Viola. Gol di Chiarugi, raddoppio di Maraschi. Montanelli saltò dalla poltrona e, dimenticando per un attimo i grandi temi della politica internazionale, buttò giù un pezzo sul titolo conquistato dalla sua amata Fiorentina. E per l’attaccante originario di Lodi Montanelli nutriva una vera e propria passione e molto si arrabbiò quando lasciò la Viola.

 

Cinquini: “Riportare Pedro a Firenze rimane un rischio. Volevo Ribery allo Zenit”

 

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CippoViola - 2 mesi fa

    Grazie di tutto Mario e buon viaggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy