La proposta: “Sì al restyling del Franchi. Va ripensato il quartiere”

La proposta: “Sì al restyling del Franchi. Va ripensato il quartiere”

Serena Biancalani spiega come l’Ordine degli Architetti vede il progetto di ristrutturazione dello stadio Franchi

di Redazione VN

Il presidente dell’Ordine degli Architetti di Firenze, Serena Biancalani, interviene nel dibattito in corso riguardo al tema del nuovo stadio della Fiorentina: “Il fermento di questi giorni attorno al tema del nuovo stadio ha registrato molte voci, dal nuovo proprietario della Fiorentina al neo rieletto sindaco Dario Nardella fino al soprintendente Andrea Pessina. Da parte nostra accogliamo con favore l’ipotesi che il progetto del nuovo stadio di Firenze si possa concretizzare in un restyling dell’Artemio Franchi, monumento nazionale opera dell’ingegno di Pier Luigi Nervi e Gioacchino Luigi Mellucci”.

Biancalani prosegue: “In tempi non sospetti l’Ordine degli Architetti si era già espresso in favore di questa scelta che si muove nella virtuosa direzione del recupero di un bene nel segno della riqualificazione che ne attualizzi l’uso alle esigenze contemporanee. Nel tempo, già nel 2006 come nel 2013, erano state fatte delle proposte in tal senso ma la scelta si era diretta verso la realizzazione di una struttura nuova, con un progetto certamente ambizioso dal percorso rivelatosi poi complesso. Ripensare oggi allo stadio dove è già collocato, rinnovato con un intervento di restyling che di fatto si deve identificare come un moderno progetto di restauro, richiede un ripensamento del quartiere alla luce delle nuove previsioni sulla viabilità cittadina che coinvolga, oltre alla linea tranviaria, un potenziamento o l’ottimizzazione di quella ferroviaria”.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ziomario - 2 mesi fa

    Poche balle stadio nuovo e moderno. SFV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. glover_3713546 - 2 mesi fa

    Ma riprendere i 32 ettari gratis della Mercafir, senza spostare niente, quello che aveva proprosto Renzi nel 2013?? Non ci sarebbe da aspettare nulla, ed in 32 ettari ci fai lo stadio già progettato (bellissimo), parcheggi ed altri spazi commerciali ed albergo. Si potrebbe partire quasi subito, con il progetto del 2017
    Riproponiamo tutti questa idea….tanto a Commisso non gli interessa la Downtown dei DV ed i suoi supermercati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. VIKINGO - 2 mesi fa

    una riqualificazione del franche dovrebbe passare sicuramente , a mio avviso , da una ricostruzione delle curve … ovvero trasformare i parterre di curva in gradinate vere e proprie che prenderebbero tutta l area interna , questo per permettere anche a chi e in curva di apprezzare la partita .
    Ma questo ha diversi svantaggi… sicuramente brutto….perche hai un profilo esterno diverso da quello degli spettatori…sicuramente impattante….fornse parzialmente mitigabile con una copertura estesa….e una perdita secca di molti posti…diciamo dagli attuali 11.000 a circa 7/ 8000…. in alte parole meglio una stadio nuovo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fornamas63 - 2 mesi fa

    Non ho molta fiducia negli architetti in genere (gli archistar in particolare), sono prevenuto lo ammetto, ma LeonBattista Alberti e Brunnelleschi hanno da rinascere e comunque abbiamo già dato riguardo alla ristrutturazione del Franchi spendendo l’equivalente di un nuovo stadio (in un paese normale) rimanendo con un brutto ibrido con molti limiti e problemi come la distanza delle curve dal campo, la copertura, le gradinate inidonee ai seggiolini e la collocazione in una area tuttora senza tranvia.
    Bah! fate voi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Xela - 2 mesi fa

      SE BONA… ne son passati di artisti ed architetti tra brunelleschi ed ora eh… E sui lavori delle archistar contemporanee ci sbavate sopra quando andate nel resto d’europa tra francia, spagna, germania, inghilterra… il problema in italia sono le sovrintendenze che producono, appunto, ibridi illogici.

      questa apertura dell’ordine degli arch. è utopica. per fare un buon lavoro andrebbe buttato via tutto lo schifo degli anni 90, pensiline, tabellone, cancellate, riflettori, modificato il contesto, creata una copertura ex nova strutturalmente a sè stante, chiusi i sottotribuna ed allestiti come si deve e dopo tutto questo l’unica cosa che hai risolto di importante è il non prendere la pioggia 3 volte l’anno.

      Soluzione infattibile

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy