Borgogol uccella lo zio Bergomi: e chi se lo scorda quel pazzesco 4-3 all’Inter

12 febbraio 1989: domenica per cuori forti. Era la Fiorentina della B2

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

La Fiorentina può vantare un gran numero di vittorie entrate di diritto nella sua storia. Solo per citarne due: l’1-0 contro la Juventus nel dicembre 1998 o il 4-2, sempre contro i bianconeri, il 20 ottobre 2013.

Da non dimenticare anche il rocambolesco 4-3 rifilato all’Inter al Comunale il 12 febbraio 1989. I viola, allenati dallo svedese Sven-Goran Eriksson, erano reduci dalla sconfitta per 1-0 di Bologna, mentre i nerazzurri venivano dal successo per 2-0 di San Siro contro il Torino. I gigliati scesero in campo con Landucci, Bosco, Mattei, Dunga, Battistini, Hysen, Salvatori, Cucchi, Borgonovo, Baggio, Di Chiara. Giovanni Trapattoni rispose con Zenga, Bergomi, Brehme, Matteoli, Ferri, Mandorlini, Bianchi, Berti, Matthaus, Diaz, Serena.

Contro la Fiorentina, l’Inter incappò in una domenica amara. Matthaus sbloccò il match su rigore al 13’, il Divin Codino firmò il momentaneo 1-1 al 33’. Ad inizio ripresa, i padroni di casa andarono sul 2-1 grazie a un sinistro chirurgico di Cucchi. In due minuti, però, dal 55’ e al 57’, ci pensò Aldo Serena a portare i nerazzurri sul 3-2 con due colpi di testa. Tutto finito? Macché, perché al 73’ prima e al 85’ poi fu Stefano Borgonovo, da perfetto rapinatore d’area, a ribaltare il risultato fino al definitivo 4-3 (come dimenticare il poker di Borgogol su assist dello zio Bergomi).

Nonostante quel ko, l’Inter si laureò campione d’Italia per la tredicesima volta, conquistando 58 punti sui 69 disponibili (la vittoria valeva all’epoca due punti). I viola, invece, si classificarono al settimo posto a quota 34. Da sottolineare, durante quella partita, la pessima prestazione dell’odiato ex Nicola Berti, in balìa delle giocate di Roberto Baggio e per questo sostituito dopo appena mezz’ora.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ammazzalavecchiacolgas - 3 settimane fa

    Se ricordo bene, fu l’unica sconfitta dell’Inter “dei record” di Trapattoni. Allora molte grandi pagavano pegno al Comunale prima di vincere il campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ammazzalavecchiacolgas - 3 settimane fa

    Alla formazione dell’Inter manca il nove, Diaz.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy