“Lavoriamo ad un futuro verde per il Franchi, vigileremo sulla sostenibilità”

“Lavoriamo ad un futuro verde per il Franchi, vigileremo sulla sostenibilità”

L’esponente dei Verdi e candidato alle Regionali interviene nel dibattito sul futuro dello stadio Franchi

di Redazione VN
Eros Tetti, candidato al Consiglio Regionale della Toscana nel collegio Firenze 1 per la lista Verdi Europa, è intervenuto sulla questione nuovo stadio di Firenze:
Impensabile svuotare lo stadio di Nervi dalla funzione per cui è stato costruito: in breve tempo diventerebbe un rudere. L’unica strada è quella di conciliare le esigenze della conservazione con quelle di una moderna fruizione. Come ambientalisti non possiamo che esser favorevoli alla ristrutturazione dello Stadio Artemio Franchi. Secondo parametri che conservino gli elementi identitari della struttura, ma diano la possibilità di adeguarlo alla moderna fruizione dello spettacolo calcistico. Bene dunque l’emendamento che va in questa direzione, attualmente in discussione in Parlamento. Qualsiasi altra soluzione comporterebbe nuovo consumo di suolo, come nel caso di Campi Bisenzio, ed il decadimento della struttura che, come accade ad esempio al Flaminio di Roma, una volta perduta la sua funzione, è destinato a deperire strutturalmente. Naturalmente, come Verdi, in stretta collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e coinvolgendo intellettuali ed urbanisti nella fase progettuale, vigileremo affinché la realizzazione delle strutture accessorie che la proprietà richiede per rendere sostenibile l’investimento avvenga nel quadro del rispetto monumentale dell’opera e della massima sostenibilità ambientale, secondo rigorosi criteri di efficienza energetica e di implementazione del verde, ed all’interno di un quadro che tenga conto della risistemazione dell’intero quadrante sud a partire dalla delicata questione della mobilità.

Stadio ed emendamenti: per Repubblica vince la linea PD, Renzi e IV al palo

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Valter - 3 settimane fa

    Questo è un altro dei fenomeni che dicono che lo stadio deve essere quello e basta.
    Neanche ci mettesse i soldi suoi non solo per lo stadio ma per gestire la Fiorentina.
    Chi è che gli da i voti a questi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marco.firenz_605 - 3 settimane fa

    Anche questo, tutte chiacchere e immobilismo. Ne abbiamo abbastanza di questi esseri inutili. Le famiglie sono in crisi economica, con cassa integrazione, che oltretutto non arriva. Ben venga chi vuole investire e portare posti di lavoro. Mandiamo a casa questi esseri inutili alle prossime elezioni, sono solo un danno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. sirociri_278 - 3 settimane fa

    Chi ha messo l’unico dislike non può essere che il Tetti Eros

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Viola1974 - 3 settimane fa

    Eccone un altro.
    Mancava alla lunga lista dei progettisti pre elettorali.
    Rocco scappa in un comune limitrofo, fai un bello stadio, che noi tifosi se fai una bella squadra ti raggiungiamo ovunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo - 3 settimane fa

    Adesso basta con tutti questi “bla bla bla” di certi politici ai quali di Fiorentina non interessa un bel niente, ma interessa soltanto mettersi in mostra anche se rappresentano meno del 3 per cento di consenso dei cittadini!

    Tutti quanti sulla stessa linea: restauriamo il Franchi, ma non troppo perché più di un certo limite non si può! Io dico basta! Non ne possiamo più! Che tacciano una volta per tutte e lascino una volta per tutte Commisso fare di testa sua!

    Chi vuole veramente bene alla Fiorentina deve stare dalla parte di Commisso per uno STADIO NUOVO DI PROPRIETÀ della Società viola, altrimenti non ci sganceremo mai dalle posizioni di bassa classifica!

    Viva lo stadio nuovo! Che sia a Campi Bisenzio o nel comune di Firenze non importa, purché sia STADIO NUOVO e non stadio vecchio ritoccato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. sirociri_278 - 3 settimane fa

    Troppi partiti politici in Italia, troppa gente che dall’alto del suo 5% di consenso si permette di porre paletti e freni allo sviluppo e quant’altro.
    La soluzione? Due partiti. A o B ; chi si identifica in uno non gioca nell’altro. Non ci sono più le gradazioni o sfumature di colore… Chi è leggermente più a sx o dx di chi mi sta accanto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dal greto dell'Arno - 3 settimane fa

      io alzerei lo sbarramento al 10% e sono anche d’accordo con i due partiti all’americana, ma rimarrebbe il problema dei comitati cittadini, leghe varie (non quella di Salvini) e soprattutto il TAR che da sempre ragione a sto cavolo di comitati, Bruxelles vuole che ci mangiamo le cavallette al posto della bistecca ma guai però a toccargli la rana verde del rigagnolo di campi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sirociri_278 - 3 settimane fa

        Se ci fossero veramente due soli partiti non esisterebbero ne liste civiche né comitati assurdi.
        Il Tar mi starebbe ancora bene perché dovrebbe fungere da terzietà.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy