Attesa la svolta sotto lo sguardo di Commisso. Le ultime dal campo

Attesa la svolta sotto lo sguardo di Commisso. Le ultime dal campo

Le probabili scelte del tecnico gigliato

di Alessandro Lilloni, @AleLilloni

La Fiorentina si appresta ad affrontare la Spal dell’ex Leonardo Semplici. Questo pomeriggio, al Franchi, andrà in scena un vero e proprio scontro diretto tra due compagini che stanno faticando. I ragazzi di Iachini ne sono consapevoli ed i problemi di classifica sono ben noti. Adesso è attesa una svolta, l’unico risultato accettabile è la vittoria. Non sono ammesse distrazioni ed il pubblico, a suo modo, cercherà di aiutare la squadra con il proprio calore. Anche la qualità del gioco, per il momento, può passare in secondo piano. La priorità è la concretezza e sbloccarsi mentalmente, gestire la partita senza aver paura di vincere. Per raggiungere l’obiettivo, escluse defezioni dell’ultimo minuto, Iachini è pronto a confermare l’undici titolare di Bologna.

Dragowski tra i pali con Caceres, Milenkovic e Pezzella a protezione. Il capitano viola, tra i più delusi a causa del decisivo errore di marcatura su Santander, in settimana è apparso molto determinato. In mezzo, dopo il gran gol, confermato Benassi insieme a Castrovilli e Pulgar. Al cileno è richiesto un salto di qualità in entrambe le fasi. Spostato nel suo ruolo naturale a discapito di Badelj, le aspettative dei tifosi ed addetti ai lavori sono aumentate. Sulle fasce a supportare l’azione ci saranno Lirola e Dalbert, i due presto potranno contare su un vero e proprio rapace d’area di rigore come Patrick Cutrone. Un giocatore che per caratteristiche tecniche è mancato terribilmente alla Fiorentina. L’ex Milan quest’oggi partirà dalla panchina, pronto a subentrare a gara in corso. I titolari davanti saranno Vlahovic e Chiesa.

Si è parlato tanto della posizione di Federico in settimana, ma il caso è stato presto chiarito da Iachini in conferenza stampa. Giocherà vicino alla porta a supporto di Vlahovic, sperando che il feeling tra i due possa finalmente sbocciare come accaduto in passato con Ribery. Le condizioni fisiche non gli permettono di esprimersi a tutta fascia, ma le sue qualità tecniche bastano ampiamente per essere comunque decisivo.

Chiesa, la fascia può aspettare. Le idee di Iachini ed una necessità di natura fisica

Guerini duro: “Pedro operazione da ridere, altra brutta figura. Badelj? Non lo avrei ripreso”

 

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. violaebasta - 3 mesi fa

    Oggi conta solo vincere, anche giocando male. Se così non fosse ( e non ci voglio neanche pensare) sarebbe un vero disastro considerando anche che il prossimo turno andrebbero a giocare a Napoli con poche chance a parere mio di portare a casa punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 3 mesi fa

      E così è andata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy