Semplici torna nella sua Firenze: in estate Pradè aveva pensato a lui

Gara particolare per Leonardo Semplici, ex viola. Pradè aveva pensato a lui e a Maran in estate, ma Commisso ha confermato Montella

di Redazione VN

Non sarà una partita come le altre per Leonardo Semplici. Il tecnico della Spal, nonché ex viola, si sa, è un grande tifoso della Fiorentina. Il 15 aprile 2018 entrò per la prima volta al Franchi da avversario. Il popolo viola – ricorda il Corriere Fiorentino – gli tributò un applauso tanto inatteso quanto sincero. In quel saluto non c’era soltanto l’abbraccio della città ad un figlio, ma anche il riconoscimento per il lavoro che aveva fatto. Prima l’avventura nel settore giovanile gigliato dov’è arrivato nel 2011, poi quella alla Spal dov’è diventato grande con tre promozioni di fila e due salvezze di cui la prima miracolosa. La Fiorentina ci ha pensato più volte di riportarlo a casa. Nella testa di Pradè, richiamato da Commisso, c’erano due opzioni: Rolando Maran e, appunto, Leonardo Semplici. Nessuno come lui, secondo il Ds, sarebbe stato in grado di unire la tifoseria dopo anni di spaccature, veleni e polemiche. Commisso, però, ha confermato Montella e Semplici è rimasto alla Spal. Oggi torna nella sua Firenze e si gioca la “vita”. Costretto a mettere nei guai il suo grande amore pur di salvare la pelle. 

Semplici: “Dabo disponibile da lunedì. Ritorno di Bonifazi? Non c’è questa probabilità”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy