Pres. Ordine Ingegneri: “Il restyling del Franchi utile per evitare l’abbandono. Le tempistiche…”

L’Ordine degli Ingegneri si espone sul restyling del Franchi

di Redazione VN
Franchi

Il presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze, Giancarlo Fianchisti, interviene sul restyling dello Stadio Franchi:

“Il Consiglio Regionale della Toscana si impegnerà nella riqualificazione dello stadio Artemio Franchi di Firenze, favorendo soluzioni di recupero delle volumetrie esistenti. “Una notizia importante, che dimostra ancora una volta il valore di questo impianto, il cui richiamo travalica i confini comunali e coinvolge tutta la Toscana”. Così Giancarlo Fianchisti, presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze. “Questa mozione, approvata dalla maggioranza, ci fa ben sperare sulle tempistiche dei prossimi mesi: ci auguriamo che il bando di concorso per la progettazione si possa aprire già in primavera, senza slittamenti. Ora che il Ministero per i Beni Culturali ha tracciato le linee guida è giusto e doveroso procedere alla ristrutturazione in tempi rapidi. I primi interventi di messa in sicurezza, finanziati dal Comune, è previsto che inizino già in queste settimane. Nonostante la partecipazione della Regione, e ci auguriamo anche di nuovi protagonisti internazionali, il progetto resterà comunque in mano alla città di Firenze. Finalmente però, dopo anni d’immobilismo, osserviamo quella partecipazione attiva che era a lungo mancata.

Il 29 gennaio scorso l’Ordine degli Ingegneri ha organizzato un incontro sul recupero architettonico dello stadio, coinvolgendo Comune, professionisti di settore e Soprintendenza – prosegue il presidente Fianchisti -. In futuro non è escluso che seguiranno altri appuntamenti. Dobbiamo portare avanti questo confronto d’idee e la cooperazione tra esperti, che sarà la vera salvezza del Franchi, garanzia di un recupero di qualità. Il progetto del restyling permetterà all’opera di Nervi di non finire in uno stato di abbandono. E sarà l’occasione per riqualificare anche l’area di Campo di Marte, migliorando infrastrutture e aprendo nuovi spazi culturali e sportivi destinati a tutta la città di Firenze

Pessina sul Franchi: “Aggiunte anni ’50 e ’80 si possono demolire, ok la copertura. La gru agli Uffizi? Necessaria”

 

Commisso
(Photo by Claudio Villa/Getty Images)
2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudiog197_3585294 - 3 settimane fa

    Quello che mi preoccupa è che tutti , ma proprio tutti , sono convinti che una volta ristrutturato il franchi si potrà tranquillamente chiedere un aumento dell’affitto alla fiorentina perché comunque giocherà in uno stadio rimesso a nuovo . Io però un paio di domande me le farei :
    1 quanto tempo ci vuole per il restauro ?
    2 è più conveniente spendere soldi pubblici per restaurare il franchi avendo poi come unico rientro l’affitto che la fiorentina pagherebbe o sarebbe meglio spendere quei soldi per urbanizzare un area dove poi interverrebbe un privato con fondi propri portando prestigio, visibilità e soprattutto lavoro a tutta Firenze.
    3 ma siete poi sicuri che una volta spesi i soldi per ristrutturare lo stadio la fiorentina decida di giocarci ? Nessuno potrebbe obbligare commisso ad accettare una volta scaduto l’attuale contratto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bpaolo6_13576411 - 3 settimane fa

    La cosa buffa è che vengono coinvolti tutti nelle eterne discussioni
    tranne gli utenti dello stadio cioè i tifosi …..mahhhhhh!??!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy