Prandelli, via all’operazione recupero Pulgar: fare bene oggi per dirsi addio domani

Prandelli proverà a recuperare Pulgar per il girone di ritorno: l’obiettivo comune è fare bene per poi decide in estate se continuare insieme anche se la strada sembra già segnata

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Se solo la Fiorentina avesse avuto una valida alternativa, Pulgar avrebbe salutato tutti nell’ultima sessione di mercato. Diventato una riserva, il suo umore non è dei migliori. Chi è vicino a lui lo descrive rattristato dal poco spazio che sta trovando. Prandelli ha fatto la sua scelta: Amrabat davanti alla difesa e Castrovilli e Bonaventura ai lati. Domani sera però contro l’Inter il cileno ha una grande occasione per rilanciarsi. Dovrà sostituire lo squalificato Castrovilli, dunque dovrebbe essere riproposto in mezzo al campo con Amrabat spostato a lato.

Dopo settimane vissute con la smartphone in mano in attesa della giusta chiamata, Erick ha l’occasione per cancellare il presente e scrivere un nuovo inizio della sua avventura viola. Questo non significa necessariamente che debba essere un titolare del futuro. All’interno della società è molto apprezzato, ma un anno e mezzo è stato sufficiente per capire che forse è bene cambiare rotta. Sia per lui che per il club. La prossima estate sarà difficile evitare il divorzio, ma fino ad allora giocatore e club devono far coincidere i propri interessi. Se Pulgar rende, aumentato le pretendenti. E così la Fiorentina avrà l’opportunità di accontentarlo lasciandolo partire a fronte di una proposta congrua. Tutti contenti.

Il lavoro di recupero tocca a Cesare Prandelli, sta a lui spiegare questo al giocatore e a liberarlo dalle difficoltà che lo stanno accompagnando da troppo tempo. Un piccolo elemento a favore del giocatore è il fatto che non c’è il pubblico allo stadio, ragion per cui le pressioni quando sbaglia sono fortemente ridotte. Insomma, le condizioni per ripartire ci sono tutte. Tocca a Pulgar cancellare la nube di scetticismo che si è addensata sopra di lui per poi scrivere un futuro migliore.

RICORDATE MADRIGALI? L’EX PROMESSA VIOLA OGGI E’ PASTICCERE

Pulgar
GERMOGLI PH 10 GENNAIO 2020 CAMPIONATO SERIE A DI CALCIO STADIO ARTEMIO FRANCHI FIORENTINA VS CAGLIARI NELLA FOTO PULGAR
5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mario - 3 settimane fa

    Penso che se si vuole migliorare l’ossatura c’è. Portiere, 2 centrali Milenko Quarta, 2 centrocampisti Castro, Amrabat, 1 attaccante Vlaho. Sono 6 considerando Milenko che farei di tutto per tenere considerando lo spessore esperienza acquisita e per non dover spendere in quel ruolo che per noi sarebbe ben coperto. Avremmo anche delle seconde linee idonee come Terracciano, Caceres, Igor, Pulgar con i 2 nuovi arrivati da valutare. Con 2 difensori esterni, 1 regista e 1 punta senza dimenticare Sottil potremmo puntare a qualcosa di meglio con la possibilità che alcuni in una squadra che fa gioco trovino anche una stagione migliore come un po’ è successo al Milan dove tutti scarsi sono diventati una squadra con qualche innesto azzeccato e un allenatore che si è trovato nel posto giusto al momento giusto. Ovviamente un allenatore con ambizione che punti al gioco più che agli uomini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 29agosto1926 - 3 settimane fa

    In QUESTA Fiorentina può starci anche lui. Tranquillamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Larry_Smith - 3 settimane fa

    Quindi, se fa bene parte, se fa male resta… Quadra tutto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. folder - 3 settimane fa

    ” All’interno della società è molto apprezzato”

    Questo fa capire quanto ci capiscono,in società,di calciatori!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Massy73 - 3 settimane fa

      Perché all’interno della società non dovrebbe essere apprezzato?
      Mah… a me sembra che siamo alla polemica forzata anche sulle virgole…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy