Prandelli, una sola vittoria contro il sor Claudio ma il ricordo ha il gusto dell’impresa

Prandelli e Ranieri, due fra gli allenatori più longevi della storia viola. Cesare ha trionfato solo una volta, fu speciale.

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_
prandelli-ranieri

Non è un caso se Claudio Ranieri viene considerato uno dei migliori allenatori del campionato italiano. Astuto, preciso, pratico: quando arriva lui, la mano si vede. Per Cesare Prandelli è una sorta di ossessione visto che in otto confronti è riuscito a batterlo soltanto una volta. Era il 2 marzo 2008, potrebbe bastare la data per evocare i ricordi. Juventus-Fiorentina, finì 2-3 con Papa Waigo ed Osvaldo assoluti eroi viola. Dopo di allora, ma anche prima, per l’allenatore viola non è mai stato facile. Come la prima volta in cui si incrociarono, Parma-Fiorentina. Mattatore di quella giornata di aprile 2007 fu Pepito Rossi, arrivato in prestito proprio alla corte di Ranieri: insieme firmarono una salvezza che ha il gusto dell’impresa.

Negli ultimi quattro precedenti, Prandelli ha raccolto soltanto un punto. Sedeva sulla panchina del Genoa, sor Claudio su quella della Roma. Finì 1-1, pareggio prezioso per i rossoblù che poi arrivarono a salvarsi a Firenze contro la Fiorentina di Montella. Storia abbastanza recente. Incroci a parte, i due allenatori sono fra i più longevi sulla panchina viola. Ranieri ha vinto una Supercoppa e una Coppa Italia, e chi se le scorda? Il rapporto con Firenze è sempre stato un po’ contrastato, ma ripensare ai suoi anni riporta in mente notti divertenti e campioni come Batistuta, Baiano, Rui Costa e Toldo. La storia di Prandelli è più recenti, fatta di enormi soddisfazioni ma non culminate con un trofeo alzato. E adesso in ballo c’è anche il futuro. Certamente sono due signori del calcio, allenatori ai quali, quando i tifosi viola potranno tornare negli stadi, non negheranno mai un applauso.

BELOTTI, IL RINNOVO COL TORINO E’ DIFFICILE: CI PENSA ANCHE LA FIORENTINA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy