Pontello: “Innamorato di Gil Dias, Simeone ha carenze tecniche. Sui Della Valle dico che…”

Pontello: “Innamorato di Gil Dias, Simeone ha carenze tecniche. Sui Della Valle dico che…”

“Questa Fiorentina merita la sufficienza, sperando che possa migliorare, anche se è una squadra inferiore agli ultimi anni. Ancora non s’intravedono gioco e atteggiamento”

di Redazione VN

Niccolò Pontello, ex dirigente viola, ha parlato a Radio Blu:

Questa Fiorentina merita la sufficienza, sperando che possa migliorare, anche se è una squadra inferiore agli ultimi anni. Ancora non s’intravedono gioco e atteggiamento. Sono innamorato di Gil Dias, mi piace anche Veretout, Pezzella già lo conoscevo e per me non è una sorpresa. Simeone ha evidenti carenze tecniche. Rilancio dei Della Valle? Investendo sì, con l’atteggiamento odierno il rapporto è destinato a compromettersi definitivamente. Se passa la voglia di vincere chi glielo fa fare di rimanere? Forse può tornare con lo stadio, qualora fosse una certezza e non una chimera

 

VNCONSIGLIA1 leggi anche

***Bucchioni: “Andrea Della Valle più disamorato di Diego. Salvo Pioli e squadra, il team mercato…”
***Le tre Fiorentine di Pioli: quando le gerarchie sono (fin troppo) chiare
***Instancabile Sundas, ora è pronto a rilevare il Benevento: “Sontuoso mercato a gennaio”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. emilio - 2 anni fa

    … PONTELLO HA SEMPRE RAGIONE… PERCHE’ CI CAPISCE DI CALCIO…ED E’ PURE SPIRITOSO… IN BOCCA AL LUPO !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchio briga - 2 anni fa

    I Portello sono ingiustamente ricordati solo per la cessione di Baggio e prima di altri campioni. Ma forse sono stata la migliore proprietà della Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jordan - 2 anni fa

      Hanno cominciato molto bene, erano anche altri tempi, ma con un po’ di culo, anzi senza una bella dose di sculo e non solo potevano vincere due scudetti. Han portato gente come Bertoni e Passarella, Pecci, Graziani, poi anche Gentile ed Oriali, tenuto Antognoni fino alla fine. Purtroppo dopo le liti con Allodi e gli episodi Rumenigge-Socrates, si son rotti i coglioni anche loro e si son fatti da parte. Arrivarono comunque ancora Baggio e Borgonovo ed Eriksson. La fine fu la vendita di Baggio, prodromo alla vendita della società che fu abbastanza ingloriosa e sciupò un periodo nel complesso molto buono e ben gestito anche se in netto calanco gli ultimi anni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy