Pogba ricorda: “A Firenze fui vittima di insulti razzisti da padre e figlio. La mia risposta…”

L’ex centrocampista della Juventus torna a parlare di un episodio di razzismo

di Redazione VN

Paul Pogba, centrocampista del Manchester United, ha ricordato un brutto episodio di razzismo subito in Italia, a Firenze, quando giocava con la Juventus:

Chi è bianco forse può capire, ma non può calarsi nei panni di noi ragazzi di colore. Io ho subito razzismo e – le parole dell’ex Juventus per il documentario UEFA ‘Outranged’ – è stata una cosa che mi ha sorpreso quand’ero all’estero. Stavo giocando con la maglia della Juventus sul campo della Fiorentina e c’era un bambino che urlava e mi insultava insieme a suo padre. Ero scioccato, pensavo: ma come può fare una cosa del genere insieme a suo figlio? Tolsi la maglia e la diedi a loro due, così mi avrebbero applaudito. Ho pensato che fosse la sola e la miglior risposta che potessi dare. Il bambino ne fu felice”.

 

Dalla Francia: “Ribery si impone su CR7”

 

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. BVLGARO - 4 settimane fa

    che pippone inizia anche lui

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gasgas - 4 settimane fa

    Bastava dirti gobbo di m…
    Odiosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Wolfgang - 4 settimane fa

      Il razzismo è odioso..non credi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Renato - 4 settimane fa

        4 pollici in giù = 4 razzisti in su

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Violante - 4 settimane fa

    4 pere e a casa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Renato - 4 settimane fa

      Cosa c’entra questo commento?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-2073653 - 4 settimane fa

    Bene, appuriamo che nello stadio di Firenze Pogba ha, a suo dire, trovato due cretini. Immagino invece che nei 40.000 dello Stadium nessuno inveisca mai contro i giocatori di colore altrui, non ci siano omofobi, gente che ce l’ha con i musulmani, gli ebrei e via dicendo…insomma, tutta brava gente! Ciao Paul, perdonami, ma ora vado a vedere le marmotte confezionare la cioccolata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Wolfgang - 4 settimane fa

      Non faccia il benaltrista fazioso: non era un giudizio nei confronti della tifoseria fiorentina. Che poi gli stadi (in particolar modo le curve) siano spesso cloache massime è un altro discorso. Rispetto ed educazione sono patrimonio delle persone civili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-2073653 - 4 settimane fa

      Amico mio, io faccio quel che mi pare, esattamente come lei fa il buonista chic. Quando si parla di “Juventus che gioca contro la Fiorentina”, il 90% delle persone associa l’immagine di razzisti alla tifoseria viola e non a due, uso le sue parole, incivili. Io quando parlo di Ndrangheta, non sottolineo che ci sono stati tifosi illustri bianconeri che sono stati accusati di ciò…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Wolfgang - 4 settimane fa

        Non mi chiami “amico mio”, per favore: non voglio avere niente a che fare con chi non stigmatizza certi fatti. Quando uno inizia ad usare termini come “buonista chic” (che nel merito c’entra come il suo amico Salvini con la buona politica)…significa che ha pochi argomenti. Pogba ha raccontato un episodio che gli è capitato a Firenze, non a Pescasseroli, con l’intento di spiegare (buonisticamente parlando) che l’antidoto alla volgarità, al razzismo e all’intolleranza è il dialogo, l’apertura, il confronto, l’educazione al rispetto dell’altro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. mannuccigabriele7_14377276 - 4 settimane fa

    Ma chetati montato di m… vedrai la prossima volta che vieni a Firenze a fare la mitraglia insieme al tuo amico Tevez che carezze riceverai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. vb - 4 settimane fa

    A me sembra invece che ti sia comportato da grande provocatore, quando hai palesemente preso per i fondelli tutto il pubblico fiorentino mimando la mitraglia di Bati sul goal del momentaneo 0-2. Probabilmente ti sarai inca..ato e tirato fuori la scusa del razzismo perchè, inaspettatamente, poi hai beccato 4 pere in quei 10 minuti più goduriosi della storia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. jackfi1 - 4 settimane fa

    Non so a quale partita di riferisci caro Paul ma se è quella del 4-2 faresti bene a riflettere su come il tuo allenatore e la tua ex società decise di impostarla, ossia deridendo un’intera tifoseria, replicando l’esultanza di Batistuta sotto la fiesole. Non giustifico l’episodio di razzismo che è da condannare perchè ad un torto non si risponde mai facendo un altro torto ma non credo che tu sia così “pulito” da poter scagliare la prima pietra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Xela - 4 settimane fa

    in quella partita hanno tentato in tutti i modi di fomentare i tifosi, volevano un ambiente pieno di tensione… e ci son riusciti ma a loro discapito. Non so se è vero l’episodio che sarebbe vergognoso ma del suo gesto a regalare la maglia io nn l’ho mai visto. Mi pare una storia del tutto inventata. Qualcuno mi corregga nel caso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. alexfi80 - 4 settimane fa

    Eh certo,venne a Firenze ad esultare sotto la tribuna facendo la mitraglia e pretendeva anche un applauso?Ti saluta il Pepito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexfi80 - 4 settimane fa

      Ah dimenticavo anche il giro di campo del monociglio e dell ex campionessa di tuffi ceca (che goduria vederlo frignare ieri sera!)prima della partita ,cosa che fanno tutti i presidenti negli stadi avversari per mantenere calma la tifoseria…ahhhh che goduria!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Renato - 3 settimane fa

      Via…un po’ di goliardia…mica ha insultato la mamma di qualcuno. L’ironia e l’autoironia sono sempre stati patrimonio della città di Firenze. Batistuta oltretutto mica si offese per quel gesto, anzi. Niente giustifica il razzismo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Slipperman1967 - 4 settimane fa

    Ci mancava il cazzaro antirazzista

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. VIKINGO - 4 settimane fa

    LE OFFESE SONO UNA COSA . BRUTTE , BECERE ,MA SONO SOLO OFFESE PERCHE SEI IL NEMICO SPORTIVO DI QUESTA CITTA
    IL RAZZISMO E’ ALTRA ROBA…
    E SE LE CONFONDI…… FAI COME I RAZZISTI…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Wolfgang - 4 settimane fa

      Se ad un ragazzo di colore dai del “negro di m…a” si tratta di un’offesa o di razzismo? Ricordo pure l’accoglienza che fu riservata a Julio Cesar quando Baggio tornò a Firenze la prima volta: me ne vergogno ancora.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Renato - 3 settimane fa

      Via…un po’ di goliardia…mica ha insultato la mamma di qualcuno. L’ironia e l’autoironia sono sempre stati patrimonio della città di Firenze. Batistuta oltretutto mica si offese per quel gesto, anzi. Niente giustifica il razzismo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. kug76 - 4 settimane fa

    E la marmotta che confezionava la cioccolata?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy