Nardella: “Commisso può fare i salti di gioia, una vittoria di Firenze per la Fiorentina”

Nardella: “Commisso può fare i salti di gioia, una vittoria di Firenze per la Fiorentina”

Il commento entusiasta del primo cittadino Nardella

di Redazione VN

Dario Nardella è intervenuto ai microfoni del “Pentasport” di Radio Bruno per commentare la svolta arrivata da Roma per la norma sblocca-stadi:

Sono felicissimo, non solo per la nostra città ma per tutta l’Italia. Sono orgoglioso che tutto questo sia nato da Firenze. Non esito a definirla una svolta per lo sport italiano, perché adesso possiamo rivalutare gli stadi partendo dalla loro utilità, senza per questo sminuirne il valore storico. L’anomalia nasce dalla difficoltà nel conciliare il valore sentimentale e con la necessità di ammodernare le strutture. Non c’è da prendersela con chi al Comune di Firenze, nel 1984, ha posto il vincolo per la tutela del valore architettonico. Il nodo fondamentale della nuova norma è lo stabilire dei tempi chiari, brevi e l’introduzione del silenzio-assenso che costituiscono una procedura più semplice e rapida con la quale ci dovevamo misurare fino ad oggi. Abbiamo dato un grandissimo messaggio di responsabilità, per la quale mi sento di ringraziare tutte le forze politiche che hanno lavorato insieme. Questa norma è una vittoria di Firenze e credo che anche Commisso possa ritenersi pienamente soddisfatto, penso faccia i salti di gioia ed è anche merito suo questo traguardo. Ci sono varie ipotesi praticabili, bisogna dare il tempo alla Fiorentina per indicare la propria preferenza, prima di tutto vogliamo andare incontro alle esigenze della squadra. A Ferragosto abbiamo rischiato con l’approvazione della variante urbanistica per Campo di Marte che prevede la realizzazione di volumi commerciali, ma abbiamo dimostrato che a volte occorre gettare il cuore oltre l’ostacolo.

Sbloccastadi: l’emendamento convince tutti, c’è anche la clausola “fast fast fast”

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Staffa - 3 settimane fa

    “Commisso può fare i salti di gioia, una vittoria di Firenze per la Fiorentina”..

    gran bella frasettina per levarsi dall’imbarazzo delle figure di cacca che sta facendo a firenze…così tra un pò, quando lo stadio non si farà da nessuna parte, potrà dire…io il mio l’avevo fatto, il franchi era pronto per il restyling ma commisso non ha voluto fare lo stadio…

    ma un mi stupisce mica lui…ma tutti quelli che continuano a votallo..

    per non ci spiega a che punto è lo spostamento del mercato????

    se non ricordo male disse…il mercato si sposta a prescindere dallo stadio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mario - 3 settimane fa

    Commisso l’ha detto cento volte che vuole fare uno stadio nuovo senza compromessi (l’ho sentito anche ieri l’altro in TV), e questo significa che o gli fanno demolire il Franchi e rifarlo da zero o fa lo stadio a Campi (che sarebbe comunque meglio perché uno stadio assediato dalla città è un’assurdità). Nardella non si rende conto di quanto costerebbe spostare la torre di Maratona e la tribuna coperta. E dove poi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fornamas63 - 3 settimane fa

    Spero di sbagliarmi, ma dietro tanta euforia vedo solo la voglia di palesare un bieco ottimismo nella speranza che Commisso accetti un iter dove comunque si passa dalla sovrintendenza, e poi mi immagino i soliti ricorsi al TAR e alla commissione intergalattica…
    Comunque mi sembra di capire che Commisso non sia interessato a restyling di monumenti vecchi di cento anni.
    Degno di nota il fatto che tutti i politici di ogni schieramento si siano espressi a favore del Franchi e questo la dice lunga sul perchè Firenze sia ormai una realtà così amorfa nel panorama nazionale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. alesquart_3563070 - 3 settimane fa

    C’è poco da pensare…io suppongo che Commisso, sulla base dei permessi che potrà ottenere, valuterà l’opportunità di rifare il Franchi (se gli faranno fare anche le strutture annesse, tipo centro commerciale, albergo ecc.), sennò ciccia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. glover_3713546 - 3 settimane fa

    Il silenzio di Commisso è assordante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bottegaio - 3 settimane fa

    Nardella si lascia sempre prendere dall’entusiasmo, salvo poi sbattere la musata con leggi spiccatamente incostituzionali tipo italicum del suo ex sodale.
    Vedremo cosa ne pensano al 41 di Piazza del Quirinale, ossia la Corte Costituzionale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Aliseo - 3 settimane fa

    Ma non hanno capito che a Commisso non interessa il restyling del Franchi ma uno stadio di proprietà con annesso centri commerciali ed altro per poter far business per investire sulla squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo - 3 settimane fa

      Concordo pienamente con il tuo commento: anch’io è tanto tempo che su questo sito faccio i miei commenti nello stesso modo.

      Questi politici (tutti quanti) insistono sempre sul restyling del Franchi, ma questo non potrà mai portare benefici economici alla Fiorentina e poi se lo stesso Franchi rimarrà (ovviamente) di proprietà del comune di Firenze, tutti questi lavori di restyling chi li dovrebbe pagare?

      Dubito fortemente che Rocco si lasci ingannare da tutti questi politicanti che non hanno sicuramente a cuore il bene della Fiorentina e tengono soltanto alla loro immagine per fare bella figura.

      Poi, sbaglio o ieri sera nell’intervista in diretta su TOSCANA TV Commisso ha detto che a lui gli interventi di restyling non interessano? E allora perché questi politici insistono su questo tema fino alla noia? Ma che la smettano una volta per tutte e lascino fare a Rocco quello che lui ritiene sia meglio per la Fiorentina e per i suoi tifosi!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. vecchio briga - 3 settimane fa

      Questo è un altro aspetto che Commisso valuterà, comunque il rifacimento del Franchi è la sua prima idea, lo ha sempre detto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Paolo - 3 settimane fa

        Sì, può darsi che Commisso abbia detto all’inizio di volere un rifacimento del Franchi, forse pensando ad una vecchia legge che gli avrebbe potuto assegnare la proprietà dello stadio per 99 anni, pensando però ad una ristrutturazione molto pesante, ma poi con tutte i divieti della politica e della Soprintendenza, credo proprio che lui abbia cambiato idea ed ora mi sembra proprio che sia dell’avviso di costruire uno stadio nuovo.

        Una cosa è certa: se Commisso avesse accettato di costruire il nuovo stadio alla Mercafir come gli aveva proposto Nardella, allo stesso Nardella non mi sembra proprio che sarebbe interessato anche un progetto per riqualificare il Franchi, per cui adesso c’è da chiedersi il perché il Franchi sia diventato una priorità per tutti i politici fiorentini e toscani.

        Se a Nardella dispiace così tanto che Commisso possa costruire un nuovo stadio a Campi Bisenzio, allora perché non si è mai attivato per cercare un’altra area adatta nel comune di Firenze?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. peponio - 3 settimane fa

    siamo al grottesco.tutti vogliono uno stadio nuovo a incominciare dall’idea, invece per ragioni politiche si insiste sul Franchi.
    VERGOGNATEVI PERCHE’ NON VOLETE IL BENE DI FIRENZE E DELLA FIORENTINA

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy