Pradè a 360°: “Errori? Io il primo responsabile, vi spiego. Cesare la nostra forza, adesso serve unità”

Il Direttore Sportivo della Fiorentina interviene in un momento molto delicato della sua gestione sportiva

di Redazione VN

Daniele Pradè partecipa questa sera in studio alla trasmissione “Il salotto dello sport”, in onda su RTV38. Violanews vi propone in diretta tutti i temi affrontati dal Direttore sportivo della società gigliata, in un momento delicato per i risultati del campo e la positività odierna di Mister Prandelli:

Differenze col primo Pradè 

Una sola differenza: manca l’alchimia che sia era creata con i tifosi. Stiamo pagando questa situazione, siamo una di quelle città che ne soffrono maggiormente. Insieme ovviamente alla parte tecnica, che non è marginale. Citando il mio amico Walter Sabatini: “sembra un campionato di subbuteo, più che una stagione calcistica”.

Assunzione di responsabilità

Oggi rappresento la società, da Rocco Commisso in giù. Il nostro stato d’animo è di delusione, siamo dispiaciuti nei confronti della gente. non meritano questo momento né i tifosi né il presidente. Questa società ha speso, Commisso ha già superato la soglia dei 300 mln di investimento, Un errore di Commisso può essere aver sbagliato le persone a cui affidare la parte tecncia. mi sento il primo responsabile, non ho avuto imposizioni né paletti di nessun tipo. Il primo responsabile di questa situazione sono io e poi solo dopo la squadra. Non possiamo perdere con la Samp, pareggiare con lo Spezia e perdere col Benevento. Questi sono tre errori che abbiamo già disseminato sul nostro percorso.

Ho letto tante cose sul mio futuro, in questi giorni. Con o senza Pradè la Fiorentina deve uscire da questa situazione difficile, se lo meritano i tifosi e la città. Non sono solo io a metterci la faccia, ma l’intera società che rappresento.

Polveri bagnate in attacco

Coi se e coi ma si va poco lontano. Anche a me sarebbe piaciuto avere un Dzeko. Sull’attacco avevamo fatto una riflessione molto approfondita all’interno della società. Avere tre attaccanti giovani che si erano fatti le ossa in rosa ci ha convinti di dare loro fiducia. Col senno di poi il campo non ci sta dando ragione: abbiamo soli due goal del reparto avanzato, numeri impietosi.

Cutrone? Il riscatto a 16 milioni, al raggiungimento delle 26 presenze, esiste. Detto questo non abbiamo mai imposto diktat sul suo utilizzo, con nessun allenatore.

Kouame? Aveva recuperato, a Beppe Iachini era piaciuto quello che aveva messo in mostra. In estate abbiamo rifiutato un’offerta da parte di un club inglese, perché abbiamo scelto di puntare fortemente su di lui.

Vlahovic? Un’offerta da un club tedesco ed un’altra molto importante dalla Roma. Sì, si può dire, ma stasera non parlo di cifre.

Ribery? Franck è un passionale, ma non è stato bene in questi mesi. Col problema alla caviglia ha avuto ripercussioni sui flessori e non è mai stato al 100%.

Pedro? Fino al 30 dicembre il Flamengo può esercitare il riscatto. Lo stiamo seguendo in questi mesi, una persona fiorentina lavora a Rio e settimanalmente ci aggiorna sul suo rendimento. I goal valgono in tutti i campionati, anche in terza categoria. Se un calciatore sa segnare, lo fa in ogni categoria.

Sottil? Con Riccardo abbiamo trovato l’allenatore giusto per fargli fare la crescita per quest’anno. Un anno a Cagliari, con la possibilità da parte nostra di esercitare il contro-riscatto. Perdipiù con un rinnovo di contratto col giocatore di cinque anni.

La notizia falsa del focolaio è destabilizzante. In tanti da Genova si sono interessati alla situazione, è deleterio. In questo momento la categoria dei giornalisti ha una grossa responsabilità, più dell’ordinario. Perché le notizie arrivano soltanto attraverso il canale informativo, non va sottovalutato questo ruolo. Leggere dei due giorni liberi, contrapposti ad un possibile ritiro fa male, perché manda dei messaggi sbagliati ai tifosi.

La conferma di Iachini

E’ stata una scelta condivisa quella su Beppe, per stima dell’uomo e del professionista. Una scelta fatta per meritocrazia, lo stimo e riconosco il suo grandissimo lavoro. L’esonero nasce dalla volontà di dare una scolta, una rinfrescata all’ambiente.

Centrocampo e regista

La scelta di non intervenire su un regista nasce dalla ferma convinzione di avere uno dei reparti migliori del campionato. Non lo cambierei con quasi nessun altro della Serie A. Che a me piaccia Torreira non è un mistero, l’ho portato io alla Smpdroria a suo tempo.

La scelta di Prandelli

Non si tratta né di una rivincita né una rivalsa, ma è motivatissimo. Cesare lo stimiamo, lo abbiamo scelto insieme a Barone e ne siamo estremamente convinti. Il mio lavoro è quello di sondare tutte le situazioni, lo ha detto il presidente e lo ribadisco stasera. Mancano uomini di calcio? Non credo: lo siamo io, Antognoni, Dainelli, il vice Pin etc. Su Barone, il nostro Direttore Generale, voglio spendere una parola: deve coordinarci come azienda. La nostra forza deve essere Cesare, che conosce meglio di tutti questa città e l’ambiente. L’azienda è snella, ma allo stesso tempo forte. Paghiamo regolarmente gli stipendi, ai calciatori e allo staff. Compresi gli agenti e i procuratori: “ce ne fosse uno che può lamentarsi”.

Commisso può pensare di lasciare? Non so, ma sto male per lui che soffre. Il mio primo pensiero dopo ogni partita, specie le sconfitte, è per lui. Spero che le forti critiche e le delusioni non lo convincano ad allentare la presa. Su questo mi rassicura Joe che lo conosce più di tutti e mi dice che l’uomo Rocco lotterà sempre con rinnovato entusiasmo.

Partenza last-minute di Chiesa? Avevamo già preso Callejon, era bloccato per richiesta esplicita di Iachini che lo aveva chiesto per avere maggiori soluzioni tattiche e variare modulo.

Scouting? Non eravamo nel momento di dover scovare giocatori, l’anno scorso abbiamo sofferto molto di questo. Lo dimostra l’operazione Pedro, cercavamo giocatori pronti per alzare il tasso di esperienza e conoscenza del campionato. Callejon, Ribery, Pezzella, Caceres vanno in questa direzione. La personalità nello spogliatoio c’è e da vendere.

Amrabat? E’ un calciatore forte, una volta conosciuto Firenze può diventarlo ancora di più. Non mi preoccupa certo Amrabat, ad oggi. Del Verona mi piace Lovato, un giovane difensore del 2000. I giocatori allenati da Juric però vanno visti e valutati un anno dopo, per esperienza (ride ndr).

Abbiamo rifiutato offerte per Milenkovic, Dragowski, Pezzella. Abbiamo rivoluto fortemente Biraghi. Non cerchiamo giustificazioni, ma dopo il Genoa siamo i più colpiti dal Covid in numeri assoluti. Per svariati motivi non siamo ancora riusciti ad avere l’amalgama. Detto questo basta alibi, ribadisco: il primo responsabile sono io, poi vengono i giocatori che sono coloro che scendono in campo.

Mancati stimoli? All’interno di ogni contratto siglato abbiamo inserito i premi al raggiungimento della qualificazione in Europa League, Champions League e vittoria della Coppa Italia. Rocco sa mettere pressione, non è certo poco ambizioso come qualcuno vorrebbe far credere.

Sassuolo e Atalanta? Due progetti da ammirare, società serie a cui faccio i complimenti.

Montiel? L’anno scorso lo abbiamo girato in Portogallo dove c’era Julio Velasquez, tecnico che ho avuto all’Udinese. Dobbiamo trovargli il giusto percorso di crescita perché ha qualità, deve cresce fisicamente e lo sa anche lui.

GERMOGLI PH: 6 OTTOBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI CONFERENZA STAMPA DEL DIRETTORE SPORTIVO DELLA FIORENTINA CALCIO DANIELE PRADE’
44 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SOLOROGER - 2 mesi fa

    Caro Prade’ non mi hanno per nulla convinto le tue parole!
    1) questa storia che Commisso ha già investito 300 ml ricorda vagamente la storia dei DV…. sicuramente ha investito per acquistare la società e per il centro sportivo ma non ha investito nella parte tecnica e squadra. Mi piacerebbe vedere il rapporto tra acquisti e vendite dallo scorso anno ad oggi! Mi sembra in ampio attivo anche in ottica della cessione di Pedro e il non riscatto di Cutrone.
    2) in una situazione come quella della Fiorentina non si rischia sul Centravanti! Serve un big. Vhlaovic si manda in prestito a Benevento a lottarsi il posto con Moncini e Lapadula e dimostrare che è il nuovo Ibra ( come dice Brovarone). Serve un Dzeko un Belotti una certezza.
    3) una società forte non vende ogni anno i migliori giocatori!!!! Da quando sei arrivato hai lasciato libero Muriel, venduto Veretout e Chiesa ( visto quelli che abbiamo rimpiango anche Simeone)
    4) questa storia di puntare su Vecchi a caccia dell’ultimo contratto dimostra poco coraggio e competenza. Nel calcio moderno serve gamba e giocatori rapidi che saltano l’uomo . Serve freschezza.
    5) Sapevi benissimo che La Rosa della Fiorentina non ha gol e non hai voluto/ potuto inserire giocatori importanti in stile Boga che saltano l’uomo e spaccano la partita
    6) lo scorso anno potevi scegliere tra Lirola e Lazzari e optasti per quel bidone di Lirola.
    7) con i parametri Zero si innalza il monte ingaggi ma non si crea una base solida, uno zoccolo duro e spesso i giocatori a fine carriera non hanno nessun tipo di attaccamento alla maglia al progetto!
    8) il giorno della chiusura del mercato hai fatto almeno 2 dichiarazioni inaccettabili:
    La prima hai dichiarato che con una giusta offerta avresti ceduto anche Pezzella e Milenkovic e queste cose non si possono dire!
    La seconda è che dopo gli errori del primo anno di transizione ti sei riproposto con un secondo anno di transizione non dando obiettivi chiari a nessuno.
    9) quando dichiari che hai rifiutato offerte per Kouame, Vhlaovic ecc e’ un’ulteriore dimostrazione di poco coraggio e di subire l’influenza della stampa Fiorentina.
    10) il fatto poi che hai rivoluto con tutte le tue forze Biraghi è di per se un motivo per chiederti di andare a lavorare altrove.
    11) aver condiviso ( se è vero quello che c’è scritto) la conferma di Iachini è un altro aspetto a tuo sfavore! Dovevi esprimere il disaccordò
    e dissociarti dalla scelta del padrone.

    C’è ne sarebbero molto altre ma mi sembrano già abbastanza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. violadasessantanni - 2 mesi fa

    Una società è efficiente quando ogni suo membro fa, con competenza, il suo compito sempre in sintonia con tutti gli altri. Il Verona vinse uno scudetto perché la squadra era un monolite dove i calciatori facevano corpo unico con la dirigenza e la proprietà. A Firenze ci sono solo delle figurine al posto di dirigenti capaci di fare il “mestiere”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bati - 2 mesi fa

    Purtroppo per Pradè l’evidenza dei fatti è impietosa. Probabilmente anche un ruolo in totale solitudine più grande di lui. La società di fatto è stata lui in questo anno e mezzo. Troppi errori anche banali e superficiali. Montella che ha bisogno di una rosa forte e completa per dare il meglio e che si ritrova con una rosa mediocre e soprattutto incompleta. Iachini che doveva restare il minimo indispensabile. Pradè anche sfortunato credo, perchè Juric poteva essere proprio l’allenatore giusto per far partire un ciclo e valorizzare (come sta facendo da anni) rosa e giocatori. Non si possono spendere tutti quei soldi in giocatori che stanno sempre in panchina o che non rendono. Soprattutto, non si possono fare tre scommesse per l’attacco e non avere un attaccante degno di questo ruolo, essendo acclarato (per un professionista dovrebbe essere vangelo) quanto sia importante avere almeno una certezza nel parco attaccanti. Un diesse vispo ed esperto l’anno scorso, dovendo ricostruire e partire da zero cerca prima di tutto solo una cosa, a costo di girare il mondo intero: un altro Riganò. ( non ho detto Batistuta).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Raf - 2 mesi fa

    Quindi Pradè hai ammesso di aver sbagliato tutto,e quindi?Come ne usciamo adesso?Non vedo come possa essere raddrizzata questa situazione:se faremo 4 punti nelle prossime 5 partite sarà grasso che cola,ma forse sono troppo ottimista perché conto i 3 pt col Genoa,conscio che servirà cmq un impresa e avere anche fortuna.Forse solo il Crotone è messo peggio di noi.Senza un sontuoso mercato di riparazione retrocederemo al 100%.Ma Commisso avrà voglia di investire visto la depressione che lo sta attanagliando anche per la vicenda stadio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ERIC HOBSBAWM - 2 mesi fa

    Capisco che culturalmente il senso di responsabilità è qualcosa che ci colpisce perché ne siamo mediamente sprovvisti, ma qui mi sembra che ci sia un uso un tantino strumentale del “è mia la colpa” Senza contare il fatto che è pagato per prendersela. Fra un mese saremo al 4° mercato… Lo farà per forza lui, poi sipario. Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ForzaViolaSempre - 2 mesi fa

    ma noi volgiamo sapere se a gennaio si fa qualcosa per il centravanti o se si continua non segnare con bimbomichia dusan

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filo - 2 mesi fa

      La risposta mi sembra tra le righe
      “Abbiamo 3 attaccanti che hanno fatto 2 gol, risultato impietoso “
      Penso che a gennaio sia la prima cosa che faranno.
      Tempo è stato dato ora devono intervenire.
      Da Flachi a Ciccio Graziani si sente dire e denunciare la mancanza di un attaccante che sappia fare gol.
      Penso che verrà preso con i soldi della cessione di Pedro e con quelli risparmiati dal riscatto di Cutrone.
      Spero però che non si prenda Piontek,
      giocatore con troppi dubbi e pochi gol all’attivo.
      Forza viola

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. simuan - 2 mesi fa

    …parole, parole, parole…io pero’ l’unica parola che volevo sentire date era ‘dimissioni”…niente, solo le solite supercazzole…sei stato semplicemente disastroso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. I' Mastica - 2 mesi fa

    Contenti su Montiel? Ci vediamo su 30kg.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Wonder Channel www.wonderchannel.it - 2 mesi fa

    Bella intervista, ha detto un sacco di verità e si è preso tutte le responsabilità. Anch’io voglio bene a Rocco e spero che resterà a lungo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. pino.guastell_9534945 - 2 mesi fa

    Questo signo Prade’e’ un grande commediante. Si presenta come il primo responsabile del fallimento tecnico della Fiorentina ma non ha il coraggio di annunciare le dimissioni. A questo punto la società dovrebbe esonerarlo per avere sbagliato due campagne acquisti e smembrato la squadra dei suoi migliori atleti. E qui ci sono dei tifosi che arrivano a elogiarlo perché ci mette la faccia. Prade’è da cacciare perché ha speso un patrimonio per portare a Firenze dei vecchi quali Ribéry e Caceres, degli scarponi come Pulgar, Lirola e Kouame’, per aver ripreso Biraghi che è litigato con il pallone, per aver dato in prestito Sottil, per aver ingaggiato Callejon che è fuori forma e ci vorranno almeno venti partite per fargliela trovare. Spero soltanto che Commisso si renda conto che con Prade’ di giocatori buoni non ne arriveranno e gli dia il benservito entro dicembre per evitare che faccia altri danni nella finestra di gennaio del calciomercato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Glover - 2 mesi fa

    Ma dimissioni di che? A parte il fatto che Commisso non le accetterebbe… ma poi uno cerca di andare via in modo positivo, rimediando a questa situazione, e non da negativo.
    Allora Corvino doveva dare le dimissioni ogni 6 mesi, negli ultimi 3 anni che è stato a Firenze, per i fallimenti continui, nonostante che pretendesse pure di rimanere con la nuova società viola, visto che si era fatto allungare il contratto da Gnigni, una settimana prima dello spareggio per rimanere in Serie A, con il Genoa… robe da matti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 2 mesi fa

      Se deve rimediare come ha fatto nelle ultime 3 sessioni di mercato direi che siamo apposto così. Può bastare quello che ha fatto ahah. E poi Glover anche basta con questo Corvino. Fa parte del passato per fortuna, commentiamo le operazioni di Pradè che purtroppo per noi al momento sono molto discutibili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. simuan - 2 mesi fa

      …ma si, perche’ mai dovrebbe dimettersi visto il gran lavoro fatto…ma io mi domando e dico come e” possibile essere cosi’ contrari alla realta’ e all’evidenza dei fatti?…ma bisogna davvero aspettare la retrocessione per certificare il disastro fatto da questo ??…e poi cosa c’entra Corvino?? Stiamo parlando di Prade non di Corvino, falla finita con codesti confronti inutili e infantili. Corvino e’ il passato, e’ andato. Prade’ e’ il presente PURTROPPO!SVEGLIA!!!…vaiavaia…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. nacchero - 2 mesi fa

      No faccelo stare dell’altro a fare danni. . . abbiamo un monte ingaggi impazzito e una serie di mezze pippe assurde, ma quale rimediare. . . l’unico cosa da rimediare è lui come DS.
      Ven via se fa un’altra sessione di mercato spende altri 50 mln per il duncan di turno. . ha sbagliato totalmente medaglina e via ed avanti un nuovo DS che rimedi alle porcate fatte da lui. . . A me uno che dice avevamo fermato callejon perchè lo voleva beppe e poi arriva l’ultimo giorno di mercato fa capire come lavora questo personaggio, invece di darlo alla svelta al mister per farlo lavorare il prima possibile con la rosa aspetta l’ultimo giorno ma ven via

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gasgas - 2 mesi fa

    Uno che dice che abbiamo un centrocampo tra i migliori della serie A è in confusione totale. Non è stato capace di prendere un attaccante ed oggi scarica palesemente chi c’è. Vai, completa l’opera, dopo i disastri tecnici, devasta anche lo spogliatoio…
    Questo fenomeno ci porta in b… ma ci mette la faccia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Kewell - 2 mesi fa

    Si vabbe, si autocritica ma è sempre li a prende lo stipendio… quando parla dello scout rabbrividisco, “non è il momento, vedi Pedro l’anno scorso”…. è sempre il momento dello scout fatto bene, di quello fatto male e poco che fai te non è il momento mai.
    Per favore Padre, levati da 3 passi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Colosseo viola - 2 mesi fa

    Caro Pradè visto che anche tu sei consapevole di essere il primo colpevole, e considerato che lo eri anche lo scorso anno, ora cortesemente una bella lettera di dimissioni ed amici come prima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. alessandro - 2 mesi fa

    Queste autocritiche hanno un senso solo se sono seguite dalle dimissioni. Comprare i giocatori e dopo qualche mese si scaricarli pubblicamente dicendo che si è sbagliato a comprarli significa fare grandi stupidaggini e aggravare ulteriormente il danno per rifarsi una verginità personale davanti all’opinione pubblica, per fare in modo che dicano: “Però, almeno è onesto”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Bamba - 2 mesi fa

    Tutto fantastico ma allora perché non si dimette? Se Rocco fosse furbo la metà di quanto era Vittorio, convocherebbe domattina Pradè su zoom e, puppando un possente sigaro cubano, lo silurerebbe seduta stante. Ricordate cosa disse il nostro dt dopo la presentazione di Nuno Gomes al franchi innanzi a 50.000 spettatori? “Se non vinciamo lo scudetto con lui e Rossi, allora mi ritiro dal calcio”. Io sto ancora aspettando.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Barsinee - 2 mesi fa

    Bravo Pradé adesso vedi di vincere quattro o cinque partite di questo campionato di Subbuteo e poi vedi che tutte le agitazioni di Firenze si calmano. Delle colpe ce ne facciamo poco, si vorrebbero delle soluzioni più che colpevoli! Con le colpe i punti non si fanno. Vedi di fare una squadra decente e fatti sentire con quelli che oggi hai un squadra. Genoa e Torino sono come noi, squadre mal costruite con pensieri in grande, da anni nelle parti basse della classifica. Sei pagato per trovare soluzioni non per piangerti addosso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Bottegaio - 2 mesi fa

    Come temevo. La situazione è gravissima.
    L’ho detto in un altro post, lo riscrivo qui: Mai, da massimo dirigente avrei fatto questa serata.
    Il perché lo potete leggere nel post.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Glover - 2 mesi fa

    Almeno lui ci mette sempre la faccia, si prende le colpe (anche non sue) e non trova le scuse dando le colpe agli altri…come faceva un altro arrogante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Eziogòl - 2 mesi fa

    W i presepi napoletani, w i paesini del Sudd Italia, w le tradizzioni, w le cose arcaiche abbasso la modernità ed il conformismo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Dellone68 - 2 mesi fa

    Almeno non si può dire che non ci metta la faccia. Alcune scelte sono state evidentemente sbagliate, mi pare che siano consapevoli. Troveranno la soluzione, questa squadra non può retrocedere perchè sarebbe incredibile. Questi giocatori non valgono la posizione che abbiamo. Io ho fiducia in Prandelli, ho fiducia in Pradè (ancora e nonostante tutto quello che viene detto), ho fiducia in Rocco. Non ho fiducia nella stampa sportiva fiorentina che crea malumori continui e non si sa a che cosa siano finalizzati. Abbiamo avuto la fortuna di trovare una proprietà con elevato potenziale, che ha già fatto investimenti enormi, nonostante tutto questo stiamo a piangere tutti i giorni perchè quello non fa, l’altro non va, questo qui e questo qua. Tutti discorsi risibili. Facciamo in modo che vada via Commisso, e vediamo chi viene a raccattarci. Qua si chiacchiera tanto, è lo sport preferito, ma intanto nessuno, nessuno e ancora nessun fiorentino si sognerebbe mai di prendere la Fiorentina. Queste non sono opinioni, sono fatti, mi auguro che qualcuno ogni tanto se lo ricordi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsinee - 2 mesi fa

      Ma come? Ma non c’era la fila per legarsi al brand Firenze? Siamo a piangere tutte le domeniche dove se ne busca come se fossimo il Livorno. Vediamo di vincere 5 o 6 partite poi vedi come tutti tornano ad essere felici. Dire che oggi la colpa del quart’ultimo posto in classifica è della stampa è veramente paradossale!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dellone68 - 2 mesi fa

        Non c’è nulla di paradossale e tu, caro Barsinee, lo sai benissimo. La stampa fiorentina è colpevole di agitare inutilmente le acque. Tu sei evidentemente in linea con questo modus operandi, certamente non da ora, ci vai a nozze. Stammi bene.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Barsinee - 2 mesi fa

          Ci vado a nozze? Veramente mi avete offeso per anni perché dicevo che si doveva tifare a favore. La stampa Fiorentina sta solo iniziando a raccontare la follia di società che abbiamo dopo aver osannata Rocco per averci liberato dal male. Sconcerti a luglio dell’anno scorso disse che Firenze era stata “puttana” con Rocco perché aveva dato una fiducia senza condizioni. Magnifico Messere per cosa mi scusi? Sono due anni che abbiamo una nuova proprietà e continuiamo a lottare per non retrocedere e tu dici che è colpa della stampa? Mah …

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Dellone68 - 2 mesi fa

            Barsinee, forse non mi leggerai, ormai sono passate diverse ore da questi post e si legge altro, io però ci provo. Ti dico che cosa vorrei, così forse i miei post ti saranno più chiari. Intanto sono stufo di tutto questo can can. Le critiche giornaliere a tutto ed a tutti mi hanno stufato, non le reggo più. I giornalisti sono colpevoli su questo perchè tutti i giorni creano il casino tanto per farlo, tanto per far scrivere post e leggerli. Fa parte del gioco, non ci dovremmo stupire per questo, infatti io non mi stupisco, dico solo che adesso mi sono venuti a noia. Mi chiedo spesso come si possa fare a vincere in un ambiente come il nostro che esprime una città molto piccola, economicamente irrilevante da decenni nel contesto nazionale, figuriamoci in quello internazionale, con gli imprenditori locali lontani anni luce da questo gioco, intendo dire come interesse a rilevare il “brand” Fiorentina e Firenze, come lo chiamano in tanti, ma che evidentemente per chi gestisce aziende non deve essere particolarmente attraente, almeno a queste latitudini. Come si fa a vincere? E’ un grosso problema, forse un’utopia, ma abbiamo visto qualcosa in questi anni. Quando un ambiente come questo, che comunque vanta una tifoseria attaccata e passionale, trova nell’ordine:
            – una buona squadra;
            – un allenatore in gamba;
            – un gruppo di tecnici di buon livello;
            – una proprietà forte;
            – i tifosi;
            – i giornalisti che remano dalla stessa parte;
            allora si creano i presupposti per stagioni ottime e che possono portare a qualche vittoria (non parlo di scudetti ma di quello che abbiamo visto negli ultimi cinquant’anni, ovvero qualche coppa nazionale e qualche semifinale o finale nelle coppe europee).
            Io vorrei questo. Tutto il resto non mi appassiona più, è noioso ed altamente controproducente. Saluti.

            Mi piace Non mi piace
  22. BVLGARO - 2 mesi fa

    Pradè professionale ci mette sempre la faccia, ma a mio avviso ha fatto il suo tempo a Firenze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Nicco - 2 mesi fa

    Penso sia l’unico dirigente in Italia che ci mette la faccia e fa autocritica, gli altri sono buoni solo a trovare alibi e difendere il loro operato ( corvino docet)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Eziogòl - 2 mesi fa

    Eran bòne le minestre! Quali? Di quèlle..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. renesviola - 2 mesi fa

    Su Pedro Pradè ci aveva visto giusto ! Va ripreso subito !

    Pedro deve tornare a Firenze!

    I seguenti firmatari sono tifosi viola che:

    – ritengono Pedro un bomber ed un grande giocatore che sta dimostrando tutto il suo valore segnando reti a raffica nel campionato brasiliano

    – sono consapevoli che Pedro è arrivato a Firenze dopo un grave infortunio e non ha avuto tempo per recuperare e che la Fiorentina aveva bisogno di un centroavanti pronto per questo è stato ceduto con diritto di riscatto al Flamengo

    – chiedono con determinazione alla dirigenza viola di non fare alcuna concessione di dilazione del pagamento del riscatto al Flamengo e comunque di adoperarsi per favorirne il ritorno in viola

    – chiedono che a Pedro sia data la possibilità di dimostrare tutto il suo valore cosa che fino ad ora non è stata possibile ( solo piccoli scampoli di ingressi in 4 partite)

    – chiediamo il ritorno di Pedro a Firenze nella nostra Fiorentina

    https://www.change.org/pedroviola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Etrusco - 2 mesi fa

    Pradè quando parla è un grandissimo perché sa usare bene l’umiltà ma ci deve dimostrare qualcosa di più, il momento giusto per scomporre e ricomporre la squadra è nel mercato invernale, vediamo cosa farà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. theo.9_713 - 2 mesi fa

    Resto convinto che la nostra sia una squadra assolutamente buona, io sono uno dei pochi che sta con prade, secondo me ha fatto un buon lavoro, la squadra è stata fatta e di buon valore purtoppo quest anno è nato tutto male per la conferma di iachini, che prade non ammetterà mai che non avrebbe confermato ma così di fatto è. Commisso ha sbagliato la scelta dell allenatore e ne pagherà le conseguenze prade probabilmente nonostante ripeto una buona squadra secondo me. Apprezzerò sempre uno che ci mette la faccia come lui ed è palese è lampante quanto tenga alla fiorentina, dispiace per le offese che si sta prendendo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. jackfi1 - 2 mesi fa

    Non so quanto possa essere producente ammettere di aver sbagliato valutazione sugli attaccanti a metà del girone d’andata. Mi pare come spararsi sui piedi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hatuey - 2 mesi fa

      L’hanno ormai già detto tutti, incluso Prandelli, che questi attaccanti non sono all’altezza. Del resto se loro pensano di essere pronti avendo fatto 1 gol a testa in 8 partite allora sono scemi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 2 mesi fa

        Io credo che quando sei in una società tu debba saper usare le parole. Tante parole hanno un peso diverso a seconda di chi le pronuncia. Prandelli non ha mai detto che non sono all’altezza. Prandelli ha dimostrato una sensibilità maggiore ammettendo, nei confronti di Vlahovic che la giovane età porta ad errori. Se Pradè in conferenza dichiara che forse ha sbagliato le valutazioni stai dando in diretta stampa il colpo di grazia ai tuoi attaccanti. Non dico non lo si possa pensare, lo pensiamo tutti ma specialmente lui non può far trapelare certe dichiarazioni ora. Sai con quale bello spirito scende in campo lunedì vlahovic

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. jameslabriexxx - 2 mesi fa

      Già…molto azzardato…ci deve essere un casino là dentro….mah.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Glover - 2 mesi fa

      Cosa è controproducente? I numeri parlano chiaro… I primi a saperlo sono gli attaccanti stessi… E Cutrone ha già le valigie per Bologna

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 2 mesi fa

        Certe valutazioni ragazzi devono rimanere nello spogliatoio e nella società e al massimo a fine campionato fai il punto. Adesso hai dato i tuoi attaccanti in pasto alla stampa che su questo punto ci punterà parecchio. Vedrai tra un paio di partite gli effetti che hanno fatto queste dichiarazioni. Come pensi si senta un attaccante a sentirsi dire che probabilmente si sono sbagliate le considerazioni su di lui? Gli hai dato il colpo di grazia. Il problema è che dovresti motivarlo e non buttarlo giù. Da qui a gennaio sta tranquillo che se prima aveva una minima voglia di sbattersi ora non ne ha più. Poi che Vlahovic ad oggi non sia da fiorentina lo sappiamo tutti. Lo so io e lo sai te. Ma noi due non si conta nulla e la nostra parola vale zero, se lo dice chi comanda il peso aumenta. La caratteristica di metterci la faccia è apprezzabile ma va messa con una tempestica e questa uscita è totalmente fuori tempo, come lo era quella su Pezzella ad inizio anno e i risultati di quella già si vedono. Ma te hai mai visto i responsabili di un’azienda che vanno dai giornalisti e gli dicono “eh abbiamo sbagliato a fare quel prodotto”? No perchè sennò il giorno dopo trovano la loro roba sulla porta. Certo cose devono rimanere dentro le 4 mura. La grandezza di Mourinho era quella di fare da canalizzatore e parafulmine di tutte le tensioni che colpivano la squadra in modo che fosse tranquilla. Pradè oggi era partito bene prendendosi le colpe poi ha scaricato tutto sugli attaccanti. Come mai il Milan con Ibra ha cambiato passo?perchè se c’è una polemica va lui ha rispondere e al massimo a prendersi le responsabilità sulle spalle

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Glover - 2 mesi fa

          Peggio di non segnare cosa potranno mai fare questi poveracci? Le autoreti? Ma per favore

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. jackfi1 - 2 mesi fa

            Vabbè dai.Se sei convinto te. Sai, da qui a gennaio è lunga. Magari motivarli per vedere se fanno almeno 2,3 gol poteva essere un’ideona eh. Poi una volta ceduti ci spari a zero sopra. Poi ti ripeto hai mai visto Mourinho sparare a zero sui suoi giocatori? Non mi pare proprio, eppure in squadra aveva Balotelli quindi di aneddoti ne avrebbe avuti parecchi. Su youtube gira un’intervista di Mourinho dove racconta una partita di champions dove tra primo tempo e il secondo tempo chiede a Balotelli di non farsi espellere e lui appena rientrato si prende il rosso. Guarda caso però questo fatto è uscito due anni dopo che Mourinho aveva lasciato l’Inter e quell’anno si è portato a casa la Champions.
            Te in confronto sei il mago della dialettica. Fosse stato per te oggi si poteva presentare in conferenza e dire “oh ragazzi, ma vlahovic fa ca**re”

            Mi piace Non mi piace
  29. Bamba - 2 mesi fa

    Questo solo a RTV38 può parlare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy