Lirola: “Nasco esterno alto, ma via via sono arretrato. Ecco gli aspetti fondamentali del terzino”

Le parole dell’esterno gigliato

di Redazione VN
Lirola

L’esterno destro della Fiorentina, Pol Lirola, ha rilasciato un’intervista al canale ufficiale dei viola. Queste le sue parole:

Nasco come esterno alto, ma col passare degli anni, gli allenatori che ho avuto mi hanno messo sempre più indietro fino a fare il terzino. I movimenti che caratterizzano come ruolo di quinto portano ad essere più propositivi. Occorre fare bene le due fasi, sia di spinta che difensiva. Fondamentale lavorare tanto sulla tecnica, perchè adesso le squadre sono alla ricerca di qualità in fase di possesso. Qualità più importante? La velocità, ti aiuta tanto in entrambe le fasi. Può aiutarti a recuperare anche un errato posizionamento difensivo. Questa qualità non può essere lavorata. Io mi focalizzo sugli altri aspetta: tecnica e tattica. Un terzino destro perfetto? La qualità di Dani Alves e la potenza di Cafù. Gol all’Atalanta? Ricordo un movimento di un nostro attaccante e il loro quinto ha seguito u taglio liberando lo spazio per me. A quel punto Erik (Pulgar, ndr) mi ha fatto un lancio perfetto ed io ho solo dovuto stoppare e andare a calciare

Leggi anche – Galli: “Prandelli giochi con il 4-3-1-2, Ribery trequartisra. Callejon? Sacrificio necessario”

Ribery Lirola
GERMOGLI PH:

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy