L’erba del vicino e un mercato che rischia di essere (di nuovo) inutile

Ben venga qualche rinforzo, ma è più importante che Prandelli valorizzi l’attuale rosa e che la società inizi a programmare seriamente. Imparando dai suoi errori

di Simone Bargellini, @SimBarg
Pradè-Prandelli

Sapete quante squadre della seconda metà di classifica hanno la fila per i loro esuberi? Solo la Fiorentina. In un mercato in cui Juve e Inter sono senza budget e persino Eriksen fatica a trovare acquirenti, c’è chi è disposto ad investire su Kouame, Pulgar, Duncan, Lirola (per giunta squadre importanti in Francia e Spagna), mentre l’ultima riserva dell’attacco viola (Cutrone) è stato reintegrato in una rosa di Premier League.

Sapete quante squadre della seconda metà di classifica tengono in panchina un giocatore che nella scorsa stagione al Napoli ha collezionato 45 presenze (35 da titolare)? Solo la Fiorentina. Quante squadre della seconda metà di classifica si permettono di tenere spesso in panchina un titolare della nazionale argentina (Martinez Quarta) e un giocatore nel giro della nazionale italiana (Bonaventura)? Sempre e solo la Fiorentina.

Sapete quante squadre della seconda metà di classifica hanno il famoso “bomber da 15-20 gol”? Stavolta la risposta è: solo il Torino (che comunque è dietro ai viola). Non ce l’ha la Fiorentina ma non ce l’hanno neppure Benevento, Bologna, Udinese per non parlare del Verona che è a ridosso dell’Europa con centravanti Di Carmine (0 gol), Kalinic (0 gol) e Favilli (2 gol). Eppure stanno facendo tutte meglio della Fiorentina.

Insomma pensare che sia il mercato la panacea di tutti i mali o che basti un attaccante per rilanciare la Fiorentina è alquanto sbagliato. Dovrebbero essere servite da lezione le ultime due sessioni, dove Commisso ha speso più di qualunque altro presidente di medio-bassa classifica, per non ottenere quasi niente. E anzi per vedere la maggior parte degli acquisti bocciati dopo pochi mesi (programmazione dove sei?). Ben venga qualche rinforzo di qualità, intendiamoci, ma ben più importante sarebbe valorizzare le potenzialità della rosa e dare un barlume di gioco alla squadra. Quello per cui era stato preso Prandelli che, invece, ha addirittura abbassato ancor più l’asticella. E adesso il rischio è nuovamente quello di seguire le indicazioni di mercato di un tecnico che a giugno probabilmente andrà via, continuando a pensare che l’erba del vicino sia sempre più verde. Ma siete sicuri che Malcuit (6 partite negli ultimi 2 anni) sia meglio di Lirola, Inglese meglio di Kouame o magari Schone meglio di Pulgar? Ripensando ai vari Sottil, Pedro, Ceccherini e compagnia, forse bisognerebbe rifletterci bene.
-> Calciomercato invernale Serie  A – Clicca per leggere la lista dei trasferimenti

52 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pierre - 2 settimane fa

    Articolo perfetto. I giocatori sono sopra la media. L’errore è stato non prendere un allenatore capace, come per esempio Juric, che sapesse metterli in campo nel modo giusto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Labaroviola - 2 settimane fa

    La Rosa che abbiamo non rispecchia la classifica. I giocatori. He abbiamo sono migliori della rosa di Benevento , Sampdoria o Bologna. Il problema è che è stato fatto male il mercato, perché non abbiamo giocatori funzionali a nessun tipo di gioco, nemmeno a tirare pallonate in cima e che ci faccia gol un santo. A centrocampo abbiamo tutte mezz’ale, in attacco ci manca un attaccante. Non si può giocare con quasi nessun modulo, e se si gioca con un modulo, qualcuno deve “adattarsi”. Amrabat non è regista, Borja nemmeno, pulgar ídem. Giocare con 2 punte non si può, perché non le abbiamo.Insomma, giochiamo senza identità perché il mercato non ha dato una identità alla squadra. Iachini e Prandelli si sono ritrovati una zuppa riscaldata, e non riescono a dare un gioco e una identità a questa squadra. Colpa del Covid e soprattutto di Pradè .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. VaiaVaiaBrodo - 2 settimane fa

    Comunque vada il mercato, il 2 di febbraio pradé deve rassegnare le dimissioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. andrea_fi - 2 settimane fa

    Fantastico bargellini. Giocatori bravi. Perciò ottimo DS. Di conseguenza società capace. Peccato che rischiamo la retrocessione.
    No! C’è qualcosa che non torna. È un paradosso. Un teorema improbabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 2 settimane fa

      Mai scritto ottimo ds e società capace, anzi ci sono delle chiare critiche alla strategia e alla programmazione che non c’è. Basta leggere senza preconcetti. Non a caso hai il settimo monte ingaggi eppure non lotti neanche lontanamente per l’Europa, quindi qualcosa che non torna c’è. Cito dati di fatto (Callejon, Quarta, Bonaventura, Lirola e dintorni) ed è evidente che singolarmente è una rosa nettamente superiore ad almeno 5-6 squadre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Albeviola - 2 settimane fa

        Se il mercato lo fai con gli svincolati (bolliti) ti puoi permettere anche di pagare qualcosa in più di stpendi…a me dovete spiegare dove sarebbero stati spesi tutti questi soldi che dite (sulla squadra) al netto della cessione di Chiesa…a quanto ammonta il saldo acquisti/cessioni?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Labaroviola - 2 settimane fa

        Giocatori buoni ci sono , poco funzionali anche. A centrocampo abbiamo tutte mezz’ale, un esterno d’attacco che non può giocare perché non si può giocare con un esterno , insomma, tanti giocatori , NESSUN MODULO, NESSUNA IDENTITÀ DI GIOCO.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. ben hur - 2 settimane fa

        Pero’Bargellini,la storia del monte ingaggi va detta bene.E cioe:vero che è 7mo monte ingaggi,ma il 50%circa pesa tutto su 5/6 giocatori.
        Suddividi il resto oer gli altri 22..e vedi che resta del famigerato 7mo monte ingaggi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Emilio - 2 settimane fa

    Articolo che non fa una piega. Io farei due operazioni: un attaccante per sostituire Cutrone in uscita (senza spendere un botto), un centrocampista di fosforo (il famoso regista). In uscita, visto che Prandelli ha chiesto di sfoltire, qualcosa andrà fatto, ma eviterei di cedere a titolo definitivo. Molti sono con la testa altrove e anche svalutati, aspettiamo l’estate per liberarcene. Se poi sono in troppi alla partitella di metà settimana si mandi qualche fenomeno a far la doccia anzitempo. Turiamoci il naso e andiamo avanti così, per la salvezza dovremmo farcela

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. roby 47 - 2 settimane fa

    censuriamo i commenti adesso ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SOLOROGER - 2 settimane fa

    Ma quale fila??? Ma fate festa con questi discorsi filo societari!!! Se c’è la fila per Duncan chissà come farà l’Atalanta a trattenere Freuler o Deron??? Lirola è una roba inguardabile!!
    Bonaventura nazionale di che??? Biraghi nazionale di che??? Kouame 5 gol in carriera…. Vhlaovic 8 presenze in serie A!! Castrovilli prima di Firenze un anno alla Cremonese… Pulgar lo vogliono tutti ma diamolo diamolo ci vado io a portarlo!! Callejon il Napoli l’ha liberato…. allora ti chiedo come mai???? Rispondimi come mai se era in grande condizione??? Dove volete arrivare con questi ragionamenti? Vi chiedo? Se i giocatori non ce li abbiamo, cosa valorizzi?? Se quelli buoni li abbiamo venduti tutti dall’arrivo di Commisso a oggi ma cosa sperate?? Se volete andare in B fate pure valorizzate questa rosa e non cambiate niente….. ma sarete complici fino in fondo del naufragio!! Fatevi sentire! Incazzatevi con questa proprietà che ci sta prendendo in giro! Mi tocca rimpiangere DV e ho rivalutato anche Gnigni………dov’è la Società?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 2 settimane fa

      Se non ti accalori troppo (anche se da tifoso è più che legittimo) vedrai che cito solo dati di fatto. Lirola è così inguardabile che va in Serie B… o forse va in una squadra che è quinta in Ligue1 con due partite in meno? Su Callejon ti sbagli, il Napoli gli ha offerto più volte il rinnovo ma lui voleva un contratto più lungo, basta che cerchi su google e vedrai. Detto che poi con questo principio Ribery è scarso perchè scaricato dal Bayern (oppure Pedro e Mkhitarian della Roma sono scarsi perchè scaricati da Chelsea e Arsenal). Anche gli altri sono dati di fatto, da Biraghi e Bonaventura nazionali, a Duncan e Kouame. Se la Fiorentina non ha i giocatori da Serie A, probabilmente non conosci la rosa di Spezia, Crotone, Benevento, Verona, Parma, etc

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. viola1946 - 2 settimane fa

    Egregio Bargellini, lei ha fatto delle ottime considerazioni. Mi permetto di farle notare che il problema della Fiorentina non è la qualità dei giocatori in rosa, ma la loro scarsa miscellabilità in una squadra, essendo non coperti alcuni ruoli ed avendo doppioni e triploni in altro. Se si hanno quattro centrali nazionali e si gioca con tre, evidentemente uno va in panchina. Se si hanno cinque trequartisti, almeno tre vanno in panchina.
    Altro problema, la rosa è inadatta ai tecnici che di volta in volta si sono succeduti.
    Comunque le sue sono considerazioni che condivido ed apprezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. franco - 2 settimane fa

    Complimenti!!! articolo perfetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dottgerardobregli_13904243 - 2 settimane fa

    Sapete da quanto tempo stiamo dicendo che a Firenze hanno perso il lume della ragione ? Da circa tre anni. E sapete quante volte abbiamo sostenuto che almeno sei – sette squadre o forse più hanno un parco giocatori che sono di gran lunga inferiori a quelli nostri ? da circa tre anni. Allora, giustamente, la spiegazione dove sta ? Nell’incloncludenza di chi li gestisce e li guida sia sul campo che nei contatti giornalieri ( vedasi allenatori e dirigenti).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. roby 47 - 2 settimane fa

      la colpa di un DS; e di un presidente che con le sue dichiarazioni ha destabilizzato tutto l’ambiente attaccando tutto e tutti pensando solo ai suoi progetti strutturali dello stadio con annnessi alberghi ecc.ecc. mettendosi contro il palazzo e i giornalisti . Inutile fare uno stadio nuovo se non fai una squadra decente per giocarci .Cisono almeno 6 squadre che senza lo stadio di proprietà ci sono davanti in classifica. di fronte a tutto ciò abbiamo dei giocatori che non rinnovano e altri che non hanno stimoli per lottare …voi direte ,ma guadagnano un sacco di soldi ,sì ma di questi tempi non basta più la barzelletta della professionalità , ci vuole un obbiettivo da raggiungere ….purtroppo il nostro sta diventando la salvezza.SFV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Atarax - 2 settimane fa

    cosa si vuol dimostrare con questo articolo? valorizzare la rosa? certo, se la rosa fosse rosa, non cardo, o cavolo. che gli allenatori non sono stati bravi a cavar sangue dalle rape. forse, bisognerebbe sperare o credere nel miracolo … o prender consapevolezza che questa è rosa di carciofi, scarsa e forse anche un po’ scarpona? e allora cerchiamo di migliorarla … poi l’anno prossimo si vedrà, tanto ci siamo abituati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Para73 - 2 settimane fa

    Shone meglio di pulgar sicuramente. In quanto ai giocatori, sono convinto che è due anni che sono stati allenati senza intensità. Anche juric lo disse di esseryc, è visibilmente indietro. Chiesa lo ha confermato mercoledì, qui si deve correre di più. Possibile che non vediate che escono dal campo asciutti. Vanno aspettati….ora che è giallo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. SoloViola - 2 settimane fa

    Complimenti, vedo che avete tutti capito al volo… questo articolo è un attacco (sacrosanto) a Prandelli, Iachini e Montella, cioè ai 3 allenatori che si sono succeduti sulla panchina viola con Commisso presidente… 3 allenatori bolliti che vengono tutti da anni di fallimenti ed esoneri su esoneri… non a caso.
    E parlate tutti solo di Pradè… questo la dice lunga sull’altissima competenza tecnica dei tifosi viola, buoni solo a dividersi in guelfi e ghibellini, chi parteggia per Della Valle e chi per Commisso, chi per Corvino e chi per Pradè … mi vengono i brividi, a leggere gli storici opinionisti di questo sito, ma questa situazione è quello che ci meritiamo, tutti.
    Comunque Bargellini ha straragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giusetex7_9905901 - 2 settimane fa

      Ti faccio una domanda e bada bene che io non sono un estimatore di iachini,ad inizio anno ti chiede un regista ed un attaccante. Tu non gli compri né uno né l’altro. A Montella dai Boateng, Vhlaovic con due presenze in a e Pedro infortunato come punte. Badelj bollito e Pulgar mediano dai piedi quadrati a centrocampo. Il primo anno ci siamo trovati con terzini da 352 e un sacco di ali da 433. Il ruolo del Ds quale sarebbe nello specifico? Prendere giocatori a caso mettendo in crisi gli allenatori o acquistare giocatori funzionali al loro gioco? Badelj è il mio acquisto più importante e l’anno dopo gioca nel Genoa. Chi lo ha detto. Pedro in Brasile dopo 6 mesi. Agudelo può diventare il nostro Pizarro. Chi lo ha detto? L’80% dei suoi acquisti sono stati ceduti o rientrano in trattative per essere ceduti dopo un anno. Squadra da 352 e Callejon acquistato per rimpiazzare Chiesa in quel ruolo come la vedi come mossa? Perché io da Prandelli mi aspetto un atteggiamento più offensivo ma vedere tre allenatori su tre che fanno fatica mi fanno venire il dubbio che il problema non sia lì. È l’unico posto dove il Ds che confeziona la squadra gode di fiducia illimitata nonostante il tetto salariale sia aumentato esponenzialmente ma la squadra lotti da due anni nei bassifondi della classifica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. UKLZ - 2 settimane fa

        Grazie a dio qualcuno ha fatto questo commento, non so cosa altro serva alla gente per dimostrare il disastro sportivo che ha fatto Pradè. Tutti a infamare gli allenatori. Io sono in grande disaccordo con l’articolo di Bargellini. La squadra non funziona, bisogna vendere tanti e spendere per comprare pochi ma di qualità e alla svelta. 9 gennaio, zero acquisti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Gasgas - 2 settimane fa

    Società sempre più in confusione. Questi ci portano in b. Programmazione zero, un dg che ne ha combinate e continua a combinarne una dietro l’altra. La solita storiella del bisogna prima vendere… Come siamo messi male…
    Mi raccomando porta bidoni rotti e alza il monte ingaggi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Barbaviola - 2 settimane fa

    Per scomodare il pensiero di un illustre linguista : “Per ogni problema complesso, c’è sempre una soluzione semplice. Che è sbagliata”. I problemi di questa Fiorentina sono complessi e puntare il dito (come fatto da molti in questi mesi) contro allenatori bolliti, giocatori svogliati o presidenze cieche è semplicemente sbagliato e ingiusto. Questa squadra deve ripartire da una dirigenza che abbia una capacità progettuale ILLUMINATA e che sappia creare un ecosistema sportivo/manageriale sano e funzionale. Il problema non è aver sbagliato a comprare alcuni giocatori, ma è la perenne assenza di un filo rosso, di un’idea centrale sulla quale sviluppare un progetto compiuto. CI MANCANO LE FONDAMENTA! (che poi fa anche ridere, vista l’importanza che viene data alla costruzione del nuovo stadio).

    Cosa chiedo da questo mercato? Niente e nessuno. Chiedo di arrivare a giugno e di rimettere in discussioni tutto e tutti in modo da preparare con cura, intelligenza e astuzia, una squadra che non giri attorno a vecchie glorie o a giovani speranze, ma che sia una macchina il più possibile efficiente. Lasciamo il mercato di gennaio a chi ha dei bisogni specifici (andare in Champions, salvarsi, migliorare il centrocampo…). Cari amici viola, in questo momento noi non abbiamo bisogni specifici: noi abbiamo bisogno di ripartire da zero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsineee - 2 settimane fa

      Quindi noi non abbiamo bisogno di salvarci?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Barbaviola - 2 settimane fa

        Dal mio punto di vista abbiamo giocatori e allenatore che possono puntare a una salvezza tranquilla. Non credo che due o tre toppe (scarti dell’altrui mercato) possano cambiare in modo serio la nostra situazione. Farebbero solo ulteriore confusione

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Violapersempre - 2 settimane fa

      Questa sarebbe una grande idea in un mondo perfetto . L’unico problema è che se non si fanno punti tra 4 mesi saremo in B . Anche con il rischio del Fallimento!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Violapersempre - 2 settimane fa

    Il discorso è semplice ci vuole un progetto vero scaut competenti DS competente e un bravo allenatore . E chi non è contento di stare qua venduto immediatamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Fantero - 2 settimane fa

    Sono d’ accordo, però chi è che ha una rosa di attaccanti e centrocampisti poco propensi a fare gol come la Fiorentina? La risposta è solo la Fiorentina, Ribery-Vlahovic non arrivano in due a fare i gol di Zaccagni o Soriano, gli unici potrebbero essere Castrovilli e Bonaventura, ma il primo è alla ricerca di una posizione in campo (visto che Ribery occupa quella che dovrebbe essere la sua zona) e il secondo è la controfigura di se stesso. Ricordiamoci che anno scorso il capocannoniere è stato per diverso tempo Benassi, perciò i problemi ci sono ormai da più di un anno e purtroppo non sono stati risolti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. El Gringo - 2 settimane fa

    Citando la famosa frase “sono pienamente d’accordo a metà…”, giusto valorizzare ma la rosa che abbiamo è decisamente sopravvalutata e male assortita. I nomi ci sono anche e i curriculum di alcuni potrebbero dire che non ci meritiamo di essere dove siamo. Ma una squadra gira se c’è un senso nelle scelte che si fanno: quale è il senso di rimpiazzare Chiesa con Callejon? Perché questa proprietà pensa che abbiamo un regista? Pulgar lo è? Perché averci messo per mesi Amrabat snaturandolo completamente? Il fatto è che poi non solo con Iachini ma questo si è ripetuto anche con Prandelli. E allora mi chiedo, dato che loro saranno più esperti di noi tifosi e dei giornalisti stessi (che per quanto siano informati non hanno le competenze né la conoscenza del gruppo che può avere un allenatore che quotidianamente lavora con i giocatori) perché da almeno due anni abbiamo le stesse lacune sul campo? Non è che piuttosto alcuni giocatori sono davvero sopravvalutati e che quindi a ragione anche l’asticella si sia dovuta abbassare?
    Poi se invece siete competenti, avete il patentino e potete garantire l’esperienza giusta per fare fare il salto di qualità a questo gruppo fatevi avanti e bussate al sor Commisso e chissà se vi prende in organico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Barsineee - 2 settimane fa

    ah io però ormai ho la fama del cattivo pensatore e mi chiedo … non è che ogni volta i giocatori sono venduti perché si deve rientrare degli investimenti che sono stati fatti? Come mai c’è questa folle frenesia di vendere tutti in questo momento? Sembra che siamo arrivati ai SALDI di fine stagione. Ma forse non è un caso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. damci - 2 settimane fa

    La sensazione è quella che si voglia ancora difendere Pradè con questi discorsi.Io credo che al di là dei singoli,sia stato sbagliato l’insieme,lasciando buchi enormi in qualche ruolo essenziale,mentre altrove si accavallavano doppioni che ora si fanno giocare e si pestano i piedi nella stessa zona,oppure si impiegano in posizioni non consone alle loro caratteristiche.Ciò detto aggiungo che su alcuni dei singoli, acquistati in questo anno e mezzzo, mi sento di esprimere diverse e profonde perplessità sul valore tecnico e sul fronte caratteriale.Allargherei il discorso anche all’aspetto fisico per i vecchi,per chi perde tutti i contrasti e per chi dimostra di avere una tenuta limitata.In conclusione un disastro nella gestione sportiva da parte di Pradè,poi poossiamo anche discutere se Prandelli possa essere in grado o meno di migliorare la situazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Barsineee - 2 settimane fa

    beh per anni abbiamo preso per il culo chi parlava del Progetto. Eccolo il progetto VIOLA. Ieri il sindaco ha detto che tra un mese partono i lavori al Viola Park e non se l’è filato nessuno. Questi signori non capiscono che senza un obiettivo sportivo e gente che di calcio ne capisce non si va da nessuna parte. Direttore Generale, Direttore Sportivo e tutti i dirigenti sportivi. Altro che Aquilani e Danielli. Abbiamo avuto allenatori della Primavera che erano di primissimo ordine e oggi abbiamo l’amico del DS?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Iperviola - 2 settimane fa

    Concordo al 100 per 100 con Bargellini
    Finché Commisso non capisce che è necessario programmare al fine di dare un’identità precisa alla Fiorentina saranno tutti mercati di riparazione dispendiosi e fini a se stessi
    Il budget è necessario ma ancor più sarebbe necessario affidarsi a chi vede oltre e capisce di calcio è questo non è pradè tantomeno Barone
    Replicare modelli come Atalanta e direi anche Sassuolo non sarebbe uno scandalo ma evidentemente i suddetti signori non hanno l’umiltà di riconoscerlo.. per spendere in maniera intelligente occorrono persone intelligenti
    La confusione in cui tatticamente anche prandelli sta cadendo è figlia di giocatori messi lì a casaccio senza uno straccio di progetto a monte ..acquisti casuali e dell’ultimora
    E le eventuali cessioni vengono ero verranno effettuate sempre con la timidezza di chi non sa bene se i giocatori che cediamo o cederemo poi verranno fuori …
    Meritiamo qualcosa di meglio per attaccamento storia e amore !
    Forza viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. folder - 2 settimane fa

    Il problema è e resta uno solo:la presenza di Pradé nella stanza dei bottoni.Con un personaggio così, digiuno delle caratteristiche dei giocatori, che,oltretutto, aspetta e traccheggia fino all’ultimo nell’acquistare giocatori vecchi e stanchi che poi si dimostrano bidoni assoluti,il non acquisto tempestivo di rinforzi non è un optional:è la regola certa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

      Non è solo Pradè, lui può scegliere make, sbagliate ma è CAPA TOSTA che non allenta la presa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. 29agosto1926 - 2 settimane fa

    Il mercato è inutile quando si hanno le idee confuse, quando non esiste programmazione, quando esistono, quelle si, solo parole e risentimenti da scaricare sugli altri. Chiedere a Sartori che ha già preso in giocatore e fatto giocare. Poi è chiaro che i giornalisti di buttano a capofitto su queste incapacità e non trovano altro di meglio che scrivete mercato inutile. Ogni società ha i dirigenti e, direi, i giornalisti, che si merita, e la nostra classifica dice tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Violapersempre - 2 settimane fa

    In questa squadra anche Messi andrebbe in panchina Allenatori incompetenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. dallapadella - 2 settimane fa

    A parte che Ceccherini e Pedro non li rimpiango ma tutto il resto mi trova d’accordo e merita un plauso. Forse su Quarta si può aggiungere che l’inserimento di un centrale difensivo non è mai immediato.
    Al quadro schizofrenico aggiungo che Amrabat è passato da essere tra i miglior centrocampisti della serie A a giocatore qualunque (e addirittura in partenza verso Roma ma non ci credo).
    La programmazione non parte mai anche perchè gli allenatori girano come trottole e sembrano altro mondo rispetto al DS: Pradè compra e loro lasciano in panchina: è successo con Boateng, Pedro, Cutrone, Agudelo, Callejon, in parte con Kouamè, con Duncan e Lirola in questo campionato.
    Su Prandelli non so cosa pensare, sull’irrinunciabilità del 3-5-2 pure ma devo fidarmi perchè un punto fermo ci vuole.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. woyzeck - 2 settimane fa

    L’articolo quantomeno è intelligente, grazie a Dio… viene però allora da chiedersi se non abbiamo preso i peggiori allenatori della serie A… oppure i giocatori, seppure buoni presi da soli, in realtà sono o fuori ruolo, o senza ruolo, o senza carattere, o troppo acerbi o troppo maturi… insomma, non è detto che si faccia un buon dolce con dei buoni ingredienti messi a caso… per rimediare questa situazione però non puoi che intervenire con il mercato, perchè mi sa che valorizzare questa rosa sia ormai un’impresa impossibile e con un rischio altissimo… in soldoni, bisogna rifare il dolce da capo, magari anche cambiando pasticcere….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Ilgiusto - 2 settimane fa

    Difficile leggere tante sciocchezze tutte insieme.
    È proprio sbagliato il punto di vista.
    Qui servono GIOCATORI VERI, certo se devi prendere dei panchinari tanto vale tenere i nostri, ma in Europa ci si vuole tornare? Perché per salvarsi basta la cooperativa viola non c’è bisogno dei calabroamericani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Violapersempre - 2 settimane fa

    La morale della favola che Prandelli è un allenatore Bollito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Marco Chianti - 2 settimane fa

    Concordo con Bargellini. Se i nomi sono quelli citati si può stare fermi. I giocatori che servono devono essere di qualità altrimenti si possono tenere quelli che ci sono. Poi si investa su struttura di scouting e società e si cominci a programmare prendendo da giugno un allenatore serio (Sarri, Spalletti, Juric, Gallardo per esempio) al posto di Prandelli. Mi dispiace per Cesare ma a meno di un cambio di passo notevole e a meno che non ci stupisca e convinca pienamente (e non al 50% come Iachini l’anno scorso) a questo giro serve qualcuno di diverso perché Prandelli (spero di essere smentito) non è più quell’allenatore che ho amato di 15 anni fa. Adesso è solo una grande persona ma calcisticamente è superato. E basta cavalli di ritorno per cortesia. Ritornando al discorso iniziale se arrivano un regista, una punta e (forse) un esterno bene ma devono essere forti altrimenti si resta così e non si butta via altri soldi che questa società ne ha gettati tanti al vento. Troppi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cosimo de' Medici - 2 settimane fa

      Concordo in pieno, spero anche che lo scouting e quant’altro venga affidato a un altro DS, capace di pescare scommesse così come giocatori preparati, senza spendere cifre folli.
      Nello stile di Atalanta e Lazio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. flanari69 - 2 settimane fa

      L’anno prossimo un solo nome sulla panchina: I-TA-LIA-NO. Ma come fate a non vedere!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Marco pennaviola - 2 settimane fa

    Caro Bargellini, credo che la partita con la Lazio abbia dimostrato l’assoluta inutilità di mandare Vlahovic da solo a fare la guerra con le difese altrui e che una spalla serva come e più del pane. Poi si può discutere di tutti gli altri ruoli, regista compreso, ma il poco (ma esistente) gioco della squadra cozza contro il poco che un uomo lasciato solo può fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 2 settimane fa

      Cioè per contratto può giocare una sola punta abbandonata a se stessa? Qualcuno impediva a Prandelli di mettere ad esempio Callejon o Kouame?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabio1926 - 2 settimane fa

        Questi sono discorsi che lasciano il tempo che trovano. Il calcio non è una scienza e non possiamo saperlo se con due punte avremmo portato il risultato a casa. Se proprio dobbiamo cercare dei riferimenti, più che i 20 minuti finali con la Lazio, abbiamo la partita con la Juve dove abbiamo giocato con una sola punta e di goal ne abbiamo fatti 3.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone Bargellini - 2 settimane fa

          Ma chi ha detto che avremmo vinto con due punte? Rispondevo al suo commento su Vlahovic. Poi se il riferimento fosse la partita di Torino, dovremmo pensare che la Fiorentina ha una squadra come minimo da Champions, ma evidentemente non è così. Quindi credo facciano più testo tutte le altre partite. Un saluto

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. fabio1926 - 2 settimane fa

            Scusa, allora ti ho male interpretato. Io credo che il problema più vero è che dalla società sono state fatte valutazioni errate sui parecchi giocatori che non per caso sono sul mercato.
            Speriamo che rimedino.

            Mi piace Non mi piace
    2. Ilgiusto - 2 settimane fa

      Difficile leggere tante sciocchezze tutte insieme.
      È proprio sbagliato il punto di vista.
      Qui servono GIOCATORI VERI, certo se devi prendere dei panchinari tanto vale tenere i nostri, ma in Europa ci si vuole tornare? Perché per salvarsi basta la cooperativa viola non c’è bisogno dei calabroamericani

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. folder - 2 settimane fa

    “un mercato che rischia di essere (di nuovo) inutile”

    Ci aggiungerei anche che rischia di essere di nuovo inutile perchè affidato a personaggi che tanto male hanno operato fino ad oggi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Violaviola - 2 settimane fa

      Ssssttttt queste cose non si possono dire…. Evviva pradé evviva il ns ds

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy