Italiana e camaleontica: ecco la Fiorentina pensata da Montella e Pradè

Italiana e camaleontica: ecco la Fiorentina pensata da Montella e Pradè

La Fiorentina del futuro è un cantiere aperto, analizziamone il progetto

di Alessandro Lilloni, @AleLilloni

Mandragora, Lazzari e Bertolacci sembrano essere i primi veri obiettivi della Fiorentina che verrà. Pradè e Montella, al lavoro insieme da qualche giorno, hanno individuato tatticamente il nucleo da cui ripartire. Chi ha conosciuto Joe Barone e Rocco Commisso durante la loro permanenza a Firenze, sa che più volte hanno espresso la volontà di costruire una Fiorentina più italiana. Tutto dipenderà da alcune situazioni di mercato, ma almeno nelle intenzioni esiste la volontà di affidarsi ad atleti pronti ad integrarsi subito. Entrando in simbiosi con tifosi e città.

Tatticamente l’idea è quella di ripartire da un 4-3-3 mobile che possa facilmente trasformarsi in un 3-5-2. Sulle fasce serve gente con gamba pronta ad essere determinante in entrambe le metà del campo, Manuel Lazzari della Spal ne è l’esempio perfetto. A centrocampo serve un regista. Il casting è aperto, Bennacer è uno dei nomi più caldi, ma occhio al mercato francese che presenta sulla lista dei cedibili registi puri come Savanier e Rongier. Da non sottovalutare inoltre i numerosi parametri zero in cerca di sistemazione come Bertolacci.

Nel calcio di Montella è consuetudine edificare l’azione dalle retrovie, risulterà vitale avere un centrale difensivo abile nella costruzione di gioco. Nella rosa attuale della Fiorentina sembra mancare un elemento del genere. Per quanto riguarda l’attacco, indipendentemente dal modulo serve una punta di esperienza che garantisca gol. Evitare le difficoltà della stagione passata è prioritario. Il calibro del nome in entrata determinerà le ambizioni sportive, poichè nel calcio ogni disamina tecnica risulta superflua se non si è capaci di finalizzare. ECCO L’ATTACCANTE NEL MIRINO DEI VIOLA

 

Fra Moena e ICC, l’estate è piena per la Fiorentina. Weiss: “Giusto compromesso con la proprietà”

Toni a VN: “Simeone non è una prima punta. Chiesa? Va rispettata la sua volontà”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Max13 - 2 mesi fa

    Smettetela di parlare di Bertolacci, un giocatore che non gioca più da titolare da tanto tempo, è un’offesa per la nuova Fiorentina. Lazzari va bene, Mandragora quest’anno ha giocato male e a Udine si sono pentiti di averlo comprato a peso d’oro. Pradè non vorrà mica sdebitarsi con Pozzo?1

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Up The Violets - 2 mesi fa

    E poi c’è il link all’articolo nel quale si parla di Inglese, “ben” nove gol in venticinque partite nella scorsa stagione. Un bomber inarrestabile.

    Quanto ai nomi, accetto scommesse: di tutti quelli che vengono fatti in questi giorni, alla fine ne prenderanno un paio se va bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. VIKINGO - 2 mesi fa

    aridaie…..un 433 non puo diventare con qualita un 352….specialmente per i due attaccanti .Se vuoi puntare su Chiesa devi fare un ottimo 433 ..perche chiesa come seconfda punta non ha abastaza spazio per le sue doti e come 5 di centrocampo la vedo un eresia…..e come quando c’era Rossi .. ma al contrario…ottimo come 2 punta ma inadatto nel 433

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy