Il paradosso di Ricky: quando il talento è di troppo

Il paradosso di Ricky: quando il talento è di troppo

Saponara ha in mano valigie piene di classe

di Federico Targetti, @fedetarge

Minuto 23 della sfida tra Fiorentina e Val di Fassa Team, prima sgambata stagionale per la banda-Montella: il 10 in maglia verde riceve un appoggio all’indietro, sguardo alto, finta e dribbling sul primo uomo, quindi destro-sinistro per passare in mezzo ad altri due avversari e pennellata d’autore sul secondo palo.

Il ritorno di Riccardo Saponara non poteva partire in maniera migliore; vero è che il livello della squadra avversaria non era da prendere in considerazione, vero è che Montella ha detto di voler giocare con un 4-3-3 che può trasformarsi facilmente in un 3-5-2 – moduli, questi, che non contemplano un trequartista come Saponara. Eppure…

Sarà che Firenze è sempre stata innamorata dei giocatori con i piedi buoni, ma attorno a Ricky si respira un affetto che i giocatori si guadagnano in tre modi: con la gentilezza e il sorriso, con le giocate di talento, con i gol. E se il ragazzo portato alla ribalta dall’Empoli non brilla particolarmente sotto quest’ultimo aspetto, quanto agli altri due rappresenta una garanzia: a Moena è stato uno dei viola più apprezzati dai tifosi, che gli riconoscono anche un ruolo importante nei mesi che hanno seguito la tragica scomparsa di Davide Astori (ricordate l’arcobaleno che portò alla zuccata di Vitor Hugo nella surreale partita contro il Benevento?).

Quindi la stagione scorsa alla Sampdoria, dove ha ritrovato Marco Giampaolo e il ruolo da trequartista puro dopo tre anni. Com’è andata? Non benissimo: 22 presenze, spesso subentrando a Gastòn Ramirez, e due gol, entrambi bellissimi, segnati a Milan e Lazio (pallonetto di tacco al volo). Con quattro assist e l’enorme rimpianto di vedersi annullata una perla all’ultimo minuto allo Stadium contro la Juve.

Insomma, Saponara gioca bene, ha tanta classe ma gli manca la continuità all’interno della singola partita; l’ambiente tattico che Montella sta disegnando non sembra ospitale per lui, ma chissà che non possa essere utilizzato a gara in corso, come passepartout per scardinare le difese più ostinate… Del resto, da uno che ha mosso i primi passi dietro la coppia Maccarone-Tavano non ci si possono aspettare che giocate-chiave quando servono. Come la penserà Montella? Cambierà idea oppure non si opporrà ad una partenza annunciata?

INTANTO PER SAPONARA SI MUOVE IL VERONA

Calciomercato – Le operazioni effettuate dalle 20 squadre di Serie A

 

Per il centrocampo prende corpo l’ipotesi Baselli

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dallapadella - 3 mesi fa

    Aggiungo che con Eysseric stiamo messi ancora peggio e lì non c’è nemmeno tanta simpatia per il personaggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dallapadella - 3 mesi fa

    Il problema è che non lo vuole nessuno se nion in prestito, quindi dai 9 mln pagati potremo recuperarne pochi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-2073653 - 3 mesi fa

    Saponara di gentilezza e di sorriso è indiscutibile e merita tutta la benevolenza del mondo, per il resto, nove milioni ce li poteva spendere giusto Pantaleone nostro. A proposito, sempre a casa? Si gode l’estate e poi torna in pista? Dove va, al Tottenham o al Borussia Dortmund?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. batigol222 - 3 mesi fa

    “…il 10 in maglia verde riceve un appoggio all’indietro, sguardo alto, finta e dribbling sul primo uomo, quindi destro-sinistro per passare in mezzo ad altri due avversari e pennellata d’autore sul secondo palo”

    Destro sinistro per passare in mezzo a due avversari FERMI, finta sul primo che nemmeno lo guarda da lontano, pennellata sul secondo palo che qualsiasi portiere di serie A avrebbe parato. E’ solo un’amichevole con una squadra di prima/seconda categoria, non fa testo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 3 mesi fa

      Quindi dici che Saponara non ha talento, è questo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy