Franchi, Fiorentina e Palazzo Vecchio uniti. Lettera condivisa a Franceschini

Il ministro per i Beni culturali darà risposta entro un mese

di Redazione VN
Nardella-Commisso

Dopo il lungo susseguirsi di eventi, Fiorentina e Palazzo Vecchio si sono mosse in un’unica direzione. Nella serata di ieri, hanno infatti spedito un plico, contenente una lettera della società viola in cui si descrive per linee generali quello che sarà il progetto per il nuovo Franchi dell’architetto Marco Casamonti.

Questo quanto troviamo scritto nell’edizione odierna di La Repubblica Firenze. Il destinatario della lettera, in cui si chiede di individuare gli elementi strettamente necessari per la conservazione dell’opera di Nervi, è il ministro per i Beni culturali Dario Franceschini. Oltre a questa, nel plico è presente anche una lettera di Dario Nardella.

Il sindaco di Firenze ha comunicato il pieno appoggio delle istituzioni per supportare le proposte progettuali che la Fiorentina presenterà. Ma in particolare la lettera del primo cittadino sarà fondamentale perché conterrà “tutte le informazioni utili sulle criticità degli elementi strutturali e sulle carenze impiantistiche che necessitano di essere risolte per garantire la fruibilità in sicurezza dello stadio”.

Le problematiche non mancano, dal rischio sismico al degrado a cui lo stadio è sottoposto da anni. L’ultima parola sarà di Franceschini, ma intanto Commisso aspetta speranzoso. Una volta arrivata la risposta del ministro, entro un mese, l’architetto Casamonti dirà al Presidente cosa si possa realmente fare o meno, quanto ci si possa spingere sui lavori. E lì starà solo a Rocco decidere se questo rispondere ai suoi voleri e interessi.

La Fiorentina vuole demolire il Franchi: il Ministero risponderà in tempi brevi

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. A ndrea - 2 settimane fa

    Basta Franchi!
    Stadio Nuovo a Campi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. A ndrea - 2 settimane fa

    Basta Franchi! Stadio Nuovo a Campi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eziogòl - 2 settimane fa

    Le squadre che hanno distrutto i loro stadi retrocederanno, perderanno in eterno. Stadio nuovo non vuol dire vincere, anzi, guardate l’Udinese, il Padova, la Salernitana, il Cagliari, il Lione, il Marsiglia, il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MAXgobbomai - 2 settimane fa

      Buonasera signor sovrintendente tutto bene in famiglia?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tato - 2 settimane fa

      Hai proprio ragione, perdono e retrocedono come la Juve(che con lo stadio ha raddoppiato il fatturato. Ma si sa, che i giocatori, non si pagano coi soldi, vero?), Il Bayer Monaco, o le squadre Inglesi. Ma pensi quando scrivi queste caz…. te o ti vengono spontanee?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. VentodiCambiamento - 2 settimane fa

    Cara redazione
    potreste cortesemente limitare la pubblicazione di questi commenti monotematici, deliranti, accusatori e diffamatori fatti in serie sotto lo stesso articolo?
    Grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Eziogòl - 2 settimane fa

    Lasciare intatto lo STUPENDO stadio di Firenze. Questo è e dovrà essere l’imperativo mondiale. E’ pronto il mondo della cultura in difesa di questo capolavoro. Vada a speculare altrove, l’affarista di turno. E poi: ma chi dice che un disfacimento/rifacimento di uno stadio comporti risultati migliori? ma chi ve lo dice, teste dùrre? Il problema è che al giorno d’oggi manca una trasmissione come “non è mai troppo tardi” del maestro Manzi. Ah, che brutta Italia dopo il 1968! Non è un caso, infatti, che negli anni dal ’40 al 1969 la Fiorentina abbia vinto qualcosa, abbastanza, e, successivamente, in questo mondo conformista postindustriale, niente. Anzi, è proprio sparita!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Eziogòl - 2 settimane fa

    Impiccatevi, tutti. Lasciate stare il Franchi, lo avete già distrutto abbastanza. Distruggete tutto quello che c’è di bello in quella città. Non sarà che ci nascete, col cemento armato dentro il cervello? il vecchio centro storico medioevale lo avete distrutto o lasciato distuggere per creare una brutta copia di una Torino qualsiasi, ora volete distruggere l’unica cosa bella che ha da 40 anni la Fiorentina. Mi aspetto anche che vogliate cambiare l’Inno. E poi il colore della maglia. Vergognatevi! Ecco perchè da decenni è la squadra zimbello d’Italia, con dei tifosi così, con una piazza così con dei politici ed Presidenti così non potrebbe essere diversamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy