Sind. Campi: “Contatti continui con ACF. Terreni della famiglia Casini costano la metà rispetto a Firenze”

Sind. Campi: “Contatti continui con ACF. Terreni della famiglia Casini costano la metà rispetto a Firenze”

Torna a parlare il sindaco di Campi Bisenzio: “Giusto valutare prima le possibilità a Firenze, ma si sappia che anche noi possiamo mettere in piedi un percorso”

di Redazione VN

Emiliano Fossi, sindaco di Campi Bisenzio, ha parlato anche del nuovo stadio della Fiorentina nel corso del suo intervento a Lady Radio. Queste le sue parole: “I contatti con la Fiorentina sono costanti, continui. Il club viola sa benissimo quale sia la situazione a Campi, c’è la disponibilità da parte dei proprietari dei terreni lungo viale Allende. Conosce bene anche l’iter che il comune è pronto a mettere in campo per realizzare lo stadio. La nostra disponibilità, però, non è volta a creare un’operazione di ostruzionismo nei confronti di Firenze, anzi: è giusto che prima si vaglino le possibilità sul capoluogo. Se viene realizzato lo stadio alla Mercafir o in un’altra area di Firenze noi siamo contenti. Se queste possibilità non dovessero esserci, si sappia che a Campi possiamo mettere in piedi un percorso”.

Fossi, poi, si concentra sulla valutazione dei terreni accanto a Villa Montalvo che la famiglia Casini ha offerto alla Fiorentina: “Facendo una valutazione molto superficiale, possiamo stimare che abbiano un prezzo che è circa la metà rispetto ai terreni a Firenze. E, a quanto ci risulta, le situazioni di stadio e aeroporto non sono conflittuali tra loro”. Il sindaco di Campi torna in conclusione su temi più generali: “La grande Firenze dovrebbe essere la prospettiva e la questione dello stadio ha anche questo valore, cioè l’idea che si collabora insieme per la soluzione dei problemi, si affrontano insieme, si gestiscono insieme, che si programma insieme. Ma tutti devono fare un atto di generosità, i comuni limitrofi e il capoluogo, approcciandosi con un’idea che non preveda fgli e figliastri ma tutti sullo stesso piano”. NUOVO STADIO ALLA MERCAFIR, ASTA ENTRO GENNAIO. MA TUTTO SI BASA SULLA CIFRA CHE VERRA’ STABILITA A BREVE…

Ancora Barone: “Nuovo stadio? Deve essere vissuto, i turisti lo visiteranno. Ci sarà anche un museo”

Il no comment di Nardella sullo stadio: “Lavoro e non parlo”

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violante - 4 mesi fa

    Commisso da grande business man tiene i piedi su (almeno) due staffe e va avanti in parallelo. Campi o Mercafir l’importante è fare lo stadio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rudy - 4 mesi fa

    Se a Campi i terreni costano la metà ci sarà un motivo o la Famiglia Casini sono dei benefattori ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Matt - 4 mesi fa

      Il prezzo di riferimento lo fa il mercato non di certo il venditore, su questo non ci piove

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Masai - 4 mesi fa

        E’ questo il punto, il prezzo di riferimento lo fa il mercato, poi però il privato (campi, casini) vende, se vuole, al prezzo che vuole; il pubblico (Firenze, Nardella) deve seguire leggi e regole comunali etc etc… di sicuro non lo può ne regalare ne deprezzare….
        E la differenza è data dal fatto che per ovvie ragioni il terreno su Firenze è più caro e prestigioso rispetto a quello di campi…..

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy