FOCUS VN: Cristoforo, un avvio timido poi regala un cioccolatino a Kalinic

FOCUS VN: Cristoforo, un avvio timido poi regala un cioccolatino a Kalinic

Schierato a fianco di Sanchez, nel primo tempo sforna il delizioso assist per il 2-0 di Kalinic. Nella ripresa mette il croato nuovamente davanti alla porta, ma l’attaccante fallisce il 4-0. Una prestazione positiva. Adesso la riprova con avversari “veri”

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

Esordio da titolare con la maglia della Fiorentina per Sebastian Cristoforo nella seconda gara del Girone J di Europa League. Il numero diciannove viola viene schierato a centrocampo, accanto Carlos Sanchez. Nei primissimi minuti di gara si muove molto, anche a ridosso di Babacar e Kalinic, alla ricerca del varco giusto, ma sono i giocatori della formazione azera a comandare la manovra e a sorprendere i ragazzi di Sousa con alcune infilate centrali. Al 22′ si fa vedere con un buon lancio per Kalinic posizionato in area piccola, ma il croato, stretto nella morsa di alcuni difensori, non aggancia il pallone e Sehic blocca in due tempi. Al 28′ prova la conclusione dalla distanza, il tiro, in realtà, si trasforma in un passaggio per Babacar completamente smarcato all’altezza del disco di rigore, ma l’attaccante senegalese cicca la sfera e l’azione sfuma. Al 43′ mette lo zampino nel bellissimo raddoppio della Fiorentina: si inserisce in area piccola e invece di tirare a tu per tu con il portiere azero sforna un delizioso assist all’indietro per Kalinic che a porta praticamente vuota non sbaglia. Un vero e proprio cioccolatino.

Nella ripresa affianca Vecino, entrato al posto di Sanchez. Al 56′ riceve palla sulla trequarti e verticalizza per Kalinic che, però, fallisce il 4-0 calciando in “bocca” a Sehic. Nel resto della seconda frazione si limita al passaggio semplice, compito che svolge senza patemi, visto che la partita si trasforma, di fatto, in allenamento.

In definitiva una buona prestazione per l’uruguaiano, anche se l’espulsione di Yunuszada al 29′ del primo tempo ha reso le cose più semplici alla Fiorentina. Dal quel momento in poi, infatti, il Qarabag si è sciolto come neve al sole, subendo tre gol nel giro di pochi minuti. Le qualità ha dimostrato di averle, l’assist per il 2-0 di Kalinic è stata un’autentica chicca. Adesso serve la riprova contro avversari “veri”, quando i ritmi saranno più indiavolati. Non è l’alternativa a Badelj – Sousa è stato chiaro alla vigilia -, ma Cristoforo c’è e tornerà utile. I gigliati hanno un altro cervello in mediana.

 

Questi i suoi numeri:

Palle giocate: 56

Palle perse: 5

Palle recuperate: 5

Contrasti: 3

Assist vincenti: 1

Falli fatti: 3

Falli subiti: 2

Tiri fuori: 1

Minuti giocati: 90

Cristoforo: “Felice per il mio esordio. Ho scelto la Fiorentina per il suo blasone”

 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rudy - 4 anni fa

    Vedo il procuratore di Badelj preoccupato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. matteo83 - 4 anni fa

      Non vale la metà di badelj….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Horacio Cacio - 4 anni fa

        mi sa che ti sbagli

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. matteo83 - 4 anni fa

          Hai ragione…forse un quarto…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Antonio Capo d'Orlando - 4 anni fa

        Anche di Badelj, si diceva fosse scarso. Comunque, vedremo dopo l’anno di assestamento…..
        FV

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy