Flachi: “Vedo facce tristi, i giocatori fanno il compitino. Modulo? Tanto non lo cambia…”

Il commento dell’ex viola

di Redazione VN
francesco-flachi

Francesco Flachi, ex attaccante della Fiorentina, si è collegato con il Pentasport di Radio Bruno:

“La Fiorentina doveva vincere, e lo ha fatto. Si aggrappa troppo alle individualità, commette errori in fase difensiva, va in difficoltà perché non ha un gioco. E’ sotto gli occhi di tutti. Speriamo che questo sia un punto di partenza per migliorare… L’allenatore ha le sue colpe, ma i giocatori giocano nel massimo campionato italiano, e non fanno mai nulla di diverso dal compitino, salvo qualche eccezione, e mi rifiuto di credere che sia per povertà di bagaglio tecnico. Vedo poche cose davvero belle come il triangolo tra Bonaventura e Callejon in occasione del primo gol. Anche a centrocampo ce ne sarebbe di qualità, ma sono compassati, e vedo sempre delle facce tristi. Questo mi dà da pensare, il calcio è anche un divertimento.

Caceres? Ha grande esperienza ed è un giocatore sanguigno, però sta facendo degli errori assurdi. Ieri un po’ meglio, ma ci aveva abituati a ben altro. A me non sembra un campionato a senso unico, è molto livellato, anche perché chi ha giocato le coppe d’estate ha delle difficoltà. Callejon alla terza partita giocata da punta si scoccia… Ai miei tempi c’erano due attaccanti titolari e due di riserva, qui ne abbiamo tre senza gerarchie. E la rotazione non fa crescere nessuno… Bisogna cambiare modulo? Sì, ma tanto non lo cambia… Se vuoi il 3-5-2, devi far giocare i giocatori adatti al 3-5-2, anche facendo sacrifici”.

GALLI: “IACHINI NON PUO’ APPELLARSI ALLE ASSENZE”

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bati - 1 mese fa

    Giusto, perfetto. Anche chi non ha mai giocato in serie A è dalla fine del mercato che sostiene che i due attaccanti in panchina saranno sempre meglio del titolare di turno. Situazioni viste e riviste. Sono tanti errori e tutti insieme che si spiegano probabilmente con scelte e imposizioni contrarie e sulla testa di Pradè di uno che capisce poco o nulla di calcio e che soprattutto lo ha vissuto per settanta anni solo dall’America. Purtroppo chi caccia i soldi pretende di capire e comandare anche in ambito tecnico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Conte Uguccione - 1 mese fa

    Ma vai a zappare, inutile

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy