Così parlava Rocco: “Disposto a dedicarmi totalmente al calcio. E non mi aspetto di guadagnarci”

Così parlava Rocco: “Disposto a dedicarmi totalmente al calcio. E non mi aspetto di guadagnarci”

I propositi di Rocco Commisso dopo l’acquisto dei Cosmos: “Ho dedicato il 99% del mio tempo alla costruzione della squadra”

di Simone Bargellini, @SimBarg

In attesa di sentirlo parlare nelle vesti di nuovo proprietario della Fiorentina, vi proponiamo alcune vecchie dichiarazioni di Rocco Commisso che aiutano a capire il personaggio e la sua passione per il calcio. Così raccontava nel corso di un’intervista al portale italo-americano wetheitalians nel marzo 2017:

In quei giorni di Pelé e Chinaglia, io andavo a vedere giocare i Cosmos. Era un’atmosfera elettrica e divenni un loro grande tifoso. Adesso stavano fallendo, smantellando la squadra e licenziando il personale. Volevo salvare la squadra. Così mi sono fatto avanti, abbiamo avviato una trattativa durata quasi 16 ore, alla fine della quale abbiamo firmato un contratto. (…) Il giorno della chiusura del contratto non avevo una squadra, nessuna organizzazione, nessuna sponsorizzazione, nessun diritto televisivo, nessun campo di allenamento, nessuna cheerleader, nessun biglietto venduto per la imminente stagione, non avevo nemmeno uno stadio dove giocare: niente. Avevamo milioni di dollari di debito verso persone che non erano state pagate. La prima priorità era quella di pagare tutti: giocatori, allenatori, personale e fornitori. Abbiamo iniziato a rimettere in piedi l’organizzazione societaria, ma era un lavoro che richiedeva la mia attenzione ogni singolo minuto della giornata. Negli ultimi 4 mesi, per me è stato 99% Cosmos e 1% Mediacom. (…)

Così invece parlava Rocco Commisso a La Voce di New York nel febbraio 2017:

Il calcio ha significato molto per me arrivando da Marina di Gioiosa Ionica (Calabria), anche se non ho mai giocato a livelli professionistici. La mia scuola non aveva una squadra di calcio, poi la borsa di studio alla Columbia University mi ha aperto la strada verso il successo. Non potevo permettere che i New York Cosmos fallissero, ho avuto successo nelle mie attività imprenditoriali e ho deciso di restituire qualcosa a questa squadra.Affari? Nel calcio non si fanno affari, forse in Italia ma non di certo negli USA, non mi aspetto di guadagnare soldi con il calcio.

DIRITTI TV, ABBONAMENTI E MAIN SPONSOR: COME CAMBIA LA FIORENTINA CON COMMISSO

 

vnconsiglia1-e1510555251366

Joe Barone al lavoro, sarà lui a riorganizzare i quadri tecnici della nuova Fiorentina

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 4 mesi fa

    Sentite condoglianze a tutti i VEDOVALLE che, inconsolabili, continuano a decantare i defunti. Fatevene una ragione, la vita continua.
    Io non so’ cosa combineranno questi.
    So’ però cosa hanno combinato, E COSA STAVANO COMBINANDO, i defunti.
    Non c’è peggior cieco di chi si ostina a non voler vedere.
    Che riposino in pace. Amen.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. 29agosto1926 - 4 mesi fa

    E’ proprio inutie. Questa storia Dellavalliani e non, durerà ancora per molto e pensare che non serve a niente se non portare avanti il proprio EGO degli uni e degli altri. Einstein diceva che “La misura dell’intelligenza è la capacità di cambiare.” Frase sprecata per questo sito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lollo26 - 4 mesi fa

      Infatti basta, della valle se ne è andato, non parliamone più e riuniamoci tutti, adesso sosteniamo commisso che avrà un ruolo molto difficile con chiesa dopo la patata bollente che gli hanno lasciato con quel comunicato.
      Sono fiducioso che anche senza chiesa farà una grande squadra.
      Forza Viola

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. wolwerit - 4 mesi fa

      Ovazione per un commento che la pensa come me io non ho mai giustificato gli errori ma non ho neppure mai denigrato i dv che comunque lasciano la squadra meglio di come L hanno trovata….e L ora di finirla con la moda di infamarsi la passione deve unire non dividere tutti quelli che si professano tifosi Viola hanno a cuore solo la squadra i giocatori allenatori presidenti sono di passagggio L amore per la maglia resta immutato al campetto di periferia al bernabeu

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Lollo26 - 4 mesi fa

      Esattamente, adesso serve unità e sperare che commisso ci dia una squadra un po’ più competitiva

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. AlwaysSameBlaBlabla - 4 mesi fa

      troppo facile, dopo aver rotto le palle a mezzo sito perchè i dv erano i salvatori, ora che anche agli stolti è chiara la loro condotta, vorresti che ci si dimenticasse la boria con la quale te e altri tuoi simili vi siete interfacciati con tutti gli altri tifosi? Vai a casette d’ete e goditeli, loro, gnigni e corvino, vai a onorarli tutti i giorni. Ma evita di fare il finto buonista del VOLEMOSE BENE perchè i tuoi “comprala te”, “non ci vuole nessuno” si possono trovare ovunque nel sito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Davide - 4 mesi fa

    La Fiorentina ha perso un grande Presidente,forse l’unico che ha passione per la propria squadra.I soldi non sono tutto nel calcio,oggi si scende,domani si sale,purtroppo il calcio in generale sta perdendo,contano solo i soldi,conta solo la champions,non c’è più passione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Barsineee - 4 mesi fa

    Magari si compra DAZN e ci mette la Liotta come cheerleader tutte le domeniche! Sperando che i giocatori poi corrano più veloce della connessione di DAZN

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Xela - 4 mesi fa

    prendiamo anche altri punti però…

    “C’erano la scuola, le lezioni di fisarmonica e quelle partite sull’asfalto fantasticando di essere Charles o Sivori: “Tifoso della Juve perché a fine Anni 50 vinceva e la Gazzetta che leggevo dal barbiere ne aveva le pagine piene”. Quell’amore per i bianconeri è il ricordo prezioso che mise in valigia nel 1962, quando con mamma e due sorelle raggiunse papà Giuseppe, un falegname ex prigioniero di guerra in Africa, in Pennsylvania, per poi traslocare un anno dopo nel Bronx: “Se nel 2010 non mi sono unito a Di Benedetto per entrare nella Roma è anche per la mia lealtà alla Juve. Non l’unica ragione, però. A me piace essere al centro di un progetto e non avrei avuto controllo. Ho ricevuto offerte dall’Italia, e non solo, per acquisire un team, ma il sogno è un investimento significativo nella Juve”.”

    l’importante sarebbe per tutti gli antidellavalle che in questo momento mangerebbero una scarpa dicendo che è buona come una bistecca che siano consapevoli che questo tizio viene solo a fare affari, a portare il suo mercato in italia e che della fiorentina, di firenze e dei fiorentini non gliene può fregare una cippa mezza. SONO SOLO AFFARI. la mia speranza è che abbia volontà di successo e che metta gente preparata per questo sport. dai dirigenti ai giardinieri. questo è un tifoso juve che si fa andar bene una squadra come la fiorentina pur di esportare il proprio brand o quel che sarà. ovviamente sbrodolerete quando dirà le solite 3 cose ruffiane che piaceranno ai tifosi ma la realtà è solo una. a me va bene così, pur di ripartire. a lenzuolai per quanto se lo faranno andare bene?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alan1971 - 4 mesi fa

      Al contrario di te, io non ho tutte queste certezze su cosa farà o cosa non farà, sul fatto che sia qui “solo per fare affari” oppure no

      Ma un dato è certo:
      il sign. Commisso ha messo in 1 (un) giorno tutti i quattrini che i DDV hanno messo in 17 anni… mettendone 10-12 scarsi all’anno fino al 2016 (poi autofinanaziamento totale) e rinfacciandoceli tutti gli anni…

      Non so che Fiorentina vorrà fare, ma certo presentarsi staccando un assegno da 170 milioni (gli scarpari l’avevano avuta gratis…) mi pare un’ottima cosa.

      Detto questo, io tifo Fiorentina a prescindere dal proprietario, mentre consiglio a chi tifa Sandellaballese di informarsi a che ora parte il regionale per Casette d’Ete e recarvicisi quanto prima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bati - 4 mesi fa

        pensa, è praticamente impossibile comprare una società di calcio senza doversi accollare anche dei debiti di questi tempi. Commisso lo ha evitato. Se la Fiorentina si è potuta vendere è anche grazie a questo. Chi comprato Inter e Milan oltre al costo si è preso anche circa 200 milioni di debiti da ripagare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alan1971 - 4 mesi fa

          … ci mancava pure che dopo aver venduto pure il rame delle grondaie negli ultimi 3 anni e averci ridotto a giocarci la salvezza con Empoli e Genoa (già dimenticato?…) avessero pure lasciato debiti in giro.

          Non l’hanno fatto, ma se questo è il massimo che puoi aspirare nella tua vita da tifoso non sei proprio messo tanto bene, lasciatelo dire.

          Quando il calcio diventa (come negli anni degli scarpari) una lezione di ragioneria applicata, va a perdersi il senso stesso del “pallone”…mentre gli Alonso e i Salah vincono Europa League e Champions, qui c’è gente come te che li ringrazia per aver venduto i suddetti e non aver lasciato debiti… pensa a come siete messi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. bati - 4 mesi fa

            ovviamente non hai capito il senso del discorso ma chissenefrega

            Mi piace Non mi piace
        2. robigol69 - 4 mesi fa

          Pensa un po’ … Che “tifoso” che sei, ( tifoso o cliente ??? ) dove la prima preoccupazione eì’ se la società’ fa i debiti oppure no. Poi quello che fa a livello sportivo e’ secondario; per te e tutti gli altri adulatori dei fratellini andavava bene se per anni si galleggiava a centro classifica, se non peggio, senza un minimo di ambizione, che non significa, ambire allo scudetto, ma magari giocare costantemente in europa, vedere la capacita’ dei dirigenti che SANNO FARE CALCIO, vedere un dirigente di riferimento che CI METTE LA FACCIA se le cose non vanno bene,.. etc MA NO! L’importante che la società’ non abbia debiti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Aoi_Haru - 4 mesi fa

      Evitando sempre di dire che fosse comunque un calciatore che vuol ripagare il calcuo per quel che gli ha dato (pare che lo stadio del suo college sia stato rinominato in suo onore).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Parpol - 4 mesi fa

      nel calcio quasi mai nessuno opera nella squadra per cui fa il tifo… giocatori, allenatori, dirigenti… eppure sono acclamati per quello che possono dare per questa o quella bandiera…
      Commisso è appassionato di calcio e questa è LA NOTIZIA che dovrebbe far star tranquilli noi tifosi viola. Starà alla storia dire quanto capirà di noi fiorentini e quanto noi capiremo di lui e se ci sarà quella sintonia ed empatia che è mancata totalmente con i Della Valle…
      Se scoccherà la scintilla si innamorerà di Firenze e della sua gente e sarà il primo tifoso Viola, altrimenti sarà una lenta attesa fino al prossimo presidente e alla prossima proprietà.
      Riusciremo a farlo innamorare? Se viene anche per interessi aziendali, mi sembra lecito che lo faccia, ma non deve essere l’unico obiettivo… che il brand Firenze attiri per marketing e pubblicità è per noi Viola una garanzia di sopravvivenza anche per gli anni futuri…

      Ringrazio i DV per l’impegno e la serietà della gestione economica, ma non mi sono piaciuti nella comunicazione con i tifosi e con la città intesa anche come istituzione. Ritengo comunque per risultati una buona gestione e a parte gli ultimi 3 anni abbiamo avuto una continuità di presenza in europa mai avuta nelle gestioni precedenti. L’osannato Cecchi Giri, oltre ad averci fatto retrocedere 2 volte e fallire una volta, manteneva una squadra dal settimo organico in serie A, eravamo la settima delle 7 sorelle… anche Parma e Lazio erano nettamente migliori di noi nel complesso…. leggevo di Eriksson che ha vinto 7 trofei con la Lazio… noi 2 Coppe Italia e una Super Coppa… il Parma vinse anche in Europa mi sembra…
      Era un altro calcio dove l’Italia dettava legge e tutti i campioni venivano da noi… ora è diverso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. bati - 4 mesi fa

      Nel gioco della giostra, i DV ora sono i tiranni e Commisso è il salvatore. I proprietari giocano sempre entrambi i ruoli. Il nuovo ora è un dio immacolato a cui tutto è permesso perfino professarsi juventino fino al midollo. Il conto dai soliti entusiasti adulatori senza cervello gli verrà presentato ai primi incidenti di percorso. Berlusconi prima di riuscire a prendere il Milan provò a comprare l’Inter ma non ci riuscì. Gli serviva una squadra di calcio come volano di popolarità per le sue attività imprenditoriali prima, ma soprattutto politiche dopo. Il Milan fu per lui decisivo. Speriamo che questo abbia davvero l’obbiettivo di partecipare alla futura super league europea con la Fiorentina. Da tycoon televisivo da dove Pproverranno i suoi guadagni futuri appare decisamente intuitivo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. filippo999 - 4 mesi fa

        io sono contrario alla Superleague , anche se ci avesse preso Bezos…
        odio le disparità , nello sport poi , ancora meno..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. filippo999 - 4 mesi fa

      in compenso , Diego Della Valle era , è , e resterà interista….e quindi ?
      Suning è nato interista ? Elliot era un tifoso di Rivera e quindi ha preso il Milan ?
      Psg ? City ? Pallotta ?….che poi dovete far pace con voi stessi : prima dite che
      nessuno vuole la Fiorentina perchè non ci si può guadagnare , anzi ci si
      rimette , adesso scrivi che Commisso viene qui per affari….grande confusione sotto il cielo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy